Skip to main content

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO. COMUNICATO STAMPA. Parte con la consegna alla direzione aziendale del Pronto soccorso di Treviglio di una fotografia realistica della difficoltosa e gravosa situazione presente ormai da mesi al medesimo pronto soccorso, l’incontro avuto nell’interesse della tutela del personale medico e del comparto oltre che del miglioramento qualitativo dell’erogazione del servizio per la cittadinanza, tra la UIL-FPL – nella persona pro tempore del Segretario Generale Morbi Alessandro – coadiuvato del funzionario Dott.ssa Rossella Buccarello e dai delegati interni alla sulla struttura – avuto il giorno 10 gennaio 2017 con i vertici della dirigenza dell’ASST.

Obiettivo dell’incontro, è la promessa all’impegno e ad un intervento imminente al fine di ristabilire condizioni di sicurezza per gli operatori e porre risposte alla domante e i dubbi sollevati relativi alle affluenze, gestione codici di accesso e personale in organico. L’amministrazione, approvate le argomentazioni, ha da subito mostrato interesse e piena volontà collaborazione al fine di strutturare una soluzione che possa essere concreta e immediata. Piena soddisfazione dei funzionari della UIL-fpl che da subito hanno esordito chiarendo come l’intento non fosse quello di puntare il dito contro l’amministrazione, dichiarano infatti: “siamo consapevoli di come tali problemi siano presenti nella maggior parte dei pronto soccorso d’Italia, ma riteniamo che un’azione condivisa con il sindacato, quale rappresentanza degli attori coinvolti, possa essere l’incipit iniziale per un lavoro concreto, coinciso e d’impatto sul territorio”. Per superare i caos dei pronto soccorso ci vuole l’impegno e la collaborazione di tutti. Il sindacato non si esime di criticare anche la politica: Il governo dovrebbe valutare attentamente la situazione Nazionale, non è più sostenibile il blocco delle assunzione e le limitazioni dei turn-over. La Regione dovrebbe monitorare e potenziare l’assistenza sul territorio per la gestione delle emergenze, tassello imprescindibile per decongestionare la situazione delle lunghe attese. Bisogna predisporre una capillare campagna di sensibilizzazione nei confronti dei cittadini, l’accesso ai pronto soccorso va limitato alle vere emergenze, è fondamentale rivolgersi nei casi minori al proprio medico curante o alla guardia medica.

Leave a Reply