chiudi
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

VENGO ANCH’IO NO TU NOSS parte II

NO TU NOSS

Super Oss/OSS elevato enne: la Via Crucis de noiartri già caduta alla terza, alla settima, alla nona fermata è inchiodata al fossato del calvario e non al monte, non avanza, non ha prospettive, è un susseguirsi di incidenti di percorso.

 

Insistono, si dimenano, lanciano pietre nello stagno prosciugato di idee, funzioni, prerogative e diritti, scambiano il fine con lo strumento, abbaiano alla luna in un italiano sgrammaticato che nemmeno in III media ai corsi serali e di recupero.

 

Il tutto con la compiacenza di casse di risonanza che per un pugno di click tentano di avallare il concetto che il parere di una associazione autoreferenziale non riconosciuta* sia vincolante rispetto alla rappresentanza professionale infermieristica NAZIONALE, REGIONALE, PROVINCIALE, Fnopi, Fropi, Opi, istituita per legge quindi con obbligo di osservanza  da parte di chiunque, compresi i leoni da tastiera e da cucinetta di corsia.

 

Lo ribadiamo in premessa e con chiarezza: il massimo organo di rappresentanza professionale ordinistica infermieristica nazionale e provinciale non si fa dettare la linea e la politica dal primo che capita e che non troverebbe voce nemmeno sul campo a se affine.

Il Migep è molto preoccupata delle determine in Regione Veneto che si oppone alle preoccupazioni del Migep stessa.

È da dire che la Regione Veneto è invece entusiasta delle condizioni organizzative e delle risposte assistenziali della sanità privata accreditata.

Osservando osservando, si è giunti ad una sintesi dei punti di vista dei diversi attori istituzionali regionali per l’evoluzione della figura dell’operatore di supporto e della formazione complementare. Punto I.

Degli aspetti contrattuali deve interessarsene la contrattazione nazionale e decentrata, a basso o ad alto costo non interessa alle politiche professionali. Punto II.

 

A che titolo Migep si rivolge a Fnopi dopo essere ignorata da Regione Veneto? Per rientrare dalla finestra dopo essere uscita dalla porta principale? 

 

Poi la chicca che Migep stessa non riesca a rispondere agli oss sui social come se i social fossero il luogo deputato per sparare sentenze di ogni, racconta che della confusione che regna sovrana.

La formazione complementare per l’operatore di supporto è prevista da Accordi Stato-Regioni, stupirsi di delibere di recepimento di tale previsione è dissonante e l’utilizzo distorto dell’oss elevato enne è da lente d’ingrandimento delle organizzazioni sindacali firmatarie di contratto se maggiormente rappresentative.

 

Se Migep non è maggiormente rappresentativo, dov’è l’errore?

 

Ma soprattutto, come possano avere responsabilità Fnopi e Opi?

 

Ed ammesso e non concesso che la delibera Regione Veneto incriminata sia peggiorativa, è peggiorativa dove?

 

Se l’operatore socio sanitario  deciderá in sanità pubblica da chi farsi rappresentare in Rsu, non vi è nessun automatismo che una eventuale percentuale dello 0, possa avere una qualunque valenza nella sanità privata.

 

Se la Regione Veneto non ha depositato al Tar del Veneto le memorie degli incontri avuti con la  Migep, evidentemente quelle memorie non sono memorabili, non contengono proposte razionali e prima ce ne si dimentica e meglio è.

Fnopi e Opi provinciali aventi causa se il 19 maggio pv ritireranno innanzi al Tar del Veneto il ricorso contro la delibera 305, non devono nemmeno ipotizzare di chiedere a nessuno, men che meno a Migep, un avvallo delle responsabilità che andranno ad assumersi in quella sede nei modi, nei tempi, con i contenuti ritenuti legittimi.

Poi se qualcuno ha invece inteso che avrebbero potuto presentare proprie memorie innanzi al Bar Cannaregio, è un’altra storia.

 

I rappresentanti degli operatori di supporto siano solo i dirigenti sindacali del Migep? È francamente discutibile.

 

Per concludere, la professione infermieristica non rinuncia a nessuna competenza propria del profilo, delle declaratorie contrattuali, del codice deontologico, del percorso di studi universitario.

 

Se il Migep vuole, testuale, “fare chiarezza sul ruolo effettivo dell’OSS” che intenderebbe rappresentare sindacalmente ma che evidentemente Migep stessa non riesce ad inquadrare, se dichiara, testuale, “il pericolo è l’utenza oltre all’operatore”, e ancora, sempre testuale, “la cosa peggiore è che l’oss, in molti casi, è la causa dei loro stessi problemi, Houston abbiamo un problema.

 

Sullo stesso tema:

 

http://www.compartosanita.it/venganchio-no-tu-noss/

 

http://www.compartosanita.it/super-oss-ministero-ti-chiedo-cosi-li-distraggo-un-po/

 

http://www.compartosanita.it/veneto-e-super-oss-complementare-watson/

 

http://www.compartosanita.it/super-oss-chi-di-veneto-colpisce-di-veneto-perisce/

 

http://www.compartosanita.it/il-cerino-acceso-della-responsabilita-professionale-del-gestione-del-processo-assistenziale-della-formazione-complementare/

 

http://www.compartosanita.it/gli-ordini-del-veneto-non-sono-una-opi-nione-ma-una-garanzia/

 

http://www.compartosanita.it/fnopi-ed-opi-veneto-una-lezione-di-metodo-e-di-contenuto/

 

http://www.compartosanita.it/rispetto-per-lautonomia-degli-opi-del-veneto/

 

*I sindacati, in genere privi di personalità giuridica, sono associazioni non riconosciute, regolate dall’art. 36 del Codice Civile e seguenti.