chiudi

UIL

Sindacati

“…PRIMA PAGARE PARCHEGGIO, POI ENTRARE IN TURNO…”

Immagine2

riceviamo e pubblichiamo

“Operatori  Is.Mobo costretti a pagare il parcheggio per andare a lavorare”

Gli operatori delle ambulanze ex Croce Azzurra di Bologna per poter svolgere il proprio turno di lavoro sono costretti a parcheggiare sulle strisce blu a pagamento presenti in Via Papini su entrambi i lati della strada , per un turno di 7 ore gli stessi vanno a sborsare dalle 9 € giornaliere  lo denuncia in una nota alla stampa il referente Terzo settore della Uil Fpl Umberto Bonanno, questo problema sollevato dai lavoratori riuniti in assemblea ,in parte è dovuto ai pochi parcheggi presenti all’interno della struttura Is Mobo.

continua
Sindacati

RISPETTO PER L’AMBIENTE AL RIZZOLI DI BOLOGNA: BORRACCIA PLASTIC FREE

Immagine7

Comunicato Stampa

“ Una Borraccia Ecologica per sensibilizzare la Direzione Aziendale all’eliminazione della plastica dal Rizzoli”

Nella giornata del 20 dicembre verrà consegnata simbolicamente una Borraccia Ecologica alla Segreteria del Direttore Generale Dott. Mario Cavalli e del Direttore Scientifico Prof.ssa Maria Paola Landini da parte del segretario Aziendale della Uil Fpl dell’Istituto Ortopedico Rizzoli Sig. Umberto Bonanno .

Con la consegna della Borraccia ci sarà anche la richiesta di un impegno chiaro da parte della Direzione nel far diventare entro il 2020 il Rizzoli totalmente plastica free.

La Uil Fpl da sempre sensibile alle politiche per l’ambiente e la tutela dei cittadini ,quest’anno fornirà i propri iscritti di una borraccia ecologica, un simbolo che vuole testimoniare il nostro impegno a 360 gradi nella salvaguardia dell’ambiente , con una richiesta chiara , che sia una programmazione concreta da parte della Direzione Aziendale che porterà a ridurre significativamente il consumo di plastica a partire dai luoghi di lavoro.

La richiesta da parte della Uil Fpl , dell’ installazione di distributori d’acqua negli ambienti di lavoro deve essere solo il primo passo, che gradualmente porta alla sostituzione della plastica , la dove possibile, con materiali a basso impatto ambientale , basti pensare solo alle migliaia di bottigliette d’acqua che vengono utilizzate giornalmente sia dall’utenza che dai dipendenti , non solo basti ricordare che con l’eliminazione delle stoviglie e bicchieri di plastica dalla mensa aziendale potrebbe ridurre in modo significativo il consumo della plastica all’interno del Rizzoli.

Con questo gesto simbolico la Uil Fpl del Rizzoli vuole sensibilizzare i cittadini e i datori di lavoro ad un uso più razionale e rispettoso verso l’ambiente.

Insieme sindacato e datore di lavoro possiamo fare tanto per il nostro ambiente .

Bologna li 19/12/2019

continua
Sindacati

UIL FPL ASP LOCRI: PERSONALE IMBOSCATO

Immagine1

Una “sedicente scuola di formazione professionale” dell’Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria utilizzata come alibi per agevolare “l’imboscamento” di personale sanitario dell’Asp di Locri distogliendolo dai compiti d’istituto inerente l’area dell’Emergenza-Urgenza e/o del “Suem 118”.

continua
Sindacati

+ PRECARIATO NEL PUBBLICO IMPIEGO, – QUALITA’ NEI PUBBLICI SERVIZI

Immagine3

AUMENTA IL PRECARIATO NEL PUBBLICO IMPIEGO

Aumenta sempre di più il lavoro precario nella pubblica Amministrazione, uno su dieci è un lavoratore precario, mentre scende il numero degli addetti con contratti a tempo indeterminato aumentano quanti sono assunti con un rapporto di lavoro a tempo o flessibile. Le tabelle messe a punto dalla Ragioneria generale dello Stato parlano chiaro – dichiara il Segretario Regionale della UIL FPL Milano e Lombardia Daniele Ballabio.

I dipendenti pubblici sono 3,3 milioni, ma l’11,2% di loro, circa 340 mila unità, non è stabile – continua Ballabio – numeri che cambiano nell’ultimo anno con un aumento dell’8,8%, ecco perché l’Italia è finita sotto l’esame della commissione Europea che a fine luglio ha aperto sul punto una procedura d’infrazione contro l’Italia.

continua
Sindacati

ULSS 5 POLESANA, LA PAURA FA 40…

Immagine2

Sono quasi quaranta gli operatori sanitari assunti o in attesa di assunzione già nei prossimi giorni che ora, invece, di punto in bianco, rischiano di rimane a casa o, nel migliore dei casi, imbattersi in una lotta senza fine tra le aule di un tribunale per non perdere il posto di lavoro finalmente ottenuto. E parliamo solo degli assunti nella Ulss 5 Polesana, ma il numero di personale coinvolto è sicuramente di molto superiore, visto che il “problema” colpisce l’intera sanità veneta.

continua
Sindacati

ASL TERAMO: PRODUTTIVITA’ 2018 QUANDO?

Immagine4

TERAMO – Ricordiamo che il 2018 si è chiuso alla ASL di Teramo con il superamento di oltre il 70% del budget delle ore destinate allo straordinario. Straordinario che si è reso necessario per il raggiungimento dei Livelli Essenziali di Assistenza della ASL di Teramo facendo però lievitare da circa 96.000 ore di straordinario preventivate, a circa 165.000 ore di straordinario effettuate. Situazione che ha portato al mancato rispetto di un accordo che prevedeva la liquidazione nel mese di luglio 2019 della produttività 2018.

continua
Sindacati

RISOLLEVARE IL SSN DAL COLLASSO DEL SOTTOFINANZIAMENTO

Immagine1
CGIL CISL UIL: Auspicabili maggiori risorse e assunzioni nella prossima legge di Bilancio
Roma, 6 agosto – “Siamo allarmati e preoccupati per la condizione in cui versa il nostro Servizio Sanitario nazionale: sottofinanziato, svuotato di personale e non più in grado di garantire un’assistenza di qualità ai cittadini. Per questo riteniamo necessario e non più rinviabile un incontro con il governo, in vista della prossima legge di Bilancio che potrebbe avviare un’inversione di tendenza auspicabile”. Queste le parole di Cgil Cisl e Uil, insieme alle categorie dei servizi pubblici, in una lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al Ministro della Salute Giulia Grillo.
continua
Sindacati

PRONTO SOCCORSO O PRONTO CASSA?

Immagine1

Il Pronto Soccorso è pubblico e tale deve rimanere.

Non restiamo in silenzio dinnanzi alla lenta e
inesorabile privatizzazione della Sanità Pubblica.

La UIL FPL del Lario è venuta a conoscenza per il tramite di un comunicato ufficiale che presso la clinica San Martino di
Malgrate in provincia di Lecco è stato autorizzato un pronto soccorso con prestazioni a pagamento dal lunedì al sabato.

La nostra Organizzazione è sconcertata dal livello di smembramento in cui si trova il sistema di Sanità Pubblica presso
la nostra Regione e nel nostro Paese, si pensi che negli ultimi 10 anni soso stati tagliati 37 mld di €. .

Ancora una volta siamo stati preveggenti su quanto atteso dalla legge regionale n. 23/2015 in merito alla mancata
attuazione dei PREST e dei POT che dovevano fungere da scrematura per evitare gli intasamenti dei Pronto Soccorso
delle ASST.

Prendere atto che si pone rimedio agli intasamenti dei Pronto Soccorso con la creazione di nuovi Poli affidati a soggetti
privati per la gestione di emergenze definite “minori” con tariffe a pagamento è, a nostro avviso,un segnale
inequivocabile di mancati investimenti sulla Sanità Pubblica.

Da tempo sosteniamo l’idea di rilanciare gli investimenti riguardo la nostra rete di assistenza sanitaria convogliando le
risorse necessarie per l’ammodernamento delle strutture, strumentazione e per un vero piano assunzionale e di
potenziamento del personale medico e del comparto (infermieri, Oss, tecnici ecc. ecc.).

E invece, in Regione Lombardia si autorizza l’avvio di tali servizi dimenticando il valore fondamentale della tenuta del
sistema sanitario pubblico e magari affidando a soggetti privati che, da dodici anni non rinnovano il contratto ai propri
dipendenti.

A certificare quanto da noi rappresentato è da ultimo il “rapporto Gimbe 2019” che per detta della Fondazione in
riferimento allo stato della Sanità Pubblica dichiara “siamo Davanti al lento e progressivo sgretolamento della più grande
opera pubblica mai costruita in Italia – negli ultimi dieci anni nessun Esecutivo ha mai avuto il coraggio di mettere la
sanità pubblica al centro dell’agenda politica, ignorando che la perdita di un servizio sanitario pubblico, equo e
universalistico, oltre a compromettere la salute delle persone e a ledere un diritto fondamentale tutelato dalla
Costituzione, porterà ad un disastro sociale ed economico senza precedenti”.

Il servizio di pronto soccorso è e deve rimanere pubblico e per questo, chiediamo a Regione Lombardia e
all’Assessore al Welfare G. Gallera di intervenire affinchè vengano valorizzate e potenziate le strutture pubbliche del
nostro territorio.

Non è mai troppo tardi per uscire dal silenzio assordante in cui siamo.
Lecco, 12 Giugno 2019
Il Segretario Sanità Pubblica della UIL FPL del Lario
f.to Massimo Coppia

continua
Sindacati

INCARICHI A PIOGGIA O PIOGGIA DI INCARICHI AL FATEBENEFRATELLI?

Immagine2

COMUNICATO STAMPA
FACILI INCARICHI ALLA ASST FATEBENEFRATELLI SACCO
LA UIL FPL DENUNCIA

Decisa la posizione della UIL FPL nel denunciare gli incarichi concessi dalla ASST Fatebenefratelli Sacco ad alcuni dipendenti senza aver espletato nessuna selezione, in violazione delle norme che regolano l’affidamento di tali incarichi.
Sono mesi che la struttura Aziendale della UIL segnala al Direttore Generale Dott. Visconti gli incarichi concessi senza alcuna selezione ne regolamento – dichiara la Responsabile UIL FPL Vincenza Travisani – ma ad oggi non abbiamo avuto alcun riscontro.
Parliamo – continua la responsabile sindacale – di incarichi di organizzazione (ex incarichi di coordinamento e di posizioni organizzative), con una remunerazione che varia da 4200 euro a 6200 euro, incarichi di nuova istituzione affidate senza alcuna selezione.

continua