chiudi

Europa

Europa

SALVATE IL SOLDATO FLORENCE!

Screenshot_20200211-103801339_1

The Florence Nightingale museum has been abandoned

The Florence Nightingale Museum is unwell. Just as the government announced that Nightingale hospitals were being ‘reactivated’ to cope with the surge in coronavirus cases, the museum’s Director David Green also had something important to say. To prevent the museum becoming financially insolvent, their galleries are closing indefinitely. Any attempt to reopen in the coming months would just be ‘prolonging the inevitable’.

continua
Europa

DEEP NIGHT FOR FLORENCE NIGHTINGALE MUSEUM

photo-1597098494474-5847752bbc47

Il Museo Florence Nightingale sta chiudendo i battenti, nel tentativo di evitare la bancarotta dopo che il numero di visitatori è diminuito drasticamente durante la pandemia.

Il museo, che ha sede nel terreno del St Thomas ’Hospital, ha annunciato una revisione delle sue operazioni e afferma che i licenziamenti sono” probabili “.

continua
Europa

NON C’E’ LIMITE AL PEGGIO III°

Immagine4

In Kazakistan una infermiera somministra un clistere di acqua bollente ad un neonato. Il bimbo, gravemente ustionato, lotta tra la vita e la morte.

Un neonato lotta tra la vita e la morte dopo che un’infermiera gli ha somministrato un clistere contenente acqua bollente. L’orrenda vicenda è accaduta in Kazakistan meridionale, e dal giorno dell’incidente il bambino piange disperatamente e sanguina ogni volta che deve andare in bagno.

Neonato ustionato in ospedale

Il piccolo Nurislam era stato ricoverato in ospedale a causa di un ‘infezione respiratoria. La mamma, Arainur Kalkaman, racconta ai media di come il figlio dopo tre giorni di cure stesse meglio. L’incubo è iniziato quando un’infermiera ha deciso di somministrare al bambino un clistere contro la stitichezza.

continua
Europa

DIRITTO DEL LAVORO E UNIONE EUROPEA TRA INTERVENTI MANUTENTIVI E MANIPOLATIVI

PIZZOFERRATO

L’Unione europea, nel triennio passato dalla pubblicazione della prima edizione, ha subito un frenata inaspettata dal referendum britannico che ha decretato il leave del Regno Unito, lasciando nella squadra europea la sola Irlanda. La frattura, che formalmente si realizzerà nella primavera 2019 dopo il prescritto periodo di Brexit negotiations, ha prodotto negativi effetti economico- finanziari interni all’UK, ma soprattutto si è abbattuta sulle già fragili Istituzioni europee, inducendo nuovi o latenti rigurgiti nazionalistici anche in numerosi altri paesi membri dell’Unione.

continua
Europa

LE CODE DE DEONTOLOGIE DES INFIRMIERS, LA RECONNIASSANCE DE L’AUTONOMIE D’UNE PROFESSION

Immagine1

Liberté, Égalité, Fraternité 

Le code de déontologie des infirmiers (publié le 27 novembre 2016)

La reconnaissance de l’autonomie d’une profession

Près de 70 ans après les médecins ou les sages-femmes, les infirmiers se dotent enfin de leurs propres règles d’exercice professionnel.

Publié le 27 novembre 2016 par décret au Journal officiel, le code de déontologie des infirmiers comprend l’ensemble des droits et devoirs des infirmiers, quels que soient leurs modes ou lieux d’exercice.

Il clarifie notamment les relations avec les patients, les autres membres de la profession et les autres professionnels de santé.
La publication du 1er code de déontologie des infirmiers marque la reconnaissance de l’ensemble d’une profession de plus en plus autonome.

continua
Europa

GRECIA: SALARI DIGNITOSI E CONDIZIONI DI LAVORO EQUE

Immagine8

Il terzo piano di aiuti per la Grecia è finito, ma il paese rimane incatenato alle richieste di austerità dei suoi ex creditori. E i sindacati preparano le prossime mosse, a partire dall’inizio di settembre, quando, all’apertura dell’annuale fiera di Salonicco, il premier Alexis Tsipras presenterà il suo nuovo piano di politica economica.

Per allora, il sindacato dei dipendenti pubblici Adedy e quello del settore privato Gsee hanno organizzato una grande manifestazione per chiedere l’eliminazione di tutte le misure contenute dal memorandum.

continua
Europa

SCAMBIO DI NEONATI A PODGORICA: TUTTI I RESPONSABILI SARANNO SANZIONATI

Immagine21

I genitori di un neonato sono tornati a casa dopo il parto della donna quando hanno scoperto di aver ricevuto il bambino sbagliato. I responsabili dell’ospedale di Podgorica, la capitale del Montenegro, hanno avviato un’indagine sull’incidente e hanno accusato un’infermiera di aver commesso l’errore. Secondo quanto riportato dall’Indipendent la donna non avrebbe seguito le procedure.

I genitori hanno lasciato l’ospedale pensando di portare a casa la loro bambina, ma hanno subito realizzato che qualcosa non andava. Secondo il rapporto, la coppia è tornata in ospedale dopo aver notato che il «tag» della madre e del bambino non corrispondevano.

In una dichiarazione, l’ospedale ha detto che i dottori e le infermiere che erano in servizio quando è avvenuto lo scambio di minori dovranno affrontare misure disciplinari: «Tutti i responsabili saranno sanzionati».

Il direttore del centro clinico Zorica Beba Kovačević ha dichiarato al giornale montenegrino Vijesti che non vi è alcuna giustificazione per l’incidente e che l’indagine avrà lo scopo di scoprire se il bambino sia stato scambiato deliberatamente o per sbaglio. L’infermiera in carica lavorava in ospedale da 20 anni e la direzione dell’ospedale non si capacita di come un tale errore possa essere accaduto.

I media locali hanno riferito che è stata presentata una denuncia penale contro l’infermiera e che il ministro della salute del Montenegro, Kenan Hrapović, ha chiesto personalmente il licenziamento del capo del reparto maternità. Al giornale di Vijesti si è scusato con la famiglia per la l’episodio spiacevole e ha aggiunto: «È inconcepibile che nel 21° secolo si verifichino ancora».

https://www.ilmessaggero.it/primopiano/esteri/podgorica_genitori_a_casa_con_bimbo_sbagliato_scambio_ospedale_17_maggio_2018-3738367.html

continua
Europa

POCHI GIORNI AL GENERAL DATA PROTECTION REGULATION

Immagine39

Il 25 maggio scadrà il termine per mettersi in regola con il General Data Protection Regulation, altrimenti detto GDPR: è il regolamento europeo generale sul trattamento e la protezione dei dati personali, approvato 2 anni fa e volto a offrire una disciplina unitaria per tutti quegli enti (pubblici e privati) che in qualche modo ottengono o utilizzano dati personali da parte degli utenti. Il regolamento, che non richiederà la ratifica da parte dei singoli stati per essere efficace, ha sostituito la Direttiva 95/46/EC.

A livello web, il GDPR ovviamente avrà un impatto enorme su tantissime aziende e associazioni, dal momento che queste molto spesso trattano dati personali (nome, e-mail, numero carta di credito, Indirizzo IP etc.) tramite i propri siti Internet: pensiamo ad esempio agli e-commerce o ai semplici form di contatto rivolti a clienti o semplici prospect. Come fare per adeguare quindi il proprio sito al GDPR?

Il GDPR non fornisce un elenco preciso degli adempimenti ma offre una serie di principi generali a cui adeguarsi. Tuttavia, il Regolamento sancisce una volta per tutte 3 basilari principi, che le precedenti normative avevano affrontato solo in parte.

continua
Europa

SFRUTTAMENTO DELLA DISOCCUPAZIONE: DIVENTA INFERMIERE IN ROMANIA…. 3000 EURO ANNUI + IVA + VITTO + ALLOGGIO + VIAGGIO

PER CARITA’

VERGOGNATEVI.

https://www.vincixfuturo.com/diventa-infermiera

Diventare infermiere in Romania non è mai stato così semplice ed economico grazie a Vincix Futuro.

Il corso ha la durata di 3 anni, all’esito del quale viene rilasciato un attestato di Asistent Medical Generalist riconosciuto dal Ministero della Salute italiano.

Il Ministero della Salute italiano ha già emanato i decreti di riconoscimento del titolo di Asistent Medical Generalist, equiparandolo al titolo di infermiere italiano.

Non vi è un test d’ingresso, ma solo un colloquio informale.

Corso teorico completamente on-line

continua
Europa

FATTURAZIONI, TUTTO IL MONDO E’ PAESE…

STIGMA

Fatturava in modo eccessivo le prestazioni, condannata un’infermiera

La donna sarà costretta a rimborsare 96’930 franchi a quindici casse malattia

GINEVRA – Un’infermiera indipendente di Ginevra è stata condannata dal Tribunale federale (TF) per aver fatturato in modo eccessivo le sue prestazioni. La donna sarà costretta a rimborsare 96’930 franchi a quindici casse malattia. L’importo rivendicato inizialmente dagli assicuratori era di 581’254 franchi.

Nella sentenza pubblicata oggi, il TF si è limitato a prendere in considerazione le prestazioni fatturate nel 2013, mentre quelle risalenti al 2009 e al 2010 sono state considerate cadute in prescrizione. Lo stesso motivo è stato addotto dal Tribunale arbitrale delle assicurazioni di Ginevra per gli esercizi 2011 e 2012.

continua