Skip to main content

“In Molise si chiacchiera tanto senza risolvere quasi nulla: occorre portare a Roma le tante emergenze e le troppe vertenze sul lavoro”. Così Tecla Boccardo, leader della Uil molisana, secondo la quale in mancanza di un vero investimento sul territorio la «il debito si riprodurrà ancora più velocemente. Le risorse si possono trovare agendo su alcuni bubboni della nostra sanità.

Un esempio per tutti è la mobilità passiva (cioè il fatto che i molisani vanno altrove a farsi curare ‘e la Regione paga!’): dieci milioni di euro sono i costi aggiuntivi della mobilità passiva, soldi sottratti alla sanità molisana, ricchezza portata in altre Regioni, posti di lavoro persi qui e realizzati altrove. Queste risorse devono restare in Molise e finanziare i servizi essenziali, i progetti di investimenti tecnologici, l’innovazione e l’integrazione pubblico-privato accreditato. Anche le risorse risparmiate con la chiusura degli ospedali minori vanno utilizzate per potenziare la medicina sul territorio e il sistema sanitario, piuttosto che buttarle nel pozzo profondo della spesa corrente. Su voci di questo tipo occorre agire, altro che tagli lineari che tentano di risolvere, peraltro solo temporaneamente, il problema del pareggio di bilancio».

Siamo convinti, continua la Boccardo, «che la vera riforma non è solo l’ospedale unico, ma è un “sistema a rete unica” che pone al centro la presa in carico del cittadino in tutte le fasi della vita, per garantire prima la salute e poi la cura, in un percorso in cui il medico di medicina di base deve avere ruolo fondamentale. È in un ‘sistema a rete’ che si realizza una vera simbiosi tra pubblico e privato accreditato (strumento utile anche per rinnovare la rete ospedaliera e la dotazione tecnologica), che rafforza complessivamente la sanità molisana, limita la mobilità passiva, implementa la medicina sul territorio e sostiene la permanenza a casa delle persone anziane attraverso una nuova rete integrata di teleassistenza sanitaria, spostando strutture e servizi dall’ospedale al territorio».

http://www.primonumero.it/attualita/news/1482502186_-tecla-boccardo-uil-su-sanit-tra-i-bubboni-c-la-mobilit-passiva.html

Leave a Reply