chiudi
UGL

UGL SICILIA INCONTRA ASSESSORE ALLA SALUTE SU QUESTIONE BONUS 118

Immagine2

Proficuo incontro della Ugl Sicilia con l’assessore della Salute Razza. Accordo sui bonus per gli operatori del 118, richiesta la conclusione dei versamenti per il rinnovo del contratto e l’incentivazione per i lavoratori delle aziende ospedaliere.

Proficuo incontro per la Ugl sanità Sicilia che, in videoconferenza, ha avuto modo di discutere con l’assessore regionale della Salute Ruggero Razza di alcuni importanti punti sulla Seus 118 e sul sistema sanitario regionale. In particolare, gran parte della riunione è stata incentrata sui bonus per gli operatori, sul rinnovo del parco macchine e sanificazione dei mezzi, oltre al rinnovo contrattuale ed alle assunzioni a tempo determinato degli autisti soccorritori. Inoltre, si è parlato anche dei fondi da ripartire tra le aziende ospedaliere siciliane per l’incentivazione, come spiega nel dettaglio il segretario regionale Carmelo Urzì. “Finalmente a breve ai circa 5 mila lavoratori del settore sanitario pubblico e nel comparto emergenza e urgenza, impegnati direttamente nella lotta contro il Covid-19, dal fondo di 15 milioni di euro della Regione siciliana arriveranno 1.000 euro al mese per i mesi di marzo, aprile e maggio. Per quanto riguarda invece il rinnovo del contratto Aiop – Aris già si è partiti con gli adeguamenti per l’arretrato maturato da giugno in poi, mentre all’assessore Razza abbiamo sollecitato il versamento in tempi rapidi del contributo una tantum di 1.000 euro a titolo di compensazione per gli anni precedenti. Quanto alla Seus 118 – aggiunge il segretario della Ugl sanità – abbiamo chiesto al presidente del Consiglio di amministrazione della Seus, Davide Croce, di accelerare i tempi per l’assunzione di 150 autisti soccorritori, considerata la carenza di personale assente in quanto positivo o in quarantena fiduciaria, nonchè per la presentazione del bando per la selezione delle risorse umane da impiegare nel servizio interno di sanificazione dei mezzi che deve essere necessariamente potenziato. Nel contempo siamo venuti a conoscenza che si stanno completando le procedure burocratiche per l’acquisto di nuove ambulanze per sostituire le attuali. Infine sui 30 milioni a disposizione per gli incentivi a tutto il personale delle aziende ospedaliere siciliane, abbiamo chiesto al componente del Governo Musumeci con delega alla Salute di individuare nuovi criteri di ripartizione delle somme come, ad esempio, l’ampiezza della provincia, l’indice di contagio, il numero di ricoverei complessivi, così da conformare la quantità dell’incentivo stesso all’impatto che le attività di contrato al Covid-19 hanno avuto su ogni struttura ospedaliera. Riteniamo questa una distribuzione più equa dei fondi rispetto quanto fatto con i primi 5 milioni, ripartiti sulla base dei posti letto attivati in terapia intensiva. Ancora una volta, quindi, alle donne ed agli uomini del 118 e del sistema sanitario pubblico non abbiamo espresso soltanto l’incondizionata solidarietà in questa fase così difficile, ma ci siamo battuti e continuiamo a lottare per assicurare loro la giusta dignità lavorativa ed economica.” Alle parole di Urzì si associa il segretario regionale della Ugl Giuseppe Messina: “Ringraziamo l’assessore Razza per aver accolto la nostra richiesta di confronto ed auspichiamo che in tempi brevissimi dall’assessorato possa pervenire una proposta definitiva sulle questioni aperte, così da condividere insieme un nuovo obiettivo da raggiungere in favore dei lavoratori della sanità siciliana.”