chiudi

FIALS

Sindacati

FIALS IN PIAZZA IL 4 LUGLIO PER GLI STANDARD OSPEDALIERI IN REGIONE LAZIO

Immagine2

Sanità Lazio. Fials, la manifestazione del 4 luglio per rammentare a Zingaretti gli impegni sugli standard assistenziali. Nel rispetto di cittadini e operatori.

“La manifestazione organizzata per mercoledì 4 luglio, a partire dalle ore 9, vuole rammentare al presidente Zingaretti quali sono gli impegni da conseguire affinché gli standard dell’assistenza siano considerati tali per quanto riguarda il rispetto dei cittadini utenti e per gli operatori del Servizio sanitario regionale. A oggi purtroppo continuiamo a rilevare evidenti carenze gestionali, palese inappropriatezza finanziaria e piani di investimento inconcludenti”.

E’ quanto riporta la nota della Segreteria provinciale Fials di Roma nel promuovere l’iniziativa.

continua
Sindacati

FIALS: SULL’AREA DELLE PROFESSIONI SOCIOSANITARIE NECESSITANO CONSEGUENTI ATTI NORMATIVI

Immagine2

La piena attivazione dell’area delle professioni e del personale sociosanitario in sanità, necessita di conseguenti atti normativi per dar corso all’innovazione prevista nell’art. 5 della legge 3/18, con adempimenti che iniziano il suo iter proprio dal Ministero della Salute.

Così il Segretario Generale della FIALS, Giuseppe Carbone, in una lettera al Ministro della Salute, On. Giulia Grillo e al Coordinatore degli Assessori Regionali alla Sanità, Dr. Antonio Saitta, con la quale richiede un confronto sulla materia.

continua
Sindacati

FILM HORROR IN SALA OPERATORIA AL SAN CARLO DI POTENZA: DOMESTICO ALBERGHIERO AGLI INFERMIERI

Immagine2

Comunicato Stampa

 Fials, San Carlo di Potenza, denuncia la disposizione della Posizione Organizzativa  “per sopperire all’assenza di Oss”

La Fials, nella persona del Segretario Provinciale Giuseppe Costanzo, interviene a tutela e a difesa degli Infermieri afferenti le Sale Operatorie di Ostetricia e Ginecologia, dopo che è venuta a conoscenza della nota avente ad oggetto: “Attività OO.SS.SS. Dipartimento Materno Infantile”, attraverso la quale la Posizione Organizzativa  del Dipartimento sostanzialmente invita il personale infermieristico – stante l’assenza di OSS – allo svolgimento di routinarie attività domestico alberghiere non di loro competenza (rifacimento letti, lavaggio barelle, lavaggio ferri chirurgici, etc).

Costanzo dichiara che, a tutt’oggi, nonostante la richiesta a rivedere tale disposizione, ai limiti del demansionamento, nessun riscontro è pervenuto né dalla Direzione Generale né dalla Posizione Organizzativa, già invitati ad affrontare la delicata problematica.

Nella nota, ribadisce Costanzo, sono state riferite Sentenze che i Tribunali del lavoro hanno emesso in casi analoghi, condannando le aziende sanitarie per demansionamento degli Infermieri dequalificati e offesi poiché costretti a mansioni inferiori. 

Il provvedimento in oggetto non ha rispettato le norme vigenti riguardo la necessaria presenza del personale di supporto affinché l’infermiere, “responsabile dell’assistenza generale infermieristica”, pianifichi e controlli gli interventi assistenziali anche igienico-domestico-alberghieri; finanche durante il lavoro notturno il datore di lavoro deve assicurare un livello di servizi equivalente a quello previsto per il turno diurno” e il D.Lgs 8 aprile 2003, n. 66, all’art. 14, co. 2.

La Fials -conclude Costanzo- auspica l’immediata revoca del provvedimento perchè offensivo della professionalità e dignità di tutti gli infermieri delle Unità Operative del Dipartimento che, quotidianamente con senso di abnegazione, spendono la propria vita per la sicurezza e la salute dei pazienti.

La Fials rende noto di mettere a disposizione il proprio ufficio legale per attivare tutte le procedure nelle sedi proposte per gli infermieri che si sentissero lesi dal citato provvedimento e che volessero chiedere  la declaratoria di illegittimità e i dovuti risarcimenti per demansionamento in re ipsa 

 

 

continua
Sindacati

FSI USAE SU MASTER AND BACK E DINTORNI IN REGIONE SARDEGNA

Immagine2

COMUNICATO STAMPA

FSI-USAE contro Regione Sardegna: il far west delle assunzioni di coloro che arrivano dal programma di tirocinio Master & Back. “Regione Autonoma o terra di nessuno dove si fa ciò che si vuole fregandosene delle normative? Questo scandalo deve finire: abbiamo interessato il Ministro della Pubblica Amministrazione”.

“In Arpas si assume personale che non ha partecipato a nessun concorso lasciando a casa gli idonei delle graduatorie concorsuali, in barba all’art. 97 della Costituzione per il quale agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni si accede mediante concorso” dichiara Mariangela Campus, la componente della Segreteria Nazionale USAE con una nota inviata al nuovo ministro della Pubblica Amministrazione, Giulia Bongiorno, all’Ispettorato alla Funzione Pubblica ed ai vertici della Regione.

continua
Sindacati

SMANTELLAMENTO E PRIVATIZZAZIONE ARES 118 LAZIO?

Immagine1

Comunicato stampa Roma 11 giugno 2018

Sanità Lazio. Fials, la Regione chiarisca se l’appalto per l’emergenza cela lo smantellamento e la privatizzazione dell’Ares 118

“Mai quanto in questo caso specifico c’è un impellente bisogno di chiarezza da parte della Regione Lazio dinanzi alla cittadinanza e agli operatori sanitari. Il bando che l’ente territoriale ha pubblicato per affidare all’esterno, attraverso una gara centralizzata, il servizio sanitario in emergenza in area extra-ospedaliera (ivi compresi i trasporti secondari legati al primo intervento, mediante l’impiego di mezzi di soccorso da espletarsi sul territorio della Regione Lazio sotto il coordinamento e la gestione dell’Azienda Regionale per l’Emergenza Sanitaria Ares 118 – così è scritto sul disciplinare) potrebbe essere interpretato come il primo passo verso l’intera privatizzazione dell’emergenza e lo smantellamento di tale servizio pubblico”.

continua
Sindacati

ROMA CITTA’ APERTA? UMBERTO I ESTERNALIZZATO

Immagine4

Fials, la Regione dica basta alle esternalizzazione del Policlinico

“Ci viene un forte dubbio sulla coerenza delle azioni della giunta Zingaretti. Da un lato campeggia il manifesto solidale al precariato che si fregia di voler sanare con tanto di concorsi pubblici organizzati ad hoc ben 5.000 posizione di precari come è giusto che sia e perseguire la strada delle stabilizzazioni dall’altro, invece, favorisce la più bieca intermediazione di manodopera”.

E’ quanto riporta la nota della Segreteria provinciale Fials di Roma in merito al bando pubblicato dall’Azienda Policlinico Umberto I per ricercare cooperative che possano fornire personale infermieristico invece di attingere il personale dalle graduatorie preesistenti contando che queste sono le direttive della Legge Madia in vigore.

continua
Sindacati

FIALS: LISTA DELLA SPESA AL NEO MINISTRO DELLA SALUTE

Immagine2

CARBONE (FIALS) AL MINISTRO DELLA SALUTE GIULIA GRILLO: “ECCO LE NOSTRE RICHIESTE”

A nome mio personale e di tutti gli iscritti alla FIALS, Le porgo i più vivi auguri per l’importante e prestigioso incarico, un importante evento, un’occasione straordinaria, una sfida innovativa per Lei, convinto che saprà dare un segno tangibile di proposizione, di innovazione e di progettualità per dare risposte certe di “salute e benessere” ai cittadini e riconoscere, nella concertazione con le Parti Sindacali, la professionalità a tutto il personale che svolge la propria attività nel Servizio Sanitario Nazionale in un momento fortemente critico anche per la forte carenza di risorse umane.

Così la FIALS si rivolge al Ministro della Salute Giulia Grillo con una lettera a firma del proprio segretario generale Giuseppe Carbone.

Abbiamo letto con attenzione le sue dichiarazioni politiche sulla questione sanità e come potenziare e qualificare l’intervento del SSN ad iniziare dalla principale risorsa costituita dai professionisti ed operatori “produttori di salute” nonché sulla parte riguardante questo tema nel contratto di Governo su cui si fonda l’attuale Esecutivo Conte che proprio ieri ha ottenuto l’ampia fiducia del Parlamento.

continua
Sindacati

FIALS ROMA: I CODICI NUMERICI NON ABBATTONO L’AFFOLLAMENTO NEI PRONTO SOCCORSO

Immagine2

Fials “Codici numerici al Ps non abbattono le file per le visite”

“Ricomincia la propaganda della Regione Lazio. La sperimentazione del nuovo sistema di triage ospedaliero, che peraltro partirà solo a gennaio 2019, purtroppo non avrà alcun impatto sull’abbattimento delle file per le visite nei Pronto soccorso. Eppure il sito web dell’ente territoriale la pubblicizza come se fosse la panacea ai Ps che scoppiano e alle giornate in barella per essere curati, se non addirittura ai pazienti sistemati per terra in buon ordine, in assenza di adeguati posti letto”.

E’ quanto riporta la nota della Segreteria provinciale di Fials di Roma che avverte:

“Secondo la Regione Lazio il passaggio dai codici-colore ai codici numerici 1-2-3-4-5 (1 sta per emergenza e 5 per bassa urgenza) sarebbe di ausilio a fornire cure maggiormente appropriate e a migliorare il servizio sanitario. Se fosse davvero così perché aspettare, ci chiediamo. Sarebbe il caso di partire subito”.

continua
Sindacati

SCIOPERO E MANIFESTAZIONE PER I PRECARI EX LSU

Immagine2

Stabilizzazione dei precari ex Lsu della sanità. E la giornata di prevenzione prevista  a Santa Flavia per domani viene annullata e rinviata al 19 giugno.

La Fials- Confsal fa sapere che l’astensione dal lavoro è prevista per giovedì 31 maggio a partire dalle 8.30 “con concentramento di tutto il personale presso Piazza Verdi, davanti il teatro Massimo”. Il corteo si snoderà da Piazza Verdi verso la Presidenza della Regione  “per rimanere in SIT-IN presso Piazza Indipendenza in attesa di essere convocati per avere assicurazioni sulla stabilizzazione dei 651 contrattisti dell’ASP Palermo”.

continua
Sindacati

FIALS AGRIGENTO ALL’ASSESSORE REGIONALE ALLA SANITA’: “LE SUE? ENUNCIAZIONI, NULL’ALTRO”

Immagine17

Agrigento 18.05.2018                                                   

Lettera Aperta All’Assessore Regionale alla Salute

Oggetto: Legalità e trasparenza in sanità : i proclami dell’Assessore regionale alla Salute.

       Gentile Assessore, ho letto l’intervista da Lei rilasciata e pubblicata dal giornale La Sicilia in data 14.05.2018. Intervista nella quale Lei ha annunciato un piano sulla trasparenza in sanita : appalti e nomine sul modello ANAC, turn over dei direttori dei dipartimenti, dei direttori dei Distretti Sanitari, dei Funzionari dei Servizi di Provveditorato ecc. Il tutto al fine di prevenire il determinarsi di possibili fattori di condizionamento e/o corruttivi nelle aree più sensibili delle ASP.  Bellissime enunciazioni di principio, le Sue, Assessore, e null’altro!! Chi scrive, in quasi 40 anni di attività sindacale, di dette enunciazioni di principio ne ha viste sbandierare in grande quantità ma mai nulla è cambiato!

continua