chiudi

FSI

Sindacati

VIOLENZA H. 24 SUL PERSONALE SANITARIO

Immagine3

Palermo, 2 luglio 2018 – “Ormai è un fenomeno diffuso in tutta la regione, non si può più rinviare la soluzione a questa emergenza di violenza che sta destabilizzando tutta la sanità siciliana”. È quanto afferma Calogero Coniglio, segretario regionale della Fsi-Usae, dopo l’aggressione subita da infermieri all’ospedale di Taormina.

“La Fsi-Usae esprime solidarietà a tutto il personale medico, infermieristico, sociosanitario e ausiliario oggetto delle ennesime, multiple, aggressioni verificatisi al pronto soccorso dell’ospedale di Taormina, rassicurando che non saranno lasciati soli. E’ necessario mettere fine a questa criminalità non sono bastate le nostre denunce a prefetture e questure, le interrogazioni parlamentari presentate, le rassicurazioni, la solidarietà e le varie promesse ricevute”.

continua
Sindacati

IL 118 PUGLIESE? UN SISTEMA DELIRANTE E SBARELLATO

Immagine4

Al recente convegno organizzato dalla CGIL, Ruscitti dice cose che hanno scatenato le ire di medici, infermieri, autisti e soccorritori del 118, ascoltate grazie ad una registrazione audio dell’evento a cui ha preso parte anche il direttore generale della Asl di Bari, Vito Montanaro, senza gli addetti ai lavori.

Nella registrazione – che siamo in grado di farvi sentire – Ruscitti dice: […] “…è un sistema delirante perché… noi abbiamo persone di buona volontà… i quali però formalmente non sono preparati a gestire un’emergenza vera… (altrove) il paziente viene raccolto e trattato al momento della raccolta, trattato e a volte lasciato a domicilio oppure già trattato durante il trasferimento. Da noi questo raramente accade. E questo cosa significa? Che noi abbiamo una convergenza di persone che potrebbero non andare al 118 o persone che arrivano al pronto soccorso e che non vengono sbarellate, ma perché… perché a parte che non sono trattati c’è anche la convenienza e questo lo dico senza nessuna accusa, a non mettersi in moto un’altra volta, cioè rimango in attesa, mi tengo il paziente, sono lì perché piuttosto che tornare in un luogo insicuro che è la strada… che è la città.. che sono i paesi…rimangono al 118 […]”.

continua
Sindacati

STRAORDINARI, DOTAZIONE ORGANICA, IMBOSCATI E MANSIONI IMPROPRIE AI PO DI LOCRI E POLISTENA

photo-1457524461416-8796b6d23efb

La scrivente Organizzazione Sindacale è venuta a conoscenza della disposizione emanata dalla Direzione sanitaria aziendale con la quale si autorizza lo straordinario per il personale infermieristico e di supporto del Presidi Ospedalieri
di Locri e Polistena.

Nel rilevare che l’art. 34 del Ccnl 1998/2001 prevede che lo straordinario non può essere utilizzato come fattore ordinario di programmazione del lavoro e che le prestazioni dello straordinario hanno carattere eccezionale, quindi il ricorso al lavoro straordinario è ammesso soltanto previo accordo tra il dipendente e il
dirigente della Struttura non avendo carattere di obbligatorietà, dobbiamo constatare invece che agli Ospedali di Locri e Polistena il lavoro straordinario diventa un sistema, dunque, non è più straordinario ma un abuso.

continua
Sindacati

FSI E NURSING UP ASL NA 3 SUD SUI FITTI PASSIVI

Immagine4

Sembra che per risolvere i vari  problemi di SALUTE   degli   UTENTI, dei  LAVORATORI,  degli  OSPEDALI,  dei  LUOGHI  DI  LAVORO dell’ASL  NA   3   SUD   non sono più sufficienti  il buon senso o le missive sindacali  ma si debba inevitabilmente  RICORRERE  ai  GIORNALI   per ottenere qualche   riscontro su questioni di semplice risoluzione.

 Desidereremmo  che un’Azienda come  l’ASL NA 3 SUD  avesse l’attitudine  ad ottimizzare le risorse  disponibili sia per efficentare i servizi  che per offrire un’assistenza migliore all’utenza,  tuttavia, non sempre si può pretendere di avere la propensione ad eccellere.

continua
Sindacati

FSI USAE: PROROGA AL 31 DICEMBRE PER I PRECARI DELLE PROFESSIONI SANITARIE

Immagine3

COMUNICATO STAMPA Precari sanità regione Sicilia, contratti prorogati. Fsi-Usae: “Soddisfatte nostre richieste. Aspettiamo scorrimento graduatorie e concorsi”

I contratti a tempo determinato delle professioni sanitarie, in scadenza a fine giugno, saranno prorogati fino al 31 dicembre 2018. E’ quanto risulta dalla circolare firmata ieri dall’Assessore Ruggero Razza che arriva puntuale dopo la richiesta avanzata dal sindacato Fsi-Usae.

continua
Sindacati

PROROGA CONTRATTI AI PRECARI DELLA SANITA’ SICILIANA

Immagine5

COMUNICATO STAMPA

Fsi- Usae: “All’Assessore Razza chiediamo la proroga dei contratti a tempo determinato delle professioni sanitarie”

PALERMO 18 GIU – Il 30 giugno è dietro l’angolo, ma i precari della sanità della Regione Sicilia vivono con apprensione la fine del mese che coincide con la scadenza dei contratti a tempo determinato. Il rapporto di lavoro, per una platea di 1100 persone circa, che comprende tutte le categorie professionali (dagli infermieri, ai tecnici, ai medici), è stato prorogato fino a quella data dall’assessorato.

continua
Sindacati

ANOMALIE, BEFFE, SCANDALI IN AOU SASSARI SULLA SCHIENA DEI PRECARI. FSI USAE PRONTA ALL’ESPOSTO?

Immagine2

FSI USAE: situazione anomala alla AOU Sassari, dipendenti precari  in posizione utile per la trasformazione del contratto da determinato a indeterminato beffati e costretti a lasciare le loro famiglie per lavorare in altre città nonostante la convenzione tra ATS e AOU SS per l’utilizzo di tutte le graduatorie.  “Denunceremo questo scandalo in tutte le sedi”.

            “Su tutti i quotidiani dell’isola e nei tg regionali viene sbandierata la notizia di una miriade di assunzioni nelle aziende sanitarie sarde che, purtroppo, continuano a fare ciò che vogliono a dispetto delle circolari regionali e degli accordi con le organizzazioni sindacali” tuona Mariangela Campus, segreteria territoriale dell’FSI-USAE Sassari.

            “Una delle situazioni più anomale è quella dei dipendenti AOU Sassari in posizione utile per la trasformazione del contratto da determinato a indeterminato che sono chiamati da altre aziende e che sono costretti a lasciare la loro città, mariti, mogli e figli, famiglie per raggiungere Cagliari o altre località per non perdere l’opportunità di un impiego a tempo indeterminato – sinonimo di sicurezza economica. L’AOU di Sassari potrebbe stabilizzarli e tenere le risorse già formate, ma pare non ci sia la volontà: in realtà medici e altro personale vengono stabilizzati nel posto in cui da anni sono precariamente in servizio anche se attinti da più graduatorie, mentre agli infermieri è negato questo diritto, discriminandoli” aggiunge Mariangela Campus.

continua
Sindacati

386 ASSUNZIONI ALL’ARPA SICILIA

Immagine1
Alla presenza dell’On. Assessore regionale al Territorio e Ambiente sono stati convocati i sindacati firmatari del CCNL SANITÀ.
Dopo molteplici riunioni stiamo per concludere, a brevissimo, un percorso che porterà a firmare un accordo che prevederà 386 assunzioni nell’ARPA già confluita nel comparto SANITÀ nella nota del sindacato. Al tavolo regionale per la FSI-USAE il Segretario Regionale Calogero Coniglio: “La FSI-USAE con la propria firma tutela sempre i Lavoratori e coloro che attendono un lavoro”.
continua
Sindacati

CAOS IN ATS SARDEGNA, MALUMORI TRA I LAVORATORI, SOGNI NELLA FSI-USAE

Immagine1

La FSI-USAE indice lo stato di agitazione del Personale del Comparto ATS Sardegna

Caos totale della Sanità Sarda

Atteso che le Aziende Sanitarie Sarde, hanno attivato i vari Regolamenti di Gestione del Personale, compresi gli Atti Aziendali e provveduto alla loro applicazione, già in essere dal 1 gennaio 2018, ma non coincidendo con l’organizzazione delle varie Aziende, tutto ciò sta generando confusione e malessere tra i lavoratori;

Premesso che la stessa O.S., ha già evidenziato le molteplici criticità rilevatesi da inizio anno, senza peraltro aver avuto delle risposte, dichiara la Segretaria Regionale della FSI-USAE Beatrice Mura, segnalando soprattutto la criticità più evidente, relativa ai profili orari, non coincidenti con le reali necessità organizzative e messi “a caso” nella procedura informatica, portando il debito mensile del dipendente sotto di ore, anche di 20/30 in un solo mese.

continua