chiudi
sanità privata

TREVISO: IL VASO DI PANDORA DEL DOPPIO LAVORO INFERMIERISTICO. E IL SINDACATO SI ARRENDE

Immagine1

Tre infermieri della casa di cura San Camillo di Treviso (in foto) sono stati licenziati e altrettanti sospesi, mentre un’altra dipendente che si è dimessa. Il motivo: tutti e tre erogavano prestazioni professionali in altre strutture sociosanitarie fuori dall’orario di lavoro, andando contro gli obblighi contrattuali.

I tre, due uomini e una donna cinquantenni di origini straniere, impiegati al San Camillo da oltre 20 anni senza mai ricevere contestazioni sul piano professionale o deontologico, si sono rivolti a un patronato sindacale. Al loro posto – riporta Andrea Passerini su La Tribuna – la casa di cura ha però già assunto tre giovani infermieri.

https://www.vvox.it/2018/07/17/treviso-infermieri-con-doppio-lavoro-3-licenziati-al-san-camillo/

Erano tre infermieri del San Camillo, di origini straniere ma in servizio a Treviso ormai da parecchi anni, con contratto a tempo pieno e indeterminato. Allo stesso tempo, però, lavoravano anche per alcune cooperative, come liberi professionisti, in case di riposo e strutture per disabili. Un doppio lavoro in piena regola. Peccato che il contratto con l’ospedale privato convenzionato di viale Vittorio Veneto non lo consentisse. È tassativamente vietato. E così, dopo un’indagine interna durata più di tre mesi, mercoledì scorso l’istituto delle Figlie di San Camillo li ha licenziati in tronco, e subito sostituiti.

LA SEGNALAZIONE Il vaso di Pandora è stato aperto da una richiesta proveniente dall’Azienda Zero. Lo scorso aprile il braccio messo in piedi dalla Regione per ottimizzare i servizi delle strutture sanitarie ha chiesto a tutti gli ospedali del Veneto di verificare che i loro dipendenti non avessero un doppio lavoro. Gli accertamenti sono partiti da qui. E non hanno portato solo ai tre licenziamenti. Altri tre infermieri del San Camillo, infatti, sono stati sospesi per 10 giorni. Al termine di un procedimento disciplinare aperto a loro carico, la struttura ha accertato che timbravano il cartellino per un’altra infermiera a sua volta impegnata in un secondo lavoro, che si è dimessa di propria sponte non appena l’istituto le ha inoltrato la prima contestazione.

LA MOTIVAZIONE «I tre infermieri sono stati licenziati per giusta causa. Erano nostri dipendenti, ma allo stesso tempo lavoravano anche altrove con servizio continuativo, da anni, non da un giorno o un mese, come se fossero liberi professionisti. E questo non è possibile spiega suor Lancy Ezhupara, direttore amministrativo del San Camillo siamo riamasti sorpresi perché erano qui da tempo. Ma bisognava dare un segnale forte e chiaro. Su 300 dipendenti, ci sono cinque o sei che si sono comportati in un certo modo. Mentre gli altri 294 lavorano con onestà e correttezza, rispettando il contratto. Era necessario dare un segnale anche per rispetto nei loro confronti».

BATTAGLIA LEGALE Ora i tre sono pronti a fare ricorso impugnando il licenziamento. Hanno già bussato alle porte di diversi sindacati. A quanto pare, però, non ci sono molti margini: «I fatti contestati sono oggettivi», è quanto trapela dal mondo sindacale. Due di loro avrebbero deciso di intraprendere la battaglia legale con dei propri avvocati. Ma al San Camillo sono convinti di aver fatto tutto a regola d’arte. «L’indagine interna è iniziata ad aprile. Ci sono stati mesi di indagini, comunicazioni, contestazioni e sollecitazioni sottolinea suor Lancy Ezhupara le stesse cooperative esterne, poi, ci hanno confermato che prestavano servizio continuativo da loro. Siamo tranquilli: i nostri uffici legali hanno fatto un’attenta valutazione». I controlli sul personale del San Camillo vanno avanti. Ma fino a questo momento non sono emerse altre situazioni di incompatibilità. Così come non ci saranno ulteriori sanzioni per i tre infermieri sospesi per 10 giorni. È la punizione massima prima di arrivare al licenziamento. Questo, però, scatterà solo a fronte di nuove infrazioni.

https://www.ilgazzettino.it/nordest/treviso/infermieri_licenziati_doppio_lavoro_treviso-3863179.html