Skip to main content

LUCCA. Il caos al pronto soccorso preoccupa i sindacati e la Cisl minaccia di fare un esposto alla Procura per verificare eventuali responsabilità penali legate a casi di mala sanità. La posizione del sindacato (Cisl funzione pubblica) è affidata a una nota stampa: «Siamo preoccupati per la vergognosa situazione in cui si trova la sanità pubblica – recita il comunicato – Recenti articoli stampa hanno dimostrato importanti criticità sparse su tutto il territorio regionale, con particolare riferimento ai pronto soccorso.

Nonostante i tentativi di sminuire dette criticità evidenziando fattori che fanno capire l’impreparazione del sistema a fattori prevedibilissimi quali i picchi influenzali e allarme meningite, Cisl rileva come a pagare siano sempre i cittadini e il personale dipendente. Ai cittadini viene chiesta sopportazione, ai dipendenti che già lavorano oltre ogni umana partecipazione viene chiesto invece di fare ore di straordinario. Ma dove sono finite sicurezza e qualità? È ovvio che il sistema sanitario regionale sta fallendo. Un sistema che non riconosce più l’aspetto universalistico e solidaristico, costruito solo in termini ragionieristici, fatto di tagli al personale, ai posti letto, ai servizi». Poi il riferimento alle vie legali: «A tutela dei cittadini, del personale e dei servizi – prosegue la nota – Stiamo valutando di sottoporre al procuratore della Repubblica le problematiche presenti nella sanità lucchese al fine di una verifica sul tipo di organizzazione che, nel caso di episodi di mala sanità, possono essere individuati specifici reati a carico dei responsabili».

http://iltirreno.gelocal.it/lucca/cronaca/2017/01/08/news/pronto-soccorso-la-cisl-va-in-procura-1.14682725

 

Leave a Reply