Skip to main content

 La Fials, invita il Presidente della Regione Basilicata ad intraprendere azioni concrete per salvaguardare l’AIAS di Potenza,  – lo dichiara il Segretario Provinciale della Fials Giuseppe Costanzo- il confronto tenutosi presso  il Dipartimento Salute della Regione Basilicata nel mese di dicembre aveva assicurato un serio impegno a garanzia delle risorse economiche da destinare alla struttura. Risorse necessarie sia ai  lavoratori che a  tutela del diritto alla salute delle persone malate afferenti. Vari punti e soluzioni furono prospettate e pur essendo stata assicurata una continuità da parte della Politica a tutt’oggi, nessuna azione concreta si sta consolidando .

Gli stessi Dirigenti dell’ASP di Potenza avevano ribadito la disponibilità di fondi da poter erogare  all’Aias di Potenza per l’attività 2015 oltre ad una quota per i trasporti  destinata per l’anno 2016 .

La lentezza di tali provvedimenti accentua sempre di più la crisi nella quale, da anni, versa l’AIAS di Potenza. Difficoltà che hanno avuto un forte impatto sui lavoratori che continuano ad accumulare arretrati economici insostenibili oltre ai contorti provvedimenti di ridimensionamento del tetto di spesa per gli anni 2015 e 2016. 

La Fials, pur apprezzando l’impegno della politica Regionale nel riconoscere un ruolo importante all’AIAS di Potenza avvalorato dall’impegno forte e determinato del Consiglio Regionale  con l’approvazione di una importante mozione che riconosce pari dignità valorizzando  progetti e accordi sottoscritti con la Regione e lasciati nel dimenticatoio, denuncia però il forte ritardo  dell’assegnazione delle risorse economiche  che rischia di vanificare e cancellare  l’ importante lavoro fatto dal Consiglio Regionale a causa di qualche “mente” che, rallenta la messa in atto tutti i provvedimenti necessari.

La Fials –Costanzo conclude- chiede un rapido intervento da parte delle istituzioni al fine di garantire le necessarie risorse economiche che pur essendo disponibili,  non sono assegnate all’Aias gravando sulla delicata ed esasperata condizione dell’AIAS di Potenza. 

Leave a Reply