chiudi

Approfondimenti

cronache

SUL DISASTRO DELLE ISOLE TREMITI PARTE II

photo-1623057000049-e220f79c7051

“Oggi ci scuote il dolore per una tragedia che ha colpito la nostra terra, la nostra Azienda, noi tutti”.

È così che il commissario straordinario della ASL Foggia Antonio Nigri esprime il cordoglio personale e dell’intera Azienda per il gravissimo incidente avvenuto questa mattina nei cieli di Capitanata.

continua
cronache

SUL DISASTRO DELLE ISOLE TREMITI

photo-1532077795300-c4b487f601f6

“Ieri pomeriggio lo sgomento e il dolore hanno preso il posto della speranza e dell’incredulità, che avevano alimentato le prime notizie della scomparsa dai cieli e dai radar del velivolo dell’Alidaunia.

Ma, purtroppo, la verità è che Maurizio De Girolamo non è più, improvvisamente ed immaturamente – ha dichiarato il Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri della provincia di Foggia, Pierluigi De Paolis, dopo aver avuto certezza del tragico bilancio dell’incidente occorso all’elicottero che rientrava dalle Isole Tremiti a Foggia sabato mattina – “Alle gravi perdite umane dei piloti e dei passeggeri sloveni si aggiunge quella gravissima del collega ed amico Maurizio, una perdita umana e professionale immane.”

continua
avv. Giacomo Doglio

SE QUESTO È UN SINDACATO

vicolo-squallore-2

Sulla sentenza di condanna in Cassazione a risarcire infermieri ed infermiere dell’azienda ospedaliera Brotzu di Cagliari per averli demansionati, dequalificati, mortificati, cerca di banchettare una compagine sindacale che per anni non ha mosso un dito, non ha messo la faccia, non ha investito risorse, non ha creduto, non ha risolto, non ha impugnato, anzi minimizzando e canalizzando altrove i suoi interessi.

Che adesso si auto compiaciano pur non bucando il video fa solo sorridere, ma questo è il materiale umano di riferimento e non possiamo curarcene oltre questa testimonianza redazionale.

La storia giuridica e nazionale delle vertenze su demansionamento e dequalificazione professionale portano ad un solo professionista, l’avv. Giacomo Doglio giuslavorista del foro di Cagliari.

Non c’è spazio per i signori Von Frozen e dintorni.

continua
Aziende Ospedaliere

INFERMIERI DEMANSIONATI E MORTIFICATI, E ARNAS PAGA

img

In ospedale gli infermieri devono fare gli infermieri. Non possono essere utilizzati per mansioni che “mortificano” la loro professionalità. Ossia, non possono svolgere attività, come la pulizia dei pazienti o la gestione di rifiuti, che dovrebbero essere portate avanti da personale di grado inferiore.

Altrimenti l’azienda sanitaria deve pagare i danni.

Lo ha stabilito la Cassazione, così hanno sentenziato i giudici di vari livelli. E al Brotzu lo sanno bene: il direttore generale Agnese Foddis ha dovuto firmare una delibera che stanzia i fondi per pagare i danni non patrimoniali subiti da una ventina di infermieri che aveva fatto causa all’Arnas, attraverso l’avvocato Giacomo Doglio.

continua
Approfondimenti

SE NON SONO MATTI NON LI ASSISTIAMO, NON SOLO IL 10 OTTOBRE

photo-1655834648155-f7a98ff3c49d

La Giornata Mondiale della Salute Mentale (World Mental Health Day) si celebra il 10 ottobre di ogni anno.

Istituita nel 1992 dalla Federazione Mondiale per la Salute Mentale (WFMH) e riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, promuove, tramite campagne e iniziative, la
consapevolezza e la difesa della salute mentale contro lo stigma sociale.

continua
avv. Giacomo Doglio

LA CORTE DI CASSAZIONE CONFERMA LE RAGIONI DEGLI INFERMIERI!

photo-1621440318464-72633426377b

Quando i Collegi IPASVI prima e OPI poi, le Organizzazioni Sindacali Confederali, i Sindacati Autonomi, i Sindacati di Categoria nemmeno intuivano le dinamiche del demansionamento e della dequalificazione professionale e anzi ne negavano l’evidenza, lo Studio Legale Doglio apriva in tempi non sospetti ed in perfetta solitudine ma convintamente e scientemente una strada giuridica e culturale che non ha eguali nella storia della giurisprudenza italiana. Gli altri sono tutti venuti dopo, e possono assurgere solo a band wagon.

La Corte di Cassazione conferma le ragioni degli infermieri.

Finalmente si chiude il cerchio.

La Corte di Cassazione, con tre ordinanze pubblicate nel mese di luglio 2022 – nn. 21924, 21942 e 23183 – ha rigettato i ricorsi proposti da alcune Aziende sanitarie contro le sentenze pronunciate dalla Corte d’Appello di Cagliari in materia di demansionamento degli infermieri.

continua
Editoriali

L’OSS SIA D’AIUTO A SE STESSO

photo-1632291668986-e19c2a5ca66d

Luci accese, soffuse, sul dibattito estivo è sulla denominazione dell’operatore socio sanitario, del cui cambio di generalità non si avverte l’esigenza.

Il Migep propone la denominazione di aiuto infermiere.

Aiuto infermiere? Assistente Infermiere? Vice infermiere?

Per carità, la toppa è peggiore del foro.

continua
avv. Giacomo Doglio

PS ASL SULCIS E SICUREZZA SUL LAVORO: I SANITARI RICORRONO AL GIUDICE. TUTTI O SOLO QUALCUNO?

photo-1593824261342-fd6ee146f73d

Stando a quanto ricostruito da Sardinia Post, la prima emergenza è il sovraffollamento: all’Ospedale Sirai si entra ma non si sa quando si esce e questo pregiudica gravemente l’attività di emergenza-urgenza cui il Pronto Soccorso è preposto. Ci sarebbe anche una documentazione per immagini che testimonia la gravità della situazione.

Al Pronto Soccorso di Carbonia i pazienti che necessitano di ricovero, ma che non possono essere trattenuti in ospedale nonostante le richieste dei medici, stazionano in barella anche per giorni.

continua
Approfondimenti

OSS A. F., PARTICELLA DI SODIO IN ACQUA L.

received_1213100882772039

Sulle storiche Sentenze della Corte di Cassazione su demansionamento e dequalificazione, l’OSS A.F. definisce gli infermieri “personaggetti” e “pezzenti” e si auspica che vengano presi, testuale, “a calci in culo“.

A.F. o chi per lui, non è importante e neppure differente, mostra una pochezza intellettuale che poteva tenersi per sé, ora invece è di dominio pubblico.

continua
avv. Giacomo Doglio

AVV. DOGLIO SU SENTENZE DEMANSIONAMENTO E DEQUALIFICAZIONE

Screenshot_2022-07-12-10-10-39-683_com.facebook.katana~3

11 luglio 2022, un giorno da ricordare.

Con due sentenze “gemelle” pubblicate ieri, la Corte di Cassazione ha rigettato i ricorsi di un’Azienda sanitaria e confermato le ragioni degli infermieri che avevano agito in giudizio per difendere la loro professione da condizioni di lavoro “mortificanti”.

Le conformi decisioni del Tribunale e della Corte d’Appello che avevano accolto le domande degli infermieri finalizzate a inibire la loro assegnazione alle attività del personale di categoria A e B e a riconoscere il diritto al risarcimento del danno alla dignità e all’immagine professionale, sono state, quindi, pienamente condivise anche dalla Suprema Corte.

continua