chiudi

UIL

Sindacati

UIL FPL LARIO: CAPORALATO SANITARIO E ALTRI DISASTRI

Immagine1

Il 2019 sarà ancora un anno difficile per la Sanità Pubblica

Siamo molto preoccupati dalle notizie che giungono in questo fine 2018. Avremmo gradito che questo esecutivo rispondesse alle esigenze dei Cittadini e dei Lavoratori riguardo il diritto alla salute. Infatti, il governo Conte prima, in campagna elettorale, propagandava molte assunzioni del Personale Sanitario, con aumenti salariali mirati ai Medici e agli Infermieri equiparandoli con i corrispettivi Colleghi europei, poi? Tutto da rifare! Da Roma arriva, lo stop sulle assunzioni per la sanità pubblica fino a novembre 2019.

Un disastro annunciato!

continua
Sindacati

UIL FPL SU CASA DI RIPOSO VIA AGNESI, IMPERIA

Immagine4

Riceviamo e pubblichiamo la replica della UIL FPL in merito alla questione Casa di Riposo di via Agnesi.

La Uil FPL ritiene importante, per un ultima volta pubblicamente, precisare alcune cose relative alla replica che la Direzione, ha fatto, in relazione al nostro articolo sullo stato delle cose all’interno della Casa di Riposo di Via G. Agnesi di Imperia.

 In relazione allo stato strutturale, prendiamo atto di quanto dichiarato, ma non ci riteniamo ugualmente soddisfatti, facciamo presente che, lo stato alluvionale può essere riferito a quello di fine Ottobre e a tal proposito, ci sembrerebbe che i tempi necessari per cambiare un paio di vetri ci siano di fatto stati. 

Su altre cose rappresentate dalle foto, avremmo da dire la nostra, ma eventualmente basterebbe far vedere le date di qualche scatto, questo potrebbe dimostrare, come nel caso delle tende strappate, che le date risalgono a molto tempo prima”.

“Tralasciando però l’aspetto strutturale che abbiamo voluto evidenziare solo per stimolare l’attenzione di chi proposto, nei confronti di un luogo dove tutti i giorni ci vivono degli anziani e che, riteniamo debba essere il più possibile curato proprio perché  sarà il posto dove, queste persone, probabilmente, passeranno gli ultimi anni della loro vita e riteniamo, anche come Sindacato dei Cittadini, che debbano farlo nel modo più dignitoso possibile. Nel frattempo, riteniamo necessario specificare che, per fortuna, nella struttura, gli anziani possono usufruire delle cure e delle attenzioni su tutta la parte socio-sanitaria, ma questo, grazie a chi vi opera all’interno e alla professionalità che Medici, capo-sala, infermieri, fisioterapisti, operatori socio sanitari ogni giorno adoperano verso coloro che vivono la struttura. Infatti, riteniamo una grande fortuna, il fatto che si possa avere all’interno tutte e tante figure capaci a svolgere il proprio lavoro, anche in autonomia, in rispetto alla confusione che regna all’interno (cucina, lavanderia, operai ecc..). Per quanto riguarda i rapporti Sindacali, ci dispiace dover smentire la Direzione, probabilmente il protocollo dell’Ente non riesce a ricevere  le comunicazioni di questa Organizzazione Sindacale, però di fatto, la prima richiesta di incontro risale al 12 Settembre del c.a., con l’invio della piattaforma rivendicativa che dava il via per l’apertura dei confronti, sull’applicazione del contratto collettivo Nazionale, firmato ormai, nel Marzo di quest’anno. Successivamente con un’altra nota del 28 Novembre, si richiedeva di essere convocati entro la data del 10 Dicembre per l’accordo sui fondi del personale, a questa nostra nota, la direzione rispondeva che essendoci in atto un controllo di gestione, avrebbero convocato le parti  dopo tale incombenza”.

“A quel punto considerato che i fondi del personale vanno a se, e dovrebbero essere accantonati, la Uil Fpl procedeva, alla richiesta dei bilanci, ricordiamo che anche per le Aziende di Servizi alla Persona, ci deve essere un amministrazione trasparente e quindi i bilanci devono essere pubblicati (ultimo bilancio pubblicato 2015). Facciamo presente che negli altri Enti la progressione Economica del personale, è ripartita dal 2017, compatibilmente con le risorse da destinare, ma tale modalità non è stata possibile attuarla nella suddetta struttura, in quanto il Fondo del personale per il 2017, non è mai stato presentato alle OO.SS, ricordiamo che il personale della Casa di Riposo Pensionato Imperia, non progredisce da circa quindici anni. Ci piacerebbe chiedere alla Direzione, se ad esempio, il premio di risultato previsto invece per la Posizione Organizzativa sia stato corrisposto, perché, se così fosse, significherebbe che per qualcuno bisogna tenere conto delle spese di gestione e che per qualcun altro invece, ce ne possiamo scordare. Chiudiamo precisando che la Uil Fpl, non ritiene più possibile rimanere alla finestra mentre nell’azienda in questione, autonomamente, si cambiano turni delle cucine sino a far fare due turni di lavoro ai dipendenti (10 ore senza accordo Sindacale), si inviano operai a svolgere, fuori sede di lavoro, attività che dovrebbero esser in carico al personale amministrativo, si fanno fare agli OSS lavori di pulizia non di loro competenza ecc.”.

“Riteniamo questa l’ultima risposta da dare sui mass media, per il resto procederemo nelle sede opportune per la verifica di un Art.28, comportamento antisindacale. Vorremmo solo precisare alla Direzione che nella Uil Fpl di pazzi non ce ne sono, c’è solo gente che sa fare il proprio lavoro, invitiamo, nel caso se ne ravvisasse la necessità, a fare lo stesso all’interno delle proprie competenze”.

continua
Sindacati

IMMOBILITY MANAGER AUSL BOLOGNA?

Immagine2

“Operatori Trasfusionale Unico Metropolitana Spoke  Istituto Ortopedico Rizzoli dimenticati dal Mobility manager dell’Ausl di Bologna”

Gli operatori del Trasfusionale Unico  Metropolitano dello Spoke  Rizzoli non possono aderire alla campagna mi muovo Tper perché la stessa partirebbe in Maggio 2019 lo denuncia in una nota divulgata alla stampa il Segretario Aziendale Uil Umberto Bonanno.

 

Ricordiamo che la cessione del Ramo D’Azienda con relative unità lavorative è avvenuta in piena campagna RSU svolta in  Aprile 2018 che ha visto l’ esclusione dei candidati che lavoravano al TUM  e presenti nelle liste elettorali .

continua
Sindacati

EGALITE’, PARI OPPORTUNITE’, STIPENDIE’. W LA FRANCE

Immagine1

 

Dai 1600 ai 1.800 euro netti in Francia, alle 2000 sterline minime (circa 2300 euro al mese) dell’Inghilterra, i 1900 netti della Germania, fino a toccare punte di 2500 euro medi netti in Svezia.

“Questi sono gli stipendi medi di ingresso degli infermieri nei principali Paesi europei. Gli infermieri e i medici italiani sono, tra i paesi sviluppati, i meno pagati.

Con questo clamoroso ritardo, dobbiamo ancora andare in piazza a scioperare o manifestare:miopie politiche di austerità che negli ultimi anni hanno depauperato in maniera pericolosa la nostra sanità pubblica.”

continua
Sindacati

PROGRESSIONI ECONOMICHE AL RIZZOLI DI BOLOGNA

Immagine2

Comunicato Stampa

Sottoscritto l’accordo per l’assegnazione delle progressioni economiche per i dipendenti dell’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna, possiamo definirla come una Giornata Storica per la Sanità Bolognese e per l’Istituto Ortopedico Rizzoli dichiara il Segretario Aziendale della Uil Fpl Umberto Bonanno.

continua
Sindacati

NON SI PLACA LA FURIA AGGRESSIVA CONTRO I LAVORATORI DEL FRONT OFFICE IN SANITA’

Immagine7

Ancora un’aggressione ai danni di un operatore della Sanità. La scorsa notte, alla REMS (Residenza per l’esecuzione della misura di sicurezza sanitaria), di Naso, un infermiere ha subito una violenta aggressione da parte da parte di un ricoverato, riportando trauma sopracciliare sinistro e trauma distorsivo al primo dito della mano sinistra. La Uil-Fpl, già in passato, aveva denunciato la mancata sicurezza nei luoghi di lavoro, e in particolare alla REMS (struttura che ospita gli ex detenuti degli ospedali psichiatrici). Le denunce della Uil-Fpl non sono state solo rivolte all’Asp, ma anche all’Assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza. Tuttavia, alle parole riguardo i finanziamenti per garantire la sicurezza in questa tipologia di strutture, non sono mai seguiti i fatti.

continua
Sindacati

PIANO TRIENNALE FABBISOGNI AL RIZZOLI DI BOLOGNA: SILENZIO TOTALE

Immagine2

Piano Fabbisogno 2018-2020 “UIL Rizzoli Insoddisfatta”

Mentre nelle altre Aziende dell’area metropolitana Bolognese si inizia a discutere del piano triennale dei fabbisogni 2018-2020 del personale Dirigente e del Comparto, all’Istituto Ortopedico Rizzoli tutto tace in un assordante indifferenza. La Uil Fpl Rizzoli tramite il Segretario Aziendale Umberto Bonanno e’ molto preoccupato per il consapevole  silenzio dell’ufficio relazioni sindacali (sollecitato in data 2 ottobre 2018), ufficio che peraltro è presidiato dalla responsabile solo 2 giorni alla settimana creando notevoli difficoltà alle OO.SS.

continua
Sindacati

INTERRUZIONE DI PUBBLICO SERVIZIO IN CASA DELLA SALUTE AULLA?

Immagine6

“Assistenza domiciliare infermieristica al collasso nella zona di Aulla: ci sono solo 5 unità di personale invece dei 9 necessari a coprire un’area estesa, con una popolazione sempre più anziana che ha bisogno di aiuto. Ora basta: se non si arriva a una soluzione che non sia fatta di chiacchiere stiamo valutando con i legali se denunciare l’azienda per interruzione di pubblico servizio”.

Va dritto al cuore del problema il segretario della Uil Fpl, Claudio Salvadori: servizio sotto organico da mesi e la direzione infermieristica che continua a fare ‘orecchie da mercante’ nonostante un bando emesso in estate per reclutare dipendenti nel più breve tempo possibile.

continua
Sindacati

DISSERVIZI, TURNISTICA, CARICHI DI LAVORO IN ASL BN 1

Immagine4

‘Disservizi e carichi di lavoro aggiuntivi, altro che un beneficio per il territorio e per l’ospedale di Sant’Agata’. E’ critico il segretario provinciale della Uil-Fpl, Giovanni De Luca sulla decisione da parte dell’Asl di Benevento di spostare il Saut di Limatola nelle ore notturne presso il Presidio Ospedaliero di Sant’Agata dei Goti.

‘L’aspetto più grave – continua il segretario della Uil-Fpl nella nota diffusa alla stampa – è che il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca e il Direttore Generale dell’Asl Bn1, Franklin Picker stanno pubblicizzando questa decisione come se fosse un grande risultato per la sanità beneventana’.

Volendo sottacere sul modo di esprimersi del presidente regionale che nelle sue conferenze stampa non sembra particolarmente rispettoso dell’intelligenza delle popolazioni sannite, appare chiaro che la scelta effettuata comporterà solo disservizi per gli utenti e maggiori carichi di lavoro per i dipendenti del 118 i quali, lo ricordiamo, si troveranno a essere a disposizione di un ospedale dell’Asl quando non sono dipendenti dell’Azienda Sanitaria stessa.

continua
Sindacati

UIL RIZZOLI SU DEMANSIONAMENTO INFERMIERISTICO E CORTE DEI CONTI

Immagine5

Demansionamento Infermieri e Carenza del personale:
La Corte dei conti si deve esprimere

Dopo numerose segnalazioni arrivate alla scrivente , la UIL FPL Rizzoli per conto del Segretario Aziendale Umberto Bonanno, vuole portare all’attenzione della cittadinanza e degli organi competenti per materia, quanto periodicamente avviene all’Istituto Ortopedico Rizzoli in ambito di sostituzione del personale di supporto assente a vario titolo.

 

E’ sovente il verificarsi del subentro di personale infermieristico in sostituzione di Ausiliari ed OSS ( Operatore Socio-Sanitario).

continua