chiudi

OO.SS.

Sindacati

IL CAMPANELLO SUONAVA SEMPRE DUE VOLTE…

Immagine1

Sanità Lazio, ULS Unione Lavoratori Sanità: “Ai pazienti non si può far attendere il 2019 per rispondere al campanello”

Quando suonerà il prossimo campanello in una corsia di un ospedale della Regione Lazio forse si risponderà dopo il 1 gennaio 2019 – lanciano l’allarme Anna Rita Amato e Antonino Gentile del Direttivo ULS Roma e Lazio. Ovviamente il paradosso è voluto per far intendere che le criticità della Sanità regionale legate alla carenza di personale delle strutture sanitarie non possono essere rimandate ulteriormente, nonostante gli ultimi annunci trionfalistici provenienti da più fronti istituzionali. Ci sembra che quantificare in cinquemila le ipotetiche assunzioni di lavoratori nella sanità dal 2019 in poi sia un calcolo al ribasso che non tiene conto della grave perdita di personale che c’è stata negli ultimi 12 anni a causa del blocco del turn over e che in futuro si aggraverà grazie ai pensionamenti. Si stimano circa 7500 fuoriuscite ulteriori nei prossimi 5 anni. A rendere ancor più critica la situazione è il periodo estivo con le relative ferie dei dipendenti, già ridotti all’osso e costretti a prolungamenti orari per coprire i servizi.

continua
Sindacati

STABILIZZAZIONE PERSONALE IN AOU SASSARI: IL PUNTO DI VISTA DEL SINDACATO INFERMIERISTICO

Immagine5

Al Direttore Generale AOU Sassari, Al Direttore Amm.vo AOU Sassari,
Al Direttore Sanitario AOU Sassari, Alla Dirigente Professioni Sanitarie
Al Direttore del Personale
e p. c. All’Assessore Sanità. Dott. Arru, Agli organi di stampa, A tutti i lavoratori

Sassari 26/05/2018 Oggetto: stabilizzazioni personale AOU Sassari precario.

In data 1 marzo 2018, a Cagliari, eravamo certi di aver sottoscritto un accordo importantissimo e il protocollo di intesa in materia di stabilizzazione del personale precario del Servizio Sanitario Regionale era incanalato nel verso giusto.
Ad oggi, nonostante le scadenze imposte dallo stesso protocollo, oltreché avviare una procedura di censimento, nient’altro si è fatto, nonostante le richieste di chiarimenti, tantomeno è stato presentato il fabbisogno di personale, con il piano triennale, un’inadempienza che potrebbe impedire l’assunzione di nuovo personale.

continua
Sindacati

ULS ROMA E LAZIO SU TEMPARI E MINUTAGGIO E CLESSIDRE

Immagine1

ULS Unione Lavoratori Sanità: “Tempario medico e nuovi codici numerici Pronto Soccorso, senza personale sanitario a rischio il diritto alla salute”

Mettere il cronometro alle visite mediche ambulatoriali non poteva risolvere l’annoso problema delle liste d’attesa in Regione Lazio – dichiarano in una nota il direttivo ULS Roma e Lazio Anna Rita Amato e Antonino Gentile – e la decisione del TAR ha reso giustizia ad una evoluzione del concetto di diagnosi e cura a cronometro.

La sentenza n° 06013/18 ha rispristinato l’autonomia clinica e il diritto di ogni medico a poter instaurare quel rapporto di fiducia con il paziente, pilastro responsabile della presa in carico del cittadino che si rivolge al Servizio Sanitario Regionale. Merito del dettato del Giudice amministrativo è stato quello di non consentire una “catena di montaggio” sanitaria negli ospedali del Lazio.

continua
Sindacati

FP CGIL E CISL FPS CONTRO DG ASP REGGIO CALABRIA: ILLUSIONISTA

Immagine8

FP CGIL, INTEGRAZIONE DISPOSIZIONE DI SERVIZIO N.47 DEL 22/05/2018

continua
Sindacati

TRENTO, NURSING UP E UIL FPL: RISORSE AGGIUNTIVE DEL TUTTO INSUFFICIENTI

Immagine24

Le scriventi organizzazioni sindacali hanno partecipato all’incontro con l’Assessore alla salute Luca Zeni. L’incontro fa seguito a quello del 18 gennaio 2018 durante il quale l’Assessore stesso si era impegnato ad individuare ulteriori risorse economiche atte a soddisfare le nostre nuove richieste sindacali.

Dopo aver ribadito anche oggi con forza le nostre richieste, abbiamo purtroppo costatato che le risorse aggiuntive dallo Stesso, oggi proposteci , sono del tutto inadeguate e insufficiente a riconoscere il disagio (indennità turni), lo sviluppo professionale e l’omogeneizzazione economico-giuridica del personale dell’azienda sanitaria con il personale provinciale.

continua
Aziende Sanitarie

ASL FIRENZE, PRESIDIO OSPEDALIERO SERRISTORI: TIME OUT PER INFERMIERI ED OSS

Immagine3

Arriva dai Cobas, i rappresentanti dei lavoratori, la nuova denuncia sulle condizioni in cui si trovano, in particolare, infermieri e operatori sociosanitari all’interno del presidio ospedaliero figlinese. “Già lo scorso 2 marzo come delegati Rsu Cobas – si legge in una nota – abbiamo incontrato il Direttore della SOS Assistenza Infermieristica sud est, dottor Cellini, e la responsabile infermieristica del Presidio Serristori, dottoressa Litta, in merito all’attuale gestione dell’organizzazione del lavoro, delle carenze di personale infermieristico e OSS, denunciando la situazione di forte criticità delle due Medicine A e B”.

continua
Sindacati

SIT DI PROTESTA IN ASP RAGUSA

Immagine45

Ragusa – La F.P. Cgil, La Uil FPL, la FSI, la Fials e la UGL, hanno proclamato un sit-in di protesta previsto per giorno 10 maggio 2018 dalle 10.00 alle 12.00 in piazza Igea a Ragusa, di fronte la sede della direzione generale dell’Asp. L’assemblea e il sit-in riguarderà tutto il personale dipendente, dirigenza e comparto dell’ASP di Ragusa, ai sensi delle norme dei rispettivi contratti di lavoro.

Le motivazioni della protesta:

-Problematiche e criticità organizzativa

-Stabilizzazione dei precari

-Dotazione organica

-Coordinamenti sanitari e non

continua
Sindacati

NASCE ULS, UNIONE LAVORATORI SANITA’, SINDACATO AUTONOMO E DI BASE

Immagine25

COMUNICATO STAMPA

Sanità, ULS Unione Lavoratori Sanità: “ 1 Maggio, festa del lavoro, nasce un nuovo sindacato autonomo e di base. Insieme per una Sanità migliore”

E’ nato a Roma, dopo anni di lotte e contrasti – dichiarano i soci fondatori- nel settore con esperienze sindacali diverse, l’Unione Lavoratori Sanità un sindacato nazionale autonomo e di base che intende rappresentare la classe lavoratrice del sistema sanitario italiano.

Nel quadro complessivo di arretramenti e sconfitte susseguitesi negli anni per le lavoratrici e i lavoratori della sanità pubblica e privata, tutte le conquiste e i diritti sono stati messi gradualmente in discussione in nome di politiche di tagli e contenimento della spesa, prediligendo in molti casi il profitto dei datori di lavoro rispetto alle condizioni lavorative e al diritto sancito dall’art.32 della Costituzione italiana per una sanità gratuita e universalistica.

continua
Sindacati

ASL ROMA 6: AFFITTASI INFERMIERI, ASTENERSI PERDITEMPO

Immagine54

Appalti fittizi e ‘caporalato’ in Asl e ospedali. USB: Ai limiti del malavitoso…

Una sola via per i lavoratori “affittati” nelle Asl e negli ospedali: assumerli nelle rispettive strutture dove già lavorano, spesso anche da molti anni. È la soluzione che sollecitano i sindacati Cisl e Unione sindacale di base (Usb), come l’unica capace di dare finalmente dignità ed equità ai lavoratori esterni “a termine” ma di fatto incardinati nelle strutture anche da oltre dieci anni, come accade nella Asl Roma 6 che si è vista bocciare dal Consiglio di Stato l’ennesimo appaltone da oltre 3 milioni e mezzo di euro.

continua