Skip to main content

E’ stata effettuata una riunione presso la Direzione della ASSL di Sanluri avente il seguente oggetto:

  • saluti del Direttore dell’Area Socio Sanitaria Locale Dr. Antonio Onnis;
  • avvio delle attività dell’Area Socio Sanitaria Locale.

La riunione che si è svolta con la presenza del solo Direttore di fronte a tutte le rappresentanze sindacali del comparto e della dirigenza medica e non medica, è stato un momento interlocutorio nel quale il Dott. Onnis ha illustrato il mandato della ASSL, che rispecchia il programma della ATS con obiettivi tendenti alla unificazione delle ex ASL e alla gestione sempre più integrata dei Servizi Sanitari .

Gli obiettivi illustrati e le intenzioni, che sulla carta sono lungimiranti,  richiedono una partecipazione attiva e motivata di tutti i lavoratori e delle loro rappresentanze e, a tal fine il Dott. Onnis ha chiesto alle OO.SS. di essere partecipi nella programmazione e nella progettazione di percorsi condivisi.

Le OO.SS. che hanno offerto una fattiva collaborazione, necessariamente hanno anche rappresentato le preoccupazioni dei lavoratori di fronte ad una possibile riorganizzazione dei servizi amministrativi e sanitari.

Di fronte ad una riorganizzazione che in Italia non ha eguali  la FSI-USAE , di concerto alle sigle sindacali CISL e UIL,  ha rappresentato le preoccupazioni e le esigenze di tutela dei lavoratori di fronte a tutte le vertenze contrattuali che ci vedono impegnati:

  • carenza di personale infermieristico e di supporto
  • utilizzo locale (ASSL Sanluri) dei fondi residui anno 2016 ex ASL Sanluri per attivare e completare le progressioni orizzontali già iniziate nelle annualità 2015 e 2016
  • soluzione della vertenza sui re inquadramenti fasce in corso di giudizio presso il Tribunale del Lavoro

Abbiamo inoltre rappresentato la necessità che oggi, di fronte alla riorganizzazione e agli obiettivi di breve termine, sia assicurata:

1)    una applicazione corretta del sistema della valutazione della performance collegandola  a reali obiettivi, oggettivi e misurabili, rapportati agli obiettivi delle Unità Operative che si ripercuoteranno sulle premialità dei prossimi  anni (produttività e progressioni orizzontali) ; abbiamo rappresentato tale esigenza portando a conoscenza del Direttore quanto fino ad oggi, il nostro sistema della valutazione performance , abbia fatto acqua da tutte le parti e quante vittime abbia causato per la totale imprecisione valutativa, legata sia ai criteri che ai valutatori.

2)    una correttezza ed una trasparenza sulle possibili riorganizzazioni logistiche e di personale nei vari servizi; abbiamo rappresentato l’assenza (per rifiuto Aziendale) di regolamenti sulla mobilità che lasciano purtroppo ampia “discrezionalità” sui criteri. Tale richiesta di legittimità, trasparenza e correttezza nasce dall’esigenza di limitare futuri ricorsi (anche  giudiziari) a seguito di discriminazioni e abusi .

La FSI-USAE sta affrontando su diversi fronti tutte le tematiche contrattuali che ci vedranno impegnati ad affrontare la rivoluzione organizzativa che abbiamo di fronte in maniera tale che tutti i lavoratori possano continuare la propria attività lavorativa nel rispetto di tutti i dettami contrattuali. A tal fine infatti, nella stessa giornata di martedì 10 gennaio, il nostro collega e segretario Regionale Luciano Sitzia ha avuto un incontro a Sassari con il Direttore Generale della ATS, Dott. Fulvio Moirano e in tale occasione ha ribadito le richieste di attivazione della contrattazione Aziendale, rappresentandogli inoltre le diverse vertenze aperte sia nei tavoli di contrattazione ex ASL che, purtroppo,  nelle aule giudiziarie.

FSI USAE CAGLIARI

www.nuovoconfronto.it

Leave a Reply