chiudi

FIALS

Sindacati

SI FA PRESTO A DIRE: SCIOPERO

photo-1597085954983-eac9b2d5a22f

IL GOVERNO PERENNE ASSENTE GIOCA CON LA VITA DEI SANITARI: BASTA! 

SI VA VERSO LO SCIOPERO GENERALE” 

“Fials proclama lo stato di agitazione e annuncia un prossimo sciopero generale. Omicron ha nuovamente alzato la pressione negli ospedali mentre la sanità territoriale si è fatta trovare ancora una volta impreparata. Da due anni, specie a infermieri e OSS, vengono cancellati ferie e riposi. I sanitari continuano a lavorare sottorganico con carichi di lavoro pressoché insostenibili, contrastando non solo la carenza cronica di personale ma anche l’ulteriore peso dovuto alle sospensioni per mancato adempimento dell’obbligo vaccinale.

continua
Sindacati

PUGLIA: CERCASI DIRETTORI GENERALI DISPERATAMENTE

photo-1594403078394-5e67cacd5767

Prot. 015/2022 Bari, 11 gennaio 2022

al dott. Michele Emiliano
Presidente Giunta Regionale Puglia

oggetto: nomina Direttori Generali

A distanza di oltre un mese dalla delibera di Giunta Regionale relativa alle nomine alla carica di Direttore Generale e di Commissario degli Enti e Aziende Sanitarie della Regione Puglia, a tutt’oggi gli stessi non si sono ancora insediati, lasciando in una condizione di precarietà i vertici delle aziende per le quali è previsto un cambio al vertice.

continua
Sindacati

NON C’È NO COVID CHE TENGA… FORSE

325.0.912595003-U3120115433360soF-U33108467638087NE-414×232@Corriere-Mobile-Nazionale_M

LA FIALS DENUNCIA: OPERATORI DEL CROB COSTRETTI A DIALIZZARE UN PAZIENTE AFFETTO DA COVID  IN UNA STRUTTURA NO COVID

Il 7 gennaio scorso il direttore sanitario dell’Irccs-Crob di Rionero in Vulture, dott. Antonio Colasurdo, ha indotto, con un ordine di servizio privo di protocollo e intestazione e perciò di difficile tracciabilità,  gli operatori del centro dialisi, a dializzare un paziente positivo al Covid 19, nonostante il Crob non sia una struttura dedicata al trattamento degli stessi. Tutti i pazienti dializzati affetti da  covid  sono infatti trattati dal San Carlo di Potenza.

Il direttore sanitario per convincerli ha prospettato loro, con atti che  potrebbero integrare la fattispecie   dell’abuso e dell’eccesso di potere, la possibilità di incorrere in conseguenze disciplinari.

continua
Sindacati

SPRECO DENARO PUBBLICO E DANNO D’IMMAGINE?

photo-1494158064015-7ff877b5bb2b

LO SPRECO DEL SACCO CHE SMOBILITA IL CONTAINER PRE-TRIAGE PAGATO, INSTALLATO E MAI UTILIZZATO 

C’è un fatto su cui tutti siamo certi converranno: a due anni dall’inizio della pandemia non è accettabile che un ospedale non abbia un pre-triage capace di dividere realmente i pazienti Covid dagli altri. Non solo al Sacco è così ma proprio in quell’ospedale è stata da poco deliberata la dismissione del container “per la realizzazione di aree pre-triage e attesa a servizio delle aree di pronto soccorso dei presidi ospedalieri Sacco – Fatebenefratelli e Buzzi, necessari alla gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19”, citiamo letteralmente la delibera.

continua
Sindacati

MOBILITAZIONE SINDACALE PER LA MOBILITÀ CONTRATTUALE

photo-1551304710-ece312832e87

Sanità, Fials: Esclusione dei sanitari dalla mobilità volontaria, emendamento pronto per sanare l’offesa agli eroi dimenticati

Carbone: Confidiamo nel senso di equità e giustizia dei senatori delle commissioni che vorranno accogliere la nostra proposta

Roma, 18 giu. – Inoltrato al Senato l’emendamento Fials per sventare la vergognosa esclusione del personale sanitario dalla mobilità volontaria, la proposta è stata inviata alle Commissioni permanenti Affari istituzionali, Lavoro pubblico e privato, Previdenza sociale, Igiene e sanità.

continua
Sindacati

– VIOLENZA SUL PERSONALE SANITARIO, + SORVEGLIANZA, + PREVENZIONE

s-l400_1

Nove sanitari feriti a Imperia, Fials: Mettere in sicurezza il personale a rischio con presidi di sorveglianza e prevenzione attivando l’Osservatorio antiviolenza

Roma, 23 giu. – “Esprimiamo la massima solidarietà e vicinanza agli operatori sanitari coinvolti nell’episodio di inaudita violenza che si è verificato ieri all’ospedale di Imperia, dove alcuni degenti hanno devastato il reparto di psichiatria e ferito sei infermieri, due oss e un medico, ai quali va il nostro augurio di pronta guarigione.

continua
Sindacati

DIGNITÀ E CONTRATTO PER NOVANTAMILA OPERATORI

FIALS_Rinnovo_contrattuale

Covid, Fials a Speranza: Dignità per le professioni sociosanitarie in prima linea contro la pandemia, oltre 90mila operatori attendono un giusto inquadramento contrattuale

Roma, 10 mag. – “Non possiamo più assistere alla bocciatura di emendamenti che vengono prima approvati dalle commissioni, onde poi essere cassati dalla presidente del Senato: parliamo del riconoscimento dell’area sociosanitaria a oltre 90mila oss, assistenti sociali e sociologi. Una proposta di modifica al Dl Sostegni che delude aspettative più che legittime”.

continua
Sindacati

INFERMIERI PRESCRITTORI, AVANTI…

photo-1478744919174-118dbd24973e

Recovery, Fials a Fnopi: Infermieri al centro di nuovi modelli e presa in carico dei pazienti? Benvenga la possibilità di prescrivere farmaci e presidi

Roma, 7 mag. – “Reti di prossimità, case della salute, ospedali di comunità e cure domiciliari a gestione infermieristica sono l’abc di questa professione sanitaria, lo scrive la Federazione (FNOPI) in una nota del 5 maggio e lo prevede la Missione 6 del Recovery Plan recapitato a Bruxelles.

continua
Sindacati

QUALE SICUREZZA SUL LAVORO NEI LUOGHI DOVE SI CURA

photo-1585562125287-d748f3097a8f

Sanità Lazio. Fials, su sicurezza nei luoghi di lavoro Cto corra ai ripari

Dopo ripetute richieste non assolte dalla direzione generale dell’azienda, corre l’obbligo di assumere le dovute cautele per verificare lo stato di sicurezza dei luoghi di lavoro interni al nosocomio Cto Alesini in seno all’Asl Roma 2.

continua
Sindacati

C’ERA UNA VOLTA IL 1 MAGGIO

photo-1597085954983-eac9b2d5a22f

“Se il primo maggio è la festa del lavoro, c’è davvero poco da festeggiare con un milione di occupati in meno rispetto a prima della pandemia e la crisi economica che ha approfondito le povertà già esistenti. Anche i lavoratori del comparto sanità, sia pubblici che privati, hanno pagato il conto della crisi, tra precariato dilagante e tagli camuffati ai fondi contrattuali.

Troppo spesso incerti sul loro futuro e ancora trattati come prestatori d’opera ‘usa e getta’.

continua