chiudi

UGL

Sindacati

UGL ASCOLI PICENO SULL’AGGRESSIONE DELL’INFERMIERE DEL 118: TROPPO ALCOOL

ALCOOL

“I fatti recentemente denunciati di aggressione al personale del 118 e del pronto soccorso sono purtroppo abbastanza frequenti. Sono causati persone con tasso alcolemico elevato ma anche da una utenza esasperata dai tempi di attesa”. E’ quanto riferisce Benito Rossi dell’Ugl della provincia di Ascoli Piceno.

“All’infermiere aggredito – ancora Rossi – esprimiamo tutta la nostra solidarietà, ma la condizione lavorativa deve modificarsi, altrimenti eventi come quello accaduto si ripeteranno”.

continua
Sindacati

UGL TRAPANI SULLA UOC ORTOPEDIA DI MAZARA DEL VALLO

1359790976148.jpg–femore_rotto

L’Ugl trapanese sensibile alle esigenze dei cittadini di Mazara del Vallo è intervenuta inoltrando una nota all’Assessore alla Sanità Baldo Gucciardi e al Commissario Straordinario Giovanni Bavetta, complimentandosi  come organizzazione sindacale al servizio dei cittadini,  con l’Assessore stesso e con il Commissario Straordinario,  per l’impegno profuso al fine di garantire il diritto alla salute dei concittadini mazaresi.

continua
Sindacati

UGL SANITA’ SULL’AVVIO DEL CONFRONTO CON LA DIRIGENZA AIOP PER IL RINNOVO DEL CCNL

INGRANAGGI

Esprimiamo soddisfazione per il primo confronto con la dirigenza Aiop in merito al rinnovo dei contratti collettivi nazionali della sanità privata e del socio-sanitario Rsa ed auspichiamo di poter giungere in tempi brevi ad un’intesa che, riconoscendo la professionalità delle lavoratrici e dei lavoratori del settore, garantisca anche un adeguato compenso economico”.

continua
Sindacati

UGL DIPARTIMENTO SANITA’: CASA PROTETTA IN GESTIONE ESTERNALIZZATA

POCHEIDEEMACONFUSE

OZIERI. «Sta per consumarsi l’ultimo atto di un procedimento da noi sempre osteggiato e combattuto». Con queste parole il sindacato Ugl, dipartimento Sanità, commenta la notizia del via libera definitivo del Comune di Ozieri all’esternalizzazione della gestione della comunità integrata Clemenza e Giuseppe Pietri a una ditta di Torino. Un provvedimento il cui iter è iniziato da mesi e che terminerà definitivamente domani 22 giugno con l’ufficiale ingresso nella gestione della ditta vincitrice dell’appalto.

continua
Sindacati

UGL: COME GARANTIRE CURE E SALUTE CON 54 POSTI LETTO IN MENO IN ASUR AREA VASTA 5?

Dubbi

“L’ospedale di San Benedetto non può più continuare a servire una popolazione con la gravissima carenza di circa 54 posti letto in meno”. Questa la denuncia di Benito Rossi, rappresentante del sindacato del settore sanitario Unione Generale del Lavoro, che si rivolge ai vertici della sanità della Regione Marche affinché prendano in carico la problematica e vi pongano rimedio.

continua
Sindacati

AAS 2 BASSA FRIULANA ISONTINA HA REVOCATO L’AFFIDAMENTE DEL SERVIZIO DI EMERGENZA E TRASPORTO PRIMARIO

OBIETTIVI1

Con la determinazione 347 del 11 maggio, la direzione aziendale dell’ Aas 2 Bassa Friulana-Isontina ha revocato il provvedimento di affidamento del servizio di emergenza e trasporto primario agli enti di volontariato. Tale provvedimento prevedeva un esborso di denaro pubblico superiore ai 14.000.000 di euro, tra l’ altro con dinamiche e situazioni di costi riferibili ai vari enti alquanto discutibili.

continua
Sindacati

DISORGANIZZAZIONE ALL’OSPEDALE DEI BAMBINI DI PALERMO

scarpette

Sanità, l’Ugl denuncia: “All’Ospedale dei bambini vige la disorganizzazione più assoluta”. “Sono inaccettabili le condizioni di lavoro dei dipendenti dell’Ospedale dei Bambini, dove vige la disorganizzazione più assoluta”. A dichiararlo è Vincenzo Ginnastica, responsabile provinciale dell’Ugl Sanità di Palermo. “Il personale sanitario dell’Ospedale dei bambini –  denuncia Ginnastica –  subisce scelte da parte della direzione sanitaria alla quale abbiamo chiesto un incontro urgente, non concordate ne condivise con il nostro sindacato, alla quale riconduciamo delle gravi responsabilità che si ripercuotono inevitabilmente sulla qualità del servizio pubblico prestato ai cittadini,  portato avanti con grande sacrificio nonostante il caos imperante, dalle lavoratrici e dai lavoratori”.

continua
Sindacati

INCREMENTATE A 36 LE ORE SETTIMANALI PER 800 LAVORATORI DELLA SANITASERVICE

36

Bari. “Dopo anni di battaglie sindacali, c’è grande soddisfazione per il via libera ufficiale da parte dell’Asl di Bari all’incremento a 36 ore settimanali che porterà il rapporto di lavoro di circa 800 lavoratori della Sanitaservice barese dall’attuale part-time a full-time, con adeguamento proporzionale della retribuzione secondo le vigenti disposizioni contrattuali”. Lo rende noto il Segretario generale regionale dell’Ugl Sanità pugliese e coordinatore di settore per il Sud Italia, Giuseppe Mesto, a margine della comunicazione formale ricevuta, martedì 28 marzo, dal Socio Unico ‘Sanitaservice Asl di Bari Srl’ che ha ritenuto recepire e dare seguito al procedimento di trasformazione contrattuale del personale per assunte necessità tecnico-organizzative, e sulla base dell’Atto d’indirizzo indicato dell’Azienda sanitaria locale.

continua
Sindacati

UIL, UGL, FIALS CATANIA: STATO D’AGITAZIONE PER LE RISORSE UMANE DALLA GESTIONE ALLE ASSUNZIONI

lutto (1)

Infermieri ed ausiliari dell’ azienda ospedaliera Garibaldi di Catania hanno dichiarato lo stato di agitazione, avviando nel contempo la procedura di raffreddamento prevista dalla legge. Lo fanno sapere i sindacati specificando che è stata inviata una nota al prefetto di Catania, Silvana Riccio, al direttore generale Giorgio Santonocito ed all’assessore regionale della Salute Baldo Gucciardi.

In un comunicato i rappresentanti sindacali aziendali Carmelo Spica di Uil funzione pubblica, Andrea Gambino di Ugl sanità, Gabriele Messina di Fials, insieme ai rispettivi segretari provinciali Stefano Passarello, Carmelo Urzì, Agata Consoli, spiegano che la decisione è “dovuta alle disattese relazioni da parte della direzione generale dell’azienda con le stesse sigle di categoria”.

I sindacati puntano il dito sulle tematiche relative al personale come la distribuzione delle risorse umane nelle strutture, l’assunzione di oltre 40 unità ed il conferimento di 20 unità di coordinamento che non hanno assolutamente tenuto conto delle graduatorie di mobilità all’interno dell’azienda.

“Non passa giorno che il personale infermieristico ed ausiliario venga spostato continuamente, con dinamiche a noi sconosciute e senza una reale esigenza – spiegano i sindacati. Protestiamo per chiedere la revoca immediata degli ordini di servizio attuati per consentire il rispetto della graduatoria di mobilità deliberata ed una più attenta analisi delle priorità nell’assegnazione del personale alle varie unità operative”.

Nel comunicato le sigle sindacati sottolineano di avere chiesto al direttore generale un confronto: “Invece – si legge – abbiamo dovuto scontrarci con un vero e proprio muro di gomma, mentre si continua a navigare a vista senza alcuna programmazione e nessun rispetto degli accordi sulla mobilità interna”.

“Auspichiamo dunque – concludono le organizzazioni sindacali – che sua eccellenza il Prefetto accolga la nostra richiesta per giungere presto ad una nuova fase, che consenta il riavvio del dialogo con la direzione ospedaliera nell’interesse di garantire all’utenza prestazioni assistenziali all’altezza.”

http://catania.blogsicilia.it/allospedale-garibaldi-infermieri-e-ausiliari-in-stato-di-agitazione/385143/

continua