chiudi

UIL

Sindacati

+ PRECARIATO NEL PUBBLICO IMPIEGO, – QUALITA’ NEI PUBBLICI SERVIZI

Immagine3

AUMENTA IL PRECARIATO NEL PUBBLICO IMPIEGO

Aumenta sempre di più il lavoro precario nella pubblica Amministrazione, uno su dieci è un lavoratore precario, mentre scende il numero degli addetti con contratti a tempo indeterminato aumentano quanti sono assunti con un rapporto di lavoro a tempo o flessibile. Le tabelle messe a punto dalla Ragioneria generale dello Stato parlano chiaro – dichiara il Segretario Regionale della UIL FPL Milano e Lombardia Daniele Ballabio.

I dipendenti pubblici sono 3,3 milioni, ma l’11,2% di loro, circa 340 mila unità, non è stabile – continua Ballabio – numeri che cambiano nell’ultimo anno con un aumento dell’8,8%, ecco perché l’Italia è finita sotto l’esame della commissione Europea che a fine luglio ha aperto sul punto una procedura d’infrazione contro l’Italia.

continua
Sindacati

ULSS 5 POLESANA, LA PAURA FA 40…

Immagine2

Sono quasi quaranta gli operatori sanitari assunti o in attesa di assunzione già nei prossimi giorni che ora, invece, di punto in bianco, rischiano di rimane a casa o, nel migliore dei casi, imbattersi in una lotta senza fine tra le aule di un tribunale per non perdere il posto di lavoro finalmente ottenuto. E parliamo solo degli assunti nella Ulss 5 Polesana, ma il numero di personale coinvolto è sicuramente di molto superiore, visto che il “problema” colpisce l’intera sanità veneta.

continua
Sindacati

ASL TERAMO: PRODUTTIVITA’ 2018 QUANDO?

Immagine4

TERAMO – Ricordiamo che il 2018 si è chiuso alla ASL di Teramo con il superamento di oltre il 70% del budget delle ore destinate allo straordinario. Straordinario che si è reso necessario per il raggiungimento dei Livelli Essenziali di Assistenza della ASL di Teramo facendo però lievitare da circa 96.000 ore di straordinario preventivate, a circa 165.000 ore di straordinario effettuate. Situazione che ha portato al mancato rispetto di un accordo che prevedeva la liquidazione nel mese di luglio 2019 della produttività 2018.

continua
Sindacati

RISOLLEVARE IL SSN DAL COLLASSO DEL SOTTOFINANZIAMENTO

Immagine1
CGIL CISL UIL: Auspicabili maggiori risorse e assunzioni nella prossima legge di Bilancio
Roma, 6 agosto – “Siamo allarmati e preoccupati per la condizione in cui versa il nostro Servizio Sanitario nazionale: sottofinanziato, svuotato di personale e non più in grado di garantire un’assistenza di qualità ai cittadini. Per questo riteniamo necessario e non più rinviabile un incontro con il governo, in vista della prossima legge di Bilancio che potrebbe avviare un’inversione di tendenza auspicabile”. Queste le parole di Cgil Cisl e Uil, insieme alle categorie dei servizi pubblici, in una lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al Ministro della Salute Giulia Grillo.
continua
Sindacati

PRONTO SOCCORSO O PRONTO CASSA?

Immagine1

Il Pronto Soccorso è pubblico e tale deve rimanere.

Non restiamo in silenzio dinnanzi alla lenta e
inesorabile privatizzazione della Sanità Pubblica.

La UIL FPL del Lario è venuta a conoscenza per il tramite di un comunicato ufficiale che presso la clinica San Martino di
Malgrate in provincia di Lecco è stato autorizzato un pronto soccorso con prestazioni a pagamento dal lunedì al sabato.

La nostra Organizzazione è sconcertata dal livello di smembramento in cui si trova il sistema di Sanità Pubblica presso
la nostra Regione e nel nostro Paese, si pensi che negli ultimi 10 anni soso stati tagliati 37 mld di €. .

Ancora una volta siamo stati preveggenti su quanto atteso dalla legge regionale n. 23/2015 in merito alla mancata
attuazione dei PREST e dei POT che dovevano fungere da scrematura per evitare gli intasamenti dei Pronto Soccorso
delle ASST.

Prendere atto che si pone rimedio agli intasamenti dei Pronto Soccorso con la creazione di nuovi Poli affidati a soggetti
privati per la gestione di emergenze definite “minori” con tariffe a pagamento è, a nostro avviso,un segnale
inequivocabile di mancati investimenti sulla Sanità Pubblica.

Da tempo sosteniamo l’idea di rilanciare gli investimenti riguardo la nostra rete di assistenza sanitaria convogliando le
risorse necessarie per l’ammodernamento delle strutture, strumentazione e per un vero piano assunzionale e di
potenziamento del personale medico e del comparto (infermieri, Oss, tecnici ecc. ecc.).

E invece, in Regione Lombardia si autorizza l’avvio di tali servizi dimenticando il valore fondamentale della tenuta del
sistema sanitario pubblico e magari affidando a soggetti privati che, da dodici anni non rinnovano il contratto ai propri
dipendenti.

A certificare quanto da noi rappresentato è da ultimo il “rapporto Gimbe 2019” che per detta della Fondazione in
riferimento allo stato della Sanità Pubblica dichiara “siamo Davanti al lento e progressivo sgretolamento della più grande
opera pubblica mai costruita in Italia – negli ultimi dieci anni nessun Esecutivo ha mai avuto il coraggio di mettere la
sanità pubblica al centro dell’agenda politica, ignorando che la perdita di un servizio sanitario pubblico, equo e
universalistico, oltre a compromettere la salute delle persone e a ledere un diritto fondamentale tutelato dalla
Costituzione, porterà ad un disastro sociale ed economico senza precedenti”.

Il servizio di pronto soccorso è e deve rimanere pubblico e per questo, chiediamo a Regione Lombardia e
all’Assessore al Welfare G. Gallera di intervenire affinchè vengano valorizzate e potenziate le strutture pubbliche del
nostro territorio.

Non è mai troppo tardi per uscire dal silenzio assordante in cui siamo.
Lecco, 12 Giugno 2019
Il Segretario Sanità Pubblica della UIL FPL del Lario
f.to Massimo Coppia

continua
Sindacati

INCARICHI A PIOGGIA O PIOGGIA DI INCARICHI AL FATEBENEFRATELLI?

Immagine2

COMUNICATO STAMPA
FACILI INCARICHI ALLA ASST FATEBENEFRATELLI SACCO
LA UIL FPL DENUNCIA

Decisa la posizione della UIL FPL nel denunciare gli incarichi concessi dalla ASST Fatebenefratelli Sacco ad alcuni dipendenti senza aver espletato nessuna selezione, in violazione delle norme che regolano l’affidamento di tali incarichi.
Sono mesi che la struttura Aziendale della UIL segnala al Direttore Generale Dott. Visconti gli incarichi concessi senza alcuna selezione ne regolamento – dichiara la Responsabile UIL FPL Vincenza Travisani – ma ad oggi non abbiamo avuto alcun riscontro.
Parliamo – continua la responsabile sindacale – di incarichi di organizzazione (ex incarichi di coordinamento e di posizioni organizzative), con una remunerazione che varia da 4200 euro a 6200 euro, incarichi di nuova istituzione affidate senza alcuna selezione.

continua
Sindacati

UIL FPL TERNI IN CASSAZIONE LA SPUNTA SU ASL 2 PO ORVIETO

Immagine1

Era il 2007 e la UIL FPL di Terni iniziò la sua battaglia per far riconoscere un diritto a infermieri, operatori socio sanitari e tecnici della sanità. Il Tribunale di Orvieto ci diede ragione e la sentenza ebbe un grande risalto nazionale. Partì da quella nostra  iniziativa anche la pressione per inserire il riconoscimento di quel diritto addirittura nel contratto collettivo nazionale di lavoro. Ma l’ASL2, da cui dipende l’Ospedale di Orvieto, fece ricorso e riuscì a ribaltare la sentenza in Appello. Noi della UIL però, quando ci sono in gioco diritti, non demordiamo e siamo andati avanti vinto alla Corte di Cassazione. Siamo così arrivati ad oggi e dopo 12 anni la UILFPL ha finalmente vinto definitivamente questa battaglia. Anzi stravinto, perché nel frattempo quel diritto – partendo dalla nostra iniziativa – è riconosciuto in tutta Italia anche nel Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro.

continua
Sindacati

INDENNITÀ DI VACANZA CONTRATTUALE: FIALS SPECULA?

Immagine1

Contratti: Cgil Cisl Uil a Fials, indennità vacanza contrattuale diritto dal 1993
‘Mostri rispetto verso lavoratori, basta speculazioni’

Roma, 1 aprile – “Bisognerebbe mostrare rispetto nei confronti delle lavoratrici e dei lavoratori, specie della loro intelligenza. L’indennità di vacanza contrattuale (Ivc), che viene erogata alle lavoratrici e ai lavoratori come un incremento provvisorio della retribuzione che decorre dopo un determinato periodo dalla data di scadenza del contratto collettivo nazionale, è una conquista sindacale che risale all’accordo del 23 luglio del 1993, non certo alla ‘incisiva’, si fa per dire, azione della Fials”. Così Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl replicano alle parole della Fials che si sarebbe intestata l’erogazione dell’Ivc ai lavoratori della Sanità pubblica.

continua
Sindacati

LEGGE REGIONALE CONTRO LE AGGRESSIONI DEL PERSONALE SANITARIO

Immagine6

 DEPOSITATO IL PROGETTO DI LEGGE REGIONALE CONTRO LE AGGRESSIONI DEL PERSONALE SANITARIO

“Finalmente un atto concreto per i dipendenti del Servizio Sanitario Regionale”. Con queste parole il Segretario Generale della UIL FPL Milano e Lombardia, Daniele Ferruccio Ballabio, apre la conferenza stampa che si è tenuta lo scorso 19 marzo presso la sede del Pirellone a Milano, organizzata per illustrare i contenuti della sua proposta di Legge “Sicurezza nei posti di lavoro contro le aggressioni al personale”.

“Minacce, insulti, spinte e botte sono ormai la consuetudine negli Ospedali, in particolare in reparti quali Pronto Soccorso, SERT, Psichiatrie e nei Servizi di accoglienza. Ogni giorno si registra un’escalation continua di aggressioni contro il personale sanitario” continua Ballabio “che non si sente tutelato né dalla legge né dalla propria Azienda, dove spesso opera in condizioni di forte disagio”.

continua
UIL

IL DIRITTO SINDACALE ASSEMBLEARE? DIPENDE

Immagine8

Riceviamo e pubblichiamo.

“Diritto Assemblea Sindacale non garantito ???”

Nella giornata odierna la Segreteria aziendale della Uil Fpl dell’Istituto Ortopedico Rizzoli aveva convocato secondo il protocollo in essere un’assemblea sindacale rivolta al personale della Sala Operatoria inerente il nuovo regolamento (in via sperimentale per 3 mesi attivo dal 11 marzo 2019) , molti dipendenti della sala ci hanno contattato perché in alcuni casi e’ stato impedito di partecipare , le assemblee sindacali sono stabilite dall’art.20 dello statuto dei lavoratori legge 300/1970.

continua