Skip to main content

Presentate contestazioni e diffide legali. In almeno due quesiti la letteratura dimostrerebbe come le risposte esatte siano più d’una. Si lascia alle spalle una scia di polemiche il concorso, indetto dall’Azienda Sanitaria Locale Cn1, Cn2 e dall’Azienda ospedaliera Santa Croce e Carle, per l’assunzione di cinque collaboratori professionali sanitari, insieme di parole con il quale si individua e definisce la figura di infermiere.

Il palazzetto dello sport di San Rocco di Castagnaretta ha accolto i più di duemila candidati alla prima prova, con lo scopo di effettuare una prima “scrematura” e selezionare gli infermieri da far poi approdare al concorso “vero”, composto da prova scritta e orale.

Alcune delle trenta domande della preselezione però sono state oggetto di contestazioni da parte di qualche candidato.

Nello specifico quella che chiedeva di definire il paziente “oligurico” (vale a dire con una riduzione della eliminazione di urina) e quella sulla prevenzione delle infezioni da catetere intravascolare (usato frequentemente nella pratica clinica per rendere disponibile un accesso venoso sia di lunga durata che di breve durata).

Domande a scelta multipla, con la possibilità di scelta tra quattro risposte, contraddistinte con le lettere A, B, C e D. La commissione esaminatrice ha previsto la validità di una sola risposta per ogni quesito.

Proprio questo aspetto è stato alla base delle contestazioni presentate.

Nel primo caso, la domanda recitava (testualmente) “Un paziente adulto si definisce oligurico se la quantità di urine escrete nelle 24 ore è inferiore a…”, chiedendo al candidato di scegliere tra le opzioni (100, 300, 400 o 500 millilitri).

La risposta ritenuta corretta dalla commissione è stata 400 ml, basandosi probabilmente su quanto riportato nella “bibbia” infermieristica, vale a dire il volume di Brunner e Suddarth, dal titolo “Infermieristica medico-chirurgica”.

Un’altra parte della letteratura internazionale dedicata alle scienze infermieristiche riporta però dati differenti.

Come ad esempio il testo “Principi fondamentali dell’assistenza infermieristica” (Craven e Hirnle), dove si legge “oliguria è la formazione ed escrezione di una diminuita quantità di urina o di una diuresi inferiore a 500 ml nelle 24 ore” o il “Trattato di cure infermieristiche” di Saiani-Burgnolli che parla di oliguira qualora la “quantità (di urina: ndr) prodotta è inferiore a 500ml nelle 24 ore

Si evince quindi come l’intervallo per la definizione di oliguria possa essere compreso tra i 400 ed i 500 ml.

Stessa situazione anche per quanto riguarda il quesito sui cateteri intravascolari.

“Facendo riferimento – recita la domanda del concorso – alle linee guida per la prevenzione delle infezioni da cateteri intravascolari emanate dal CDC/MMWR nel 2002, quale tra le seguenti raccomandazioni per la prevenzione delle infezioni è vera”?

Coloro che hanno scelto “Le linee infusive devono essere cambiate non più frequentemente di 96 ore” hanno avuto modo di notare come la loro risposta sia stata considerata errata.

Anche in questo caso sono partite contestazioni, prendendo in considerazione proprio la stessa linea guida citata nel quesito, emanata dal “Centers for Disease Control and Prevention” nel “Morbidity and Mortality Weekly Report”, dove si legge come “i cateteri venosi periferici vanno sostituiti almeno ogni 72-96 ore negli adulti”.

Su entrambi i quesiti sono state presentate formalmente delle contestazioni e delle diffide legali. L’unica nota ufficiale in merito è comparsa sul sito internet della Cn1.

In riferimento alle richieste di chiarimenti – scrive l’Asl – pervenute relative ai quesiti/risposte posti nella prova preselettiva, la Commissione esaminatrice conferma che una sola delle alternative indicate era corretta e, come tale, viene considerata valida. I quesiti e le relative risposte sono stati attinti da testi sulla specifica materia.

http://www.targatocn.it/2016/12/22/leggi-notizia/argomenti/attualita/articolo/polemiche-sulla-definizione-di-oliguria-nel-concorso-per-infermieri-di-asl-e-azienda-santa-cro.html

Leave a Reply