Skip to main content

PAVIA. Un infermiere di quartiere a disposizione per un paio di ore alla settimana all’Aps Borgo Ticino. È l’idea di Ains onlus (Associazione italiana di nursery sociale) e dell’Aps Borgo Ticino che per tutto il 2016 hanno lavorato insieme per il progetto L’armadio dei pigiami, cofinanziato con 700 euro dal Comune. «Nell’ambito del progetto abbiamo fatto una mappatura dei bisogni della popolazione in Borgo Ticino, in particolare degli anziani – spiega Ruggero Rizzini di Ains – distribuendo questionari all’Aps e nei negozi». L’Aps Borgo Ticino ha 250 soci, una grossa mano l’ha data la parrucchiera che ha distribuito tra i clienti e ritirato i questionari, studiati per cercare di capire quali fossero i problemi concreti con cui gli anziani in particolare e i borghigiani in generale devono scontrarsi ogni giorno. «È emerso che la cosa più difficile per gli anziani è capire quali servizi hanno a disposizione – spiega Rizzini -, come fare un’iniezione o una medicazione. Dal medico di base ci si va solo per farsi fare le ricette, e non si sa a chi rivolgersi per le altre cose. Ma in molti ci hanno segnalato anche i problemi legati alla mancanza di collegamento tra ospedali e territorio: per esempio, quando un anziano viene dimesso dall’ospedale col Parkinson senza la lettera di dimissioni i parenti non sanno cosa fare. Dobbiamo costruire una rete, la persona anziana, quando ha bisogno, non sa dove andare».

«Fino a qualche anno fa era presente in Borgo Ticino la sede dell’Asl di Pavia – analizza Rizzini – La chiusura ha causato un disagio soprattutto per la popolazione anziana del Borgo che deve spostarsi con i mezzi pubblici o far riferimento ai parenti quando deve risolvere un bisogno sanitario o sociale». Per il 2017 quindi Ains e Aps vogliono continuare a collaborare e allargare la rete a un’altra realtà del terzo settore per poter garantire la presenza, per due ore alla settimana, di un infermiere a disposizione dei soci del centro anziani e di tutti i cittadini.

L’idea è anche di continuare la formazione: «I quattro incontri che abbiamo organizzato nel 2016 con medici infermieri – spiega Liala Marchetti, presidente dell’Aps Borgo – hanno riscosso successo. Continueremo con un percorso sulle manovre di primo soccorso e l’alimentazione dell’anziano. Vogliamo diventare un punto non solo di ritrovo ma di riferimento e scambio di informazioni».

http://laprovinciapavese.gelocal.it/pavia/cronaca/2017/01/22/news/infermiera-rionale-per-gli-anziani-di-borgo-ticino-1.14757249

Leave a Reply