chiudi

NURSING UP

Sindacati

NOTORIUS IN ASL VITERBO

200px-Notorious_(1946_film_poster)

Il Sindacato degli Infermieri Italiani   

Segreteria Area Nord Lazio                                                                                         Prot. 41/2021                             

Oggetto: Esposto/denuncia. Criticità nella gestione del servizio ambulanza della ASL Viterbo

Che da tempo nella ASL di Viterbo la carenza di autisti costituisca un grave problema è cosa nota a tutti, è altrettanto noto che nel corso degli anni sono stati anche assunti degli autisti di ambulanza che il giorno stesso in cui hanno preso servizio sono stati dichiarati non idonei a guidare l’ambulanza. E allora arriva la soluzione, utilizzare gli infermieri e gli amministrativi al posto degli autisti, consolidando una prassi che vede già gli infermieri sostituire gli OSS (altra figura prevista, ma praticamente assente in organico, oppure, utilizzata in altre mansioni).

continua
Sindacati

PQM: IGNORANTIA IURIS NON EXCUSAT

KeRnSoMwArE

Riceviamo da Nursing Lazio e pubblichiamo.

Al Garante della Privacy

Oggetto: trattamento illecito di dati personali sensibili, violazione del Direttiva EU 680/2016, decreto legislativo n.51 del 2018, degli artt. 3, 8, 21 della Carta Europea dei diritti fondamentali e dell’articolo 2 ter del Codice Privacy

 

Spett.li Ordini e Autorità,

in merito al cosiddetto obbligo vaccinale per il trattamento dell’agente biologico COVID 19, il decreto legge n.44 del 1 aprile 2021 prevede all’art. 4 una serie di adempimenti per gli ordinip professionalie datori di lavoro che comportano il trasferimento ed il trattamento di dati personali sensibili degli iscritti e dei dipendenti.

Ai sensi del decreto legislativo n.51 del 2018, che dà attuazione alla direttiva EU 2016 n.680, il trattamento dei suddetti dati è possibile solo in ambito penale ma non in materia sanitaria, perciò, al di fuori del ambito penale il trattamento è illecito.

continua
Sindacati

OBBLIGO VACCINALE: IL PUNTO DI VISTA SINDACALE PARTE VI°

photo-1567875648323-9ac37d104786

Riceviamo da Nursing Up Lazio, non condividiamo ma pubblichiamo: non compete ai sindacalisti dare la patente di legittimità costituzionale ad un decreto legge. E l’invocata autodeterminazione propria cessa quando invade pesantemente i diritti degli altri. (Ndr)

 

Oggetto: “Imposizioni per chi lavora con i malati” Vaccino o no, un bel precedente a farci fare tutto quel che ci dicono? …non immagino un futuro roseo!

Le disposizioni, così come diramate, lasciano perplessi. Il documento, infatti, non può non lasciare esitanti, dal momento che è necessario anche sottolineare che l’adesione alla vaccinazione del personale sanitario è stata straordinariamente rilevante. Noi, però cercheremo di aiutare anche quella quota di colleghi, anche se una quota residuale”.

continua
Sindacati

UNA TELEFONATA RACCAPRICCIANTE COMPLICA LA VITA SINDACALE

Immagine2

Da regionale lazio nursing up

Assessorato alla Sanità e Integrazione Socio Sanitaria Regione Lazio

Oggetto: vaccini e loro somministrazione

Ho ricevuto una telefonata raccapricciante, che sono disponibile a denunciare in ogni sede, nel caso riceva altre comunicazioni dello stesso peso.

Una ASL della Regione Lazio ha predisposto la somministrazione di vaccini sul territorio, verosimilmente una clinica convenzionata o una casa di riposo.

L’Infermiere come sappiamo per la somministrazione di un farmaco, come di un vaccino, adempie a vari controlli prima, durante e dopo la somministrazione svolgendo funzioni di garante della sicurezza  prevenendo eventi avversi. 

continua
Sindacati

NURSING UP ED INFERMIERISTICA SCOLASTICA IN ASL BARI

photo-1509191436522-d296cf87d244

Riceviamo e pubblichiamo

 

«Accogliamo con soddisfazione la brillante iniziativadell’Asl di Bari che ha previsto il reclutamento di 110 infermieri che verranno impiegati dal Dipartimento di Prevenzione per tutte le attività territoriali legate all’emergenza Covid. Tra queste, in particolare l’Asl di Bari immagina il collocamento di infermieri in presidi sanitari scolastici».

continua
Sindacati

TAR CAMPANIA AD ASL CASERTA: STABILIZZARE GLI OPERATORI SANITARI DELLE COOPERATIVE

photo-1605822964483-d64f5e574ffc

RICEVIAMO DA UFFICIO STAMPA NURSING UP E PUBBLICHIAMO

“In Campania, territorio dove la precarietà degli operatori sanitari è da troppo tempo all’ordine del giorno, nell’ambito di un sistema negli anni vessato dai tagli e dalle scellerate gestioni, il precariato rappresenta una piaga da debellare: da troppo tempo gli operatori sanitari pagano sulla propria pelle le lacune di un sistema che non li valorizza, rispetto ad anni di lavoro costruito su conoscenze, esperienza e qualità umane, al servizio dei pazienti.

Abbiamo sostenuto legalmente le richieste di numerosi precari, contro la Asl di Caserta: stiamo parlando di operatori delle cooperative, che da oltre dieci anni si sono visti usati nelle forme più disparate. Abbiamo però toccato il fondo, quando, l’azienda sanitaria locale, di fronte alla legge che evidenziava la necessità di stabilizzare coloro che erano dipendenti presso le ASL, ingabbiati appunto in contratti non a tempo indeterminato, escludeva indebitamente da questo privilegio gli operatori sanitari delle cooperative, negando loro la possibilità offerta agli altri colleghi. Considerandoli inopinatamente “professionisti di serie B”.

continua
Sindacati

DRIVE-IN ROMA: FINCHÉ NEVE NON CI SEPARI

photo-1554417063-60e738613596

NURSING UP LAZIO a

Dott. Egidio Schiavetti

Responsabile della segreteria

Assessore alla sanità e integrazione Socio Sanitaria

17 gennaio 2020

Oggetto: tamponi, drive-in di Roma: “il personale sarebbe privo delle protezioni per il freddo”

Così scrissi in regione Lazio il 5 dicembre 2020.

La presente poiché già nel passato ho scritto per segnalare che i colleghi, impegnati presso i drive in, lavorano al freddo ed all’addiaccio, come succede per gli animali, le greggi, ma nella stagione che lo consente.

Oggi, su facebook, una ASL del Lazio, celebrava con una fotografia, professionisti sanitari all’aperto, con la divisa di cotone; la cuffietta tipica delle sale operatorie, anch’essa di cotone; ed un felpino di probabile materiale sintetico; …..per non parlare delle scarpe indossate, mentre nevicava! …poi ci stupiamo che gli operatori sanitari si ammalano, e com’è successo nel passato si accusano di assenteismo “ingiustificato”?

continua
NURSING UP

P.Q.M. DICHIARA ILLEGITTIMO IL LICENZIAMENTO DEL CPSI AUSL UMBRIA 2

photo-1599325313240-0402a1ba2c66

Gentile Direttore,

voglio condividere questa sentenza, affinché sia di esempio.

Il collega, non saprei dire se scientemente o ingenuamente ha dichiarato di non avere procedimenti penali in corso.

Quante volte, nello stilare la domanda per un concorso, abbiamo scritto di: “non aver riportato condanne penali”.

continua
Sindacati

SI VACCINA? GOVERNO LADRO…

photo-1574434273760-54ce56c94c33

«Ci convince poco o nulla di questo bando del Commissario Arcuri per reclutare personale per le vaccinazioni anti-covid. Fiumi di denaro nelle mani di agenzie esterne, quando si sarebbero potuti integrare gli stipendi di infermieri ed altri professionisti sanitari con prestazioni aggiuntive, offerte direttamente agli operatori non già impegnati in prima linea, presenti comunque nelle aziende sanitarie locali»

 

ROMA 14 DIC 2020 – «Non riusciamo proprio a digerire il programma di reclutamento che il Governo ha messo in atto per ingaggiare medici e infermieri che entro la metà di gennaio dovranno, si spera, ma i dubbi in merito sono tantissimi, avviare una campagna di vaccinazione massiva per debellare il male che ci affligge, il nemico contro cui vincere la battaglia più difficile, il Covid-19.

continua