chiudi

UGL

Sindacati

PENE SEVERISSIME PER I RESPONSABILI DEI MALTRATTAMENTI IN RSA SAN CAMILLO, PREDAPPIO

maltrattamenti anziani-2

Pene severe, anzi severissime, per i responsabili dei maltrattamenti e maggiori controlli da parte delle autorità sulla qualità dei servizi offerti agli anziani nelle case di cura e case di riposo, senza distinzione fra pubbliche e/o private convenzionate” a chiederlo è il sindacato Ugl di Forlì-Cesena e Rimini che interviene con una nota sulla triste vicenda dei maltrattamenti agli anziani registrati nella struttura religiosa-socio assistenziale “Opera San Camillo” di Predappio.
Qualora venissero confermate le accuse chiediamo che venga erogato il massimo della pena nei confronti del sacerdote che dirigeva la struttura socio assistenziale, e che questa persona vesta l’abito talare e che la sua missione doveva essere quella dell’aiuto al prossimo dovrebbe essere considerata un’aggravante!” dichiara Emanuela Del Piccolo, segretario di Ugl di Forlì-Cesena e Rimini.

continua
Sindacati

DG ULSS 9 SCALIGERA: OSPEDALI DI COMUNITA’ NON PIU’ IN LINEA CON LE DIRETTIVE REGIONALI

RUOTADIBARI

La Direzione Generale dell’Azienda ULSS 9 Scaligera ha comunicato ai dipendenti ed ai responsabili sanitari dell’Ospedale di Comunità di Valeggio che il servizio viene sospeso “perché – riferisce il segretario regionale Ugl Sanità del Veneto, Stefano Tabarelli, – ci sono problematiche con il personale e perché tale servizio non è più in regola con le direttive regionali”.

Per il sindacalista “la sospensione di tale servizio non solo rappresenta un danno per le famiglie che ne usufruiscono e per tutti quei pazienti che vengono dimessi dai reparti con grosse problematiche di assistenza, ma è anche una beffa per il personale sanitario e medico che in questi anni ha dato tutto se stesso per farlo funzionare al meglio, con professionalità  e umanità, e che ora sarà re-distribuito presso altri reparti, con la grande delusione che tutto il lavoro svolto per organizzare e far funzionare l’Ospedale di Comunità è stato inutile”.

continua
Sindacati

UGL ASCOLI PICENO SULL’AGGRESSIONE DELL’INFERMIERE DEL 118: TROPPO ALCOOL

ALCOOL

“I fatti recentemente denunciati di aggressione al personale del 118 e del pronto soccorso sono purtroppo abbastanza frequenti. Sono causati persone con tasso alcolemico elevato ma anche da una utenza esasperata dai tempi di attesa”. E’ quanto riferisce Benito Rossi dell’Ugl della provincia di Ascoli Piceno.

“All’infermiere aggredito – ancora Rossi – esprimiamo tutta la nostra solidarietà, ma la condizione lavorativa deve modificarsi, altrimenti eventi come quello accaduto si ripeteranno”.

continua
Sindacati

UGL TRAPANI SULLA UOC ORTOPEDIA DI MAZARA DEL VALLO

1359790976148.jpg–femore_rotto

L’Ugl trapanese sensibile alle esigenze dei cittadini di Mazara del Vallo è intervenuta inoltrando una nota all’Assessore alla Sanità Baldo Gucciardi e al Commissario Straordinario Giovanni Bavetta, complimentandosi  come organizzazione sindacale al servizio dei cittadini,  con l’Assessore stesso e con il Commissario Straordinario,  per l’impegno profuso al fine di garantire il diritto alla salute dei concittadini mazaresi.

continua
Sindacati

UGL SANITA’ SULL’AVVIO DEL CONFRONTO CON LA DIRIGENZA AIOP PER IL RINNOVO DEL CCNL

INGRANAGGI

Esprimiamo soddisfazione per il primo confronto con la dirigenza Aiop in merito al rinnovo dei contratti collettivi nazionali della sanità privata e del socio-sanitario Rsa ed auspichiamo di poter giungere in tempi brevi ad un’intesa che, riconoscendo la professionalità delle lavoratrici e dei lavoratori del settore, garantisca anche un adeguato compenso economico”.

continua
Sindacati

UGL DIPARTIMENTO SANITA’: CASA PROTETTA IN GESTIONE ESTERNALIZZATA

POCHEIDEEMACONFUSE

OZIERI. «Sta per consumarsi l’ultimo atto di un procedimento da noi sempre osteggiato e combattuto». Con queste parole il sindacato Ugl, dipartimento Sanità, commenta la notizia del via libera definitivo del Comune di Ozieri all’esternalizzazione della gestione della comunità integrata Clemenza e Giuseppe Pietri a una ditta di Torino. Un provvedimento il cui iter è iniziato da mesi e che terminerà definitivamente domani 22 giugno con l’ufficiale ingresso nella gestione della ditta vincitrice dell’appalto.

continua
Sindacati

UGL: COME GARANTIRE CURE E SALUTE CON 54 POSTI LETTO IN MENO IN ASUR AREA VASTA 5?

Dubbi

“L’ospedale di San Benedetto non può più continuare a servire una popolazione con la gravissima carenza di circa 54 posti letto in meno”. Questa la denuncia di Benito Rossi, rappresentante del sindacato del settore sanitario Unione Generale del Lavoro, che si rivolge ai vertici della sanità della Regione Marche affinché prendano in carico la problematica e vi pongano rimedio.

continua
Sindacati

AAS 2 BASSA FRIULANA ISONTINA HA REVOCATO L’AFFIDAMENTE DEL SERVIZIO DI EMERGENZA E TRASPORTO PRIMARIO

OBIETTIVI1

Con la determinazione 347 del 11 maggio, la direzione aziendale dell’ Aas 2 Bassa Friulana-Isontina ha revocato il provvedimento di affidamento del servizio di emergenza e trasporto primario agli enti di volontariato. Tale provvedimento prevedeva un esborso di denaro pubblico superiore ai 14.000.000 di euro, tra l’ altro con dinamiche e situazioni di costi riferibili ai vari enti alquanto discutibili.

continua
Sindacati

DISORGANIZZAZIONE ALL’OSPEDALE DEI BAMBINI DI PALERMO

scarpette

Sanità, l’Ugl denuncia: “All’Ospedale dei bambini vige la disorganizzazione più assoluta”. “Sono inaccettabili le condizioni di lavoro dei dipendenti dell’Ospedale dei Bambini, dove vige la disorganizzazione più assoluta”. A dichiararlo è Vincenzo Ginnastica, responsabile provinciale dell’Ugl Sanità di Palermo. “Il personale sanitario dell’Ospedale dei bambini –  denuncia Ginnastica –  subisce scelte da parte della direzione sanitaria alla quale abbiamo chiesto un incontro urgente, non concordate ne condivise con il nostro sindacato, alla quale riconduciamo delle gravi responsabilità che si ripercuotono inevitabilmente sulla qualità del servizio pubblico prestato ai cittadini,  portato avanti con grande sacrificio nonostante il caos imperante, dalle lavoratrici e dai lavoratori”.

continua