chiudi

UIL

UIL

IL DIRITTO SINDACALE ASSEMBLEARE? DIPENDE

Immagine8

Riceviamo e pubblichiamo.

“Diritto Assemblea Sindacale non garantito ???”

Nella giornata odierna la Segreteria aziendale della Uil Fpl dell’Istituto Ortopedico Rizzoli aveva convocato secondo il protocollo in essere un’assemblea sindacale rivolta al personale della Sala Operatoria inerente il nuovo regolamento (in via sperimentale per 3 mesi attivo dal 11 marzo 2019) , molti dipendenti della sala ci hanno contattato perché in alcuni casi e’ stato impedito di partecipare , le assemblee sindacali sono stabilite dall’art.20 dello statuto dei lavoratori legge 300/1970.

continua
Sindacati

UIL CASERTA: ARIA SINDACALE NUOVA IN ASL E AO

Immagine6

Sono Segretario Generale della UIL FPL di Caserta dall’estate scorsa. Sto
entrando pian piano nel mondo della Sanità casertana, molto diverso da
quello pur complicato degli Enti Locali, da cui provengo. Sto imparando a
capire, man mano, che l’attività sindacale, intesa come tutela dei lavoratori
e rispetto dei loro diritti, in Asl ed in Azienda Ospedaliera è cosa difficile
assai: il potere in entrambe le Aziende è molto centralizzato e, spesso, si
ha la percezione di una palese disparità di trattamento nei confronti dei
lavoratori dipendenti. Si coglie, quindi, la soddisfazione dei (pochi)
dipendenti che sono agganciati al giusto carro, mentre palpabile è la
preoccupazione dei tanti altri (la maggioranza) che, non rientrando nelle
“grazie” del Potere, vive una condizione lavorativa di subordinazione, di
isolamento e vessazione in alcuni casi, senza possibilità di poter esprimere
le proprie istanze, volte semplicemente al legittimo riconoscimento di diritti sacrosanti.

continua
Sindacati

AVANTI IOR ALLA RISCOSSA, RICETTA ROSSA, RICETTA ROSSA

Immagine3

UIL FPL: Richiesta di sospensione immediata della “Procedura di inserimento richieste con cosiddetta Ricetta Rossa”

Egr. Dr. Rolli, apprendiamo con sommo stupore della “scellerata” decisione di attivazione della Procedura di inserimento richiesta con la cosiddetta Ricetta Rossa.

Per il “momento” non entriamo nel merito della scelta tecnica di sopperire alla “ricetta virtuale” con la ricetta rossa che francamente ci sembra di fare un passo indietro di 10 anni anziché avere una visione orientata al futuro. Ma tant’è…….!

Non entriamo nel merito della scelta tecnica ma nelle scelte operative qualcosa da osservare l’abbiamo.

continua
Sindacati

GLOBAL SERVICE AL RIZZOLI: IGNORATI I SINDACATI

Immagine4

Riceviamo e pubblichiamo

appalto global service sindacati non convocati dall’Azienda

Dal 25 febbraio la nuova ditta e’ in affiancamento presso l’Ospedale Rizzoli cosi recita una mail inviata a tutti in data 26-02-2019 dal Servizio Patrimonio ed Attività Tecniche dell’Istituto Ortopedico Rizzoli. Le Organizzazioni Sindacali al momento non sono a conoscenza dei referenti della nuova ditta, non si capisce il futuro dei 12 operatori del Rizzoli che dal 2009 usufruivano di un incentivo global ,successivo all’accordo stipulato nel 2009 tra le Organizzazioni Sindacali e la Direzione del Rizzoli lo dichiara il Segretario Aziendale UIL FPL Umberto Bonanno .

continua
Sindacati

ZERO PAUSE SUI BUS NAVETTA ALL’ORTOPEDICO RIZZOLI DI BOLOGNA

Immagine1

Comunicato Stampa

“abolite le pause per gli Autisti della navetta dell’Istituto Ortopedico Rizzoli”

Il servizio navetta funziona con orario continuato a decorrere dal giorno 11/02/2019, il Servizio di Navetta sarà attivo dalle ore 6,45 alle ore 21,30 senza periodi di pausa. L’ultima corsa verrà effettuata dal capolinea (Aula Campanacci) con partenza alle ore 21,15, collega il centro di Ricerca con l’Ospedale, questa decisione di abolire le 2 pause previste (9:45-10:00 e 17:45-18:00) nasce dalla mail inviata da un noto professionista del Rizzoli che non ha potuto utilizzare la navetta perché era in pausa lo denuncia il Segretario Aziendale UIL FPL Umberto Bonanno,

Ancora una volta si obbedisce al volere del primario di turno by passando tutte le corrette relazioni sindacali previste in tema di orario di lavoro dei dipendenti nessuna Informativa è stata inviata alle Organizzazioni Sindacali , che in considerazione che nella navetta viaggiano dipendenti-utenti e materiale da laboratorio abbiamo deciso di intervenire  , la Uil del Rizzoli ha deciso di rivolgersi direttamente alla stampa e alla politica per il ripristino delle corrette relazioni sindacali all’Istituto Ortopedico Rizzoli   continua Bonanno .

Che annuncia se le cose non cambieranno nel breve si partirà con la mobilitazione del personale anche in considerazione delle numerose criticità presenti all’interno dell’Ospedale  , primo passo sarà la convocazione di un assemblea retribuita del personale della navetta che si terrà nei prossimi giorni conclude Bonanno.

Certo in un pronto e cortese riscontro colgo l’occasione per porgere cordiali saluti

Bologna li 18/02/2019

 

Il Segretario Aziendale UIL FPL

Sig. Umberto Bonanno

continua
Sindacati

RIZZOLI SUCCURSALE DEL MAGGIORE?

Immagine3

Comunicato Stampa

“L’istituto Rizzoli è una mera succursale del Maggiore?”

L’Istituto Rizzoli, eccellenza italiana e mecca dell’Ortopedia, famosa in tutto il mondo, si avvia sempre più a diventare, nei piani della regione o di chi per essa, una mera succursale di un ospedale Maggiore inefficiente e cronicamente a corto di personale, in quanto il deflusso dei professionisti verso il privato appare inarrestabile e i posti messi a bando vanno deserti.

Le urgenze, che vengono inviate al Rizzoli in numero sempre maggiore, scegliendo quelle con DRG più inefficace (spesso spalle ed arto superiore anziché protesica, come era stato inizialmente concordato, per venire almeno incontro ad eventuali problemi di budget a fronte del disagio) sovraccaricano e sovraffollano una struttura che, ben lungi dall’essere nata per svolgere attività standard di traumatologia, era state pensata per essere un punto di riferimento per l’ortopedia elettiva complessa.

Le urgenze, che potrebbero benissimo essere distribuita sul territorio e che, comunque, l’ospedale maggiore dovrebbe essere messo in condizioni di svolgere nella sua interezza, così come è il suo obiettivo, vengono ad inficiare gravemente la missione dell’Istituto Rizzoli.

continua
Sindacati

UIL FPL LARIO: CAPORALATO SANITARIO E ALTRI DISASTRI

Immagine1

Il 2019 sarà ancora un anno difficile per la Sanità Pubblica

Siamo molto preoccupati dalle notizie che giungono in questo fine 2018. Avremmo gradito che questo esecutivo rispondesse alle esigenze dei Cittadini e dei Lavoratori riguardo il diritto alla salute. Infatti, il governo Conte prima, in campagna elettorale, propagandava molte assunzioni del Personale Sanitario, con aumenti salariali mirati ai Medici e agli Infermieri equiparandoli con i corrispettivi Colleghi europei, poi? Tutto da rifare! Da Roma arriva, lo stop sulle assunzioni per la sanità pubblica fino a novembre 2019.

Un disastro annunciato!

continua
Sindacati

UIL FPL SU CASA DI RIPOSO VIA AGNESI, IMPERIA

Immagine4

Riceviamo e pubblichiamo la replica della UIL FPL in merito alla questione Casa di Riposo di via Agnesi.

La Uil FPL ritiene importante, per un ultima volta pubblicamente, precisare alcune cose relative alla replica che la Direzione, ha fatto, in relazione al nostro articolo sullo stato delle cose all’interno della Casa di Riposo di Via G. Agnesi di Imperia.

 In relazione allo stato strutturale, prendiamo atto di quanto dichiarato, ma non ci riteniamo ugualmente soddisfatti, facciamo presente che, lo stato alluvionale può essere riferito a quello di fine Ottobre e a tal proposito, ci sembrerebbe che i tempi necessari per cambiare un paio di vetri ci siano di fatto stati. 

Su altre cose rappresentate dalle foto, avremmo da dire la nostra, ma eventualmente basterebbe far vedere le date di qualche scatto, questo potrebbe dimostrare, come nel caso delle tende strappate, che le date risalgono a molto tempo prima”.

“Tralasciando però l’aspetto strutturale che abbiamo voluto evidenziare solo per stimolare l’attenzione di chi proposto, nei confronti di un luogo dove tutti i giorni ci vivono degli anziani e che, riteniamo debba essere il più possibile curato proprio perché  sarà il posto dove, queste persone, probabilmente, passeranno gli ultimi anni della loro vita e riteniamo, anche come Sindacato dei Cittadini, che debbano farlo nel modo più dignitoso possibile. Nel frattempo, riteniamo necessario specificare che, per fortuna, nella struttura, gli anziani possono usufruire delle cure e delle attenzioni su tutta la parte socio-sanitaria, ma questo, grazie a chi vi opera all’interno e alla professionalità che Medici, capo-sala, infermieri, fisioterapisti, operatori socio sanitari ogni giorno adoperano verso coloro che vivono la struttura. Infatti, riteniamo una grande fortuna, il fatto che si possa avere all’interno tutte e tante figure capaci a svolgere il proprio lavoro, anche in autonomia, in rispetto alla confusione che regna all’interno (cucina, lavanderia, operai ecc..). Per quanto riguarda i rapporti Sindacali, ci dispiace dover smentire la Direzione, probabilmente il protocollo dell’Ente non riesce a ricevere  le comunicazioni di questa Organizzazione Sindacale, però di fatto, la prima richiesta di incontro risale al 12 Settembre del c.a., con l’invio della piattaforma rivendicativa che dava il via per l’apertura dei confronti, sull’applicazione del contratto collettivo Nazionale, firmato ormai, nel Marzo di quest’anno. Successivamente con un’altra nota del 28 Novembre, si richiedeva di essere convocati entro la data del 10 Dicembre per l’accordo sui fondi del personale, a questa nostra nota, la direzione rispondeva che essendoci in atto un controllo di gestione, avrebbero convocato le parti  dopo tale incombenza”.

“A quel punto considerato che i fondi del personale vanno a se, e dovrebbero essere accantonati, la Uil Fpl procedeva, alla richiesta dei bilanci, ricordiamo che anche per le Aziende di Servizi alla Persona, ci deve essere un amministrazione trasparente e quindi i bilanci devono essere pubblicati (ultimo bilancio pubblicato 2015). Facciamo presente che negli altri Enti la progressione Economica del personale, è ripartita dal 2017, compatibilmente con le risorse da destinare, ma tale modalità non è stata possibile attuarla nella suddetta struttura, in quanto il Fondo del personale per il 2017, non è mai stato presentato alle OO.SS, ricordiamo che il personale della Casa di Riposo Pensionato Imperia, non progredisce da circa quindici anni. Ci piacerebbe chiedere alla Direzione, se ad esempio, il premio di risultato previsto invece per la Posizione Organizzativa sia stato corrisposto, perché, se così fosse, significherebbe che per qualcuno bisogna tenere conto delle spese di gestione e che per qualcun altro invece, ce ne possiamo scordare. Chiudiamo precisando che la Uil Fpl, non ritiene più possibile rimanere alla finestra mentre nell’azienda in questione, autonomamente, si cambiano turni delle cucine sino a far fare due turni di lavoro ai dipendenti (10 ore senza accordo Sindacale), si inviano operai a svolgere, fuori sede di lavoro, attività che dovrebbero esser in carico al personale amministrativo, si fanno fare agli OSS lavori di pulizia non di loro competenza ecc.”.

“Riteniamo questa l’ultima risposta da dare sui mass media, per il resto procederemo nelle sede opportune per la verifica di un Art.28, comportamento antisindacale. Vorremmo solo precisare alla Direzione che nella Uil Fpl di pazzi non ce ne sono, c’è solo gente che sa fare il proprio lavoro, invitiamo, nel caso se ne ravvisasse la necessità, a fare lo stesso all’interno delle proprie competenze”.

continua
Sindacati

IMMOBILITY MANAGER AUSL BOLOGNA?

Immagine2

“Operatori Trasfusionale Unico Metropolitana Spoke  Istituto Ortopedico Rizzoli dimenticati dal Mobility manager dell’Ausl di Bologna”

Gli operatori del Trasfusionale Unico  Metropolitano dello Spoke  Rizzoli non possono aderire alla campagna mi muovo Tper perché la stessa partirebbe in Maggio 2019 lo denuncia in una nota divulgata alla stampa il Segretario Aziendale Uil Umberto Bonanno.

 

Ricordiamo che la cessione del Ramo D’Azienda con relative unità lavorative è avvenuta in piena campagna RSU svolta in  Aprile 2018 che ha visto l’ esclusione dei candidati che lavoravano al TUM  e presenti nelle liste elettorali .

continua
Sindacati

EGALITE’, PARI OPPORTUNITE’, STIPENDIE’. W LA FRANCE

Immagine1

 

Dai 1600 ai 1.800 euro netti in Francia, alle 2000 sterline minime (circa 2300 euro al mese) dell’Inghilterra, i 1900 netti della Germania, fino a toccare punte di 2500 euro medi netti in Svezia.

“Questi sono gli stipendi medi di ingresso degli infermieri nei principali Paesi europei. Gli infermieri e i medici italiani sono, tra i paesi sviluppati, i meno pagati.

Con questo clamoroso ritardo, dobbiamo ancora andare in piazza a scioperare o manifestare:miopie politiche di austerità che negli ultimi anni hanno depauperato in maniera pericolosa la nostra sanità pubblica.”

continua