Skip to main content

Era rimasto appeso ancora un ramo, di certo non il maggiore, della mega inchiesta sull’Asl di Benevento svolta dalla Procura della Repubblica di Benevento. Indagine che ha già portato all’apertura di vari dibattimenti, il più noto dei quali è quello che vede imputata, con gravi accuse, a deputata di Forza Italia, Nunzia De Girolamo, oltre al precedente management dell’Azienda Sanitaria Locale.  Ieri anche per il residuale aspetto c’è stata una pronuncia del Giudice Flavio Cusani. La Procura aveva chiesto al Gip l’archiviazione, dalle iniziali proprie accuse, per turbativa d’asta e abuso di ufficio, nei confronti della De Girolamo, del citato management (Michele Rossi, Gelsomino Ventucci, Felice Pisapia), di due collaboratori della De Girolamo (Luigi Barone e Giacomo Papa) e del funzionario dell’Asl Arnaldo Falato. Contro tale scelta degli inquirenti si erano opposti i legali della società Sanit che si è sentita illegalmente danneggiata dai sette sunnominati nella gara per l’assegnazione del servizio 118 di pronto soccorso dell’Asl.

Cusani, per la vicenda Sanit, ha confermato l’archiviazione, per tutti i 7 indagati, dell’accusa di turbativa d’asta e, per sei di loro, anche per l’accusa di abuso d’ufficio. Per quest’ultima accusa, però, ha disposto l’imputazione coatta per il solo ex direttore generale Michele Rossi.

http://www.ilvaglio.it/article/4843/asl-vicenda-sanit-6-archiviazioni-e-un039imputazione-coatta.html

Leave a Reply