chiudi
CGILR.S.U.

MARCHE: PRECARI SI NASCE, STABILIZZATI SI DIVENTA

photo-1567677917221-3229fddf8d73

Riceviamo e pubblichiamo

STABILIZZAZIONE “COVID” DEI PRECARI
Proprio non serve esultare o fare falsi trionfalismi, illusori.
Occorre rispetto per i professionisti e per gli utenti del Servizio Sanitario Pubblico.
Perché assolutamente deludente è risultato il Tavolo svolto in Regione Marche in data 19 corrente mese sulla questione della stabilizzazione “COVID” dei precari.

Innanzitutto va detto subito che, se a quel Tavolo si è incominciata a vedere finalmente una Bozza di testo di Delibera di Giunta Regionale Marche su tale specifica stabilizzazione (promessa da mesi e mesi ai Sindacati regionali e mai vista), rispetto al quale la stessa Regione è in fortissimo ritardo (mentre le altre Regioni hanno già proceduto da tempo nel corrente anno) è solamente perché il giorno prima, la medesima, è stata incalzata a dovere, in sede di Assemblea Legislativa Marche, da una mirata Interrogazione che chiedeva a gran voce la stabilizzazione del personale precario, TUTTO, sia quello in servizio che quello non più in servizio, impegnato durante il COVID, in possesso dei relativi requisiti previsti dalla Legge di Bilancio 2022 (18 mesi maturati al 30.6.2022, di cui almeno 6 registrati nel periodo tra il 30.1.2020 ed il 30.6.2022).
E’ sembrato, insomma, un Tavolo di facciata, illusorio appunto.
La Regione si è presentata impreparata al Confronto, ossia senza il Dato completo, distinto per ogni singolo Ente del Servizio Sanitario Regionale Marche, circa quanti precari del Ruolo Sanitario (Dirigenza e Comparto) e del Ruolo Tecnico (esclusivamente gli Operatori Socio Sanitari) presentino i requisiti della stabilizzazione “COVID” per ognuno di essi dando impressione di approssimazione e di fare le cose per sceneggiata.

Nessuna precisazione o chiarimento, peraltro, circa QUANDO verrebbe pubblicata, sull’Albo Pretorio della Regione Marche, la Delibera di Giunta Regionale sulla stabilizzazione “COVID”, il cui testo, comunque deludente nel merito (e vedremo perché a seguire) sarebbe quello presentato al medesimo Tavolo.

Ciò a testimonianza di una palese discontinuità rispetto ai precedenti processi di stabilizzazione, quelli “Madia”, attuati dalla Regione Marche, dove l’importanza superiore di emettere una Delibera specifica, in qualità di Linea Guida, consisteva giustappunto nel fatto che veniva fornita, a tutti gli Enti del Servizio Sanitario Regionale Marche, formale e sostanziale autorizzazione a prorogare, ogni volta, ogni precario presentante lo specifico requisito alla stabilizzazione, in occasione cioè della scadenza del singolo Contratto a tempo determinato, proroga concessa oltre il limite consentito dalle norme contrattuali, ammessa, nel qual caso, nelle more del completamento del processo di stabilizzazione entro il termine imposto dalla Legge.

Invece, in questo caso, per restare ai circa 120 precari dell’Area Vasta 2 con i requisiti “COVID”, di cui 90 Infermieri e 30 Operatori Socio Sanitari (da nostre stime, perché la Regione, come detto, non ha fornito Dati), nessuna rassicurazione e certezza è stata fornita, da parte della Regione al Tavolo a proposito del fatto che essi, i precari aventi i requisiti della stabilizzazione “COVID”, alla scadenza dei personali Contratti a tempo determinato in data 31.12.2022, saranno prorogati, anche SE venisse pubblicata (QUANDO ?) la Delibera di Giunta Regionale Marche in questione!

Governo, non essendo abituati a stare con le mani in mano.

Altamente offensivo colpire in tal modo, su tutto il fronte, un settore nefralgico come la Sanità Pubblica, negando la stabilizzazione a livello regionale e la chiusura del Contratto a livello nazionale, in un momento in cui andrebbe riconosciuto il premio a chi ha lavorato durante il COVID e le cui famiglie, OGGI, sentono il grossissimo peso del caro vita.

 

Giacomo Mancinelli
Dirigente sindacale, componente RSU per la FP CGIL dell’Area Vasta 2