chiudi

NURSING UP

Sindacati

PASSAGGI DI FASCIA E SISTEMA PREMIANTE

Immagine4

Molti sono i colleghi, in fascia “D”, da molto, molto tempo che permangono nella fascia senza avanzare di livello.

Molti colleghi hanno sentito parlare e celebrare il sistema premiante, vale a dire, che sempre più frequentemente i colleghi possono passare di fascia previo valutazione delle performance lavorative.

Idealmente tutto ciò è anche affascinante!  Essere premiati per le capacità ecc. Tutto ciò rimane teoria. Nelle analisi fatte, casualmente, mettendo in colonna i dati di un noto ospedale romano, mi sono accorta che c’era una sperequazione nella distribuzione delle fasce economico retributive.

continua
Sindacati

DEMANSIONAMENTO PARTE II°

Immagine1

Il demansionamento si supera anche modificando l’istituto contrattuale degli obblighi del dipendente di cui al ccnl comparto sanità che obbliga all’esecuzione degli ordini di servizio impartiti dal superiore. Articolo sottoscritto anche dal Nursing Up… (Ndr) #noallistitutocontrattualeobblighideldipendenteletterah

po’

continua
Sindacati

UP AND DOWN

Immagine3

Consiglio d’Europa: Ammissibile il reclamo Nursing Up contro l’esclusione dai tavoli. De Palma: Un passo importante in favore della democrazia

Roma, 29 mar. – Il Comitato Europeo dei Diritti Sociali ha dichiarato ammissibile il reclamo del Nursing Up nell’ambito delle Decisioni adottate dal Comitato Europeo dei Diritti Sociali, durante la sua 305a sessione. “Un passo importante in favore della democrazia, l’Ue tutela la libertà di rappresentare le istanze dei lavoratori meglio dell’Italia. E lo fa con questa decisione di Strasburgo che dimostra la nostra coerenza nel condurre una battaglia di civiltà a vantaggio di tutte le organizzazioni sindacali”. Così Antonio De Palma, presidente del sindacato degli infermieri Nursing Up, commenta la nota pubblicata sul sito del Consiglio d’Europa (www.coe.int).

 

continua
Sindacati

AAA CERCASI PROMESSE ASSUNZIONI DA ORDINE CAVALIERI DI MALTA

Immagine1

Recentemente, molti centri privati e convenzionati con la Regione Lazio, avrebbero l’obbligo di assumere tramite concorso pubblico.

Si dice che il concorso dovrebbe essere utile per mantenere le prerogative di convenzione con la Regione Lazio.

Ciò nonostante, è ovvio che ci si chieda che fine hanno fatto le assunzioni, a seguito di graduatoria, presso i Cavalieri di Malta?

L’ultimo documento pubblicato nel sito è datato 24 ottobre 2018. Il sito, nella pagina del concorso, risulta aggiornato al 9 novembre 2018.

Il 12 marzo 2019 abbiamo inviato una pec all’Associazione dei Cavalieri Italiani Sacro Militare di Malta, al momento non abbiamo ricevuto risposte, ne informazioni dai colleghi che confidavano in un assunzione.

Una sceneggiata politica per far credere che avrebbero assunto “qualche infermiere”.

continua
Sindacati

NURSING UP LAZIO SULLA GRADUATORIA MOBILITA’ ASL ROMA 3

Immagine10
Gent.le Direttore,
ho inoltrato una richiesta di spiegazioni, in allegato,  circa la pubblicazione della graduatoria di mobilità degli infermieri. Non si capisce perchè, dopo 9 mesi, ancora non si sappia nulla circa la graduatoria per ben 3 posti. …che vengono anche “celebrati” a dispetto di altre regioni dove pubblicano bandi di mobilità per un centinaio d’infermieri.  I colleghi infermieri, che aspettano in esilio, da anni, aspettano e non tacciono, io/noi del Nursing Up cerchiamo di difendere le istanze degli infermieri/lavoratori che ci chiedono aiuto.  Di seguito il testo dell’istanza sindacale. Coordinamento Regionale Nursing Up Lazio – Laura Rita Santoro
continua
Sindacati

UN INFERMIERE A 370 GRADI

Immagine10

Al Carcere di Vercelli un solo infermiere su 370 detenuti

Situazione ormai intollerabile

Nursing Up “Anni di appelli a tutte le istituzioni caduti nel vuoto. L’Asl è totalmente assente. Come si può continuare così?”

A quasi quattro mesi dall’ultimo appello pubblico (era la fine di ottobre 2018) sulla situazione disastrosa del carcere di Vercelli, nessuna delle istituzioni coinvolte (Comune, Asl di Vercelli o Regione) si è degnata di concretizzare le seppur minima risposta. 

continua
Sindacati

INFERMIERE DI FAMIGLIA SI, NO, FORSE

Screenshot_20190124-150552_1

L’infermiere di famiglia

(Un cittadino che puo’ scegliere un infermiere per la sua famiglia non trema!)

Gent.le Direttore,

il 19 febbraio 2019 come Nursing Up Lazio, siamo stati ad un audizione presso il Consiglio Regionale del Lazio, si disquisiva circa la proposta di legge n. 106 del 6 febbraio 2019, a tema: “Disposizioni per la promozione dell’assistenza infermieristica familiare”.

Purtroppo avremmo voluto avere a disposizione il testo della proposta di legge per tempo, anziché il giorno stesso poco prima dell’audizione, ciò nonostante, grazie alla collaborazione che c’è nel Nursing Up, tra regioni, abbiamo potuto stilare un documento, basandoci su esperienze già collaudate come quelle dell’Emilia Romagna e della Liguria.

continua
Sindacati

TELENOVELA IN REGIONE LAZIO

Immagine1

Le assunzioni degli infermieri nella Regione Lazio carteggi infiniti – Histoire Interminable  

Mobilità e regione Lazio, una storia infinita ricca di colpi di scena! E’ una telenovela, un tipico genere di serial televisivo. Un numero di delibere, note e disposizioni, infinite, si narra minutamente, le vicende dei ragazzi in attesa di trasferimento, ovviamente le vicende personali di uno solo di questi ragazzi non interessa a nessuno!

continua
Sindacati

PRONTA DISPONIBILITA’ OSPEDALE PALESTRINA

Immagine4

Oggetto: pronta disponibilità ostetriche, ospedale di Palestrina.

La presente poiché mi dicono che le colleghe ostetriche, in servizio presso l’ospedale di Palestrina,hanno “scoperto” di essere state inserite nei turni di pronta disponibilità, senza pre avviso.

Tale turnazione sarebbe stata consegnata ad una sola ostetrica del gruppo operativo.
La turnazione sarebbe stata inoltrata per mezzo di una mail.

Le colleghe hanno diritto ad essere informate, preventivamente, se in servizio di pronta disponibilità!

continua
Sindacati

AGGRAPPATI AL FORMICAIO IN ASL NA 1 CENTRO

Immagine5

Napoli, 2 febbraio 2019

Al Governatore Regione Campania

On. le Vincenzo De Luca

Al Direttore Generale ASL Napoli 1 centro

Dr. Mario Forlenza

Pec

Oggetto: smentita vicenda formiche S Giovanni Bosco

Da un comunicato stampa del 1/2 c.a. a firma del Dr. Forlenza si apprende che il Dirigente medico responsabile della struttura sia stato impedito dagli infermieri presenti in turno di: “ ….cambiare il letto e di pulire il paziente….., tale affermazione non corrisponde al vero, secondo gli stessi infermieri.

Dopo aver rinvenuto, per l’ennesima volta, l’infestazione di cui è materia il professionista che aveva in carico il paziente e, sotto la cui responsabilità ricade l’assistenza infermieristica, in forza della posizione di garanzia che egli assume nei confronti dell’assistito ha immediatamente disposto e, personalmente, attuato la bonifica del paziente e dell’unità letto ed ad un tempo ha informato verbalmente il Primario, il Coordinatore e gli altri sanitari presenti.

continua