chiudi

Sindacati

Sindacati

MEDICI FISCALI PRESI IN STRADA?

Immagine6

Inps: Fp Medici e Sinmevico, sconcertanti parole Tridico su medici fiscali

Roma, 21 maggio – “Da Tridico parole sconcertanti nei confronti dei medici fiscali, serve un incontro urgente”. Ad affermarlo sono la Fp Cgil Medici Fiscali e Sinmevico, in merito a recenti dichiarazioni del presidente dell’Inps che, in occasione di un incontro presso la commissione Lavoro della Camera, ha affermato che, riportano i sindacati, ‘Oggi Inps fa anche le visite fiscali, non era così fino a qualche anno fa, e lo facciamo con medici che prendiamo per strada, a contratti che rinnoviamo di anno in anno’.

I sindacati esprimono “il loro completo disappunto per la grave disinformazione in tema di visite fiscali, manifestata proprio da chi Inps dovrebbe dirigerla”. Per Fp Cgil Medici Fiscali e Sinmevico, “difronte a tale confusione che annulla 30 anni di attività di professionisti Medici che con sacrifico e dedizione garantiscono un servizio fondamentale come quello deputato della vigilanza sanitaria dei lavoratori pubblici e privati, siamo costretti a fare chiarezza per tutelare i 1.000 Medici fiscali in una fase delicata in cui è in corso una travagliata trattativa per la stesura di una nuova convezione di lavoro”.

continua
Sindacati

SALUTE MENTALE IN ASP POTENZA: SITUAZIONE PRECARIA?

Immagine16

In una nota della Segreteria regionale Fials di Potenza si rilancia l’allarme sulla situazione precaria in cui versa il Dipartimento di Salute Mentale dell’ASP.

“Assistiamo da anni con forte preoccupazione – scrive Luciana Bellitti – a un sistematico depotenziamento delle strutture adibite alla gestione dell’urgenza psichiatrica, con notevole sofferenza per il personale che vi opera. La riconversione del Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura (SPDC) dell’Ospedale di Melfi in Day Hospital, un errore di programmazione delle precedenti Direzioni Generali  ridimensionando la struttura originaria e la riduzione dei posti letto presso lo SPDC di Villa d’Agri, hanno aggravato drammatico sovraffollamento del servizio ubicato presso l’Ospedale San Carlo di Potenza”.

continua
Sindacati

QUALI SERVIZI IN ASUR AV5 DURANTE LE FERIE ESTIVE?

Immagine15

QUALE STRATEGIA ADOTTERA’ ASUR/AV5 PER GARANTIRE I SERVIZI APERTI E CONTEMPORANEAMENTE LE FERIE DEL PERSONALE?

L’U.S.B P.I denuncia la mancata pianificazione della programmazione per garantire servizi e posti letto aperti in concomitanza con le ferie estive da garantire al personale.

La R.S.U (Rappresentanza Sindacale Unitaria), con il nostro contributo, con lettera datata 8 maggio c.a ha sollecitato l’incontro, senza successo, con la parte pubblica per trattare vari argomenti che da più di sei mesi non trovano soluzione.

continua
Sindacati

HORAS CONTATE IN ASL NAPOLI 3 SUD SORRENTO

Immagine3

”La dove il mare luccica e tira forte il vento…”

SIG. DIRETTORE SANITARIO P.O. SORRENTO-VICO EQUENSE
PC SIG. DIRETTORE GENERALE ASL NA 3 SUD.-
SIG. DIRETTORE SANITARIO ASL NA 3 SUD
SIG. SINDACI COMUNI PENISOLA SORRENTINA
SIGG. COMPONENTI V COMMISSIONE SANITA’-REG.CAMPANIA
SIG, COMMISSARIO SANITA’ REGIONE CAMPANIA ON.LE V. DE LUCA
SIG. MINISTRO DELLA SANITA’ ONLE G.GRILLO
SIG. DIFENSORE CIVICO REG. CAMPANIA DR. FORTUNATO

OGGETTO : Richiesta incontro ad horas

continua
Sindacati

SICUREZZA AL 118 IN ASP POTENZA

Immagine2

ASP di Potenza: finalmente si intravede un concreto investimento per la sicurezza degli operatori del 118

La FIALS saluta con soddisfazione la svolta impressa dal nuovo direttore generale dell’Asp di Potenza sull’annosa questione della sicurezza per gli operatori del 118. Il segretario provinciale Giuseppe Costanzo e la Segretaria Regionale Luciana Bellitti ricordano che “sin dal 2016 la Fials ha ripetutamente sollecitato la Direzione Generale che, in quel periodo, era assente e insensibile al tema. Abbiamo allora posto con forza la questione e contestato la mancata programmazione di un adeguato piano di formazione inerente ai rischi insiti nelle attività svolte dai dipendenti ex ASP.

continua
Sindacati

REPORT FP CGIL SU LISTE D’ATTESA

Immagine11

Sanità: Report Fp Cgil, nel pubblico liste d’attesa di 60 giorni medi

Nelle Marche in media 110 giorni di attesa, aumenta la spesa verso le visite private

Roma. lunga due mesi per effettuare una visita medica nella sanità pubblica, a fronte di una sola settimana nel privato, “effetto di un progressivo definanziamento del Servizio Sanitario Nazionale”.

continua
Sindacati

RINNOVO CONTRATTUALE: + RISORSE + VALORIZZAZIONE – GAP

Immagine1

FIALS, PIU’ RISORSE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE COMPARTO SANITA’ E STIPENDI PARI ALLA MEDIA DI QUELLI EUROPEI

Il 24 aprile è stato firmato l’accordo tra Governo e sindacati di categoria della scuola, garantendo al sistema scuola una svolta qualitativa.

Una nuova stagione concorsuale, una corsia preferenziale per la stabilizzazione dei precari e l’impegno a reperire maggiori risorse per il rinnovo contrattuale per il triennio 2019 – 2021, rispetto all’1,95% previsto dalla legge di bilancio 2019.

Finalmente si torna ad investire sull’istruzione e a dare ad essa la giusta priorità per sviluppare capacità e talenti nel nostro Paese. Un passo assolutamente positivo che fa pensare ad una volontà politica, vera, di investire sul sistema scolastico italiano.

continua
R.S.U.

RSU ASP TRAPANI: TUTTO REGOLARE, ADELANTE

Screenshot_20190509-090411_1

GIORNALE DI SICILIA

TRAPANI Dir. Resp.:Antonio Ardizzone Tiratura: 22.070 Diffusione: 15.180 Lettori: 301.000

Rassegna del: 08/05/19 Edizione de1:08/05/19 Estratto da pag.:15 Foglio:1/1

Rigettato il ricorso del Nursind

Elezioni Rsu all’Asp: «Svolte correttamente»

Il verdetto ribadito ora dal Tribunale civile collegiale di Trapani «La Commissione elettorale della R.S.U. (Rappresentanza sindacale unitaria) nelle elezioni per il triennio 2018-2021 del comparto sanità dell’Azienda sanitaria provinciale Trapani ha operato correttamente». Respinto, per la terza volta, un ricorso che era stato presentato dall’Organizzazione sindacale infermieristica Nursind.

continua
Sindacati

INTRAMOENIA INFERMIERISTICA

Immagine4

La questione dell’intramoenia Infermieristica non è nuova. Certamente meglio canalizzata, ma non una novità assoluta. Nel 2019 Federazione Collegi IPASVI, poi, non si può leggere. (Ndr).

FIALS, FINALMENTE LA POLITICA APRE ALL’INTRAMOENIA
PER LE PROFESSIONI SANITARIE

Finalmente la politica apre alla valorizzazione della figura dell’infermiere per l’attività libero professionale intramoenia, alla pari del personale medico, oltre a percorsi di specializzazione.

Così Giuseppe Carbone, Segretario Generale FIALS, commenta positivamente la proposta di un disegno di legge per cambiare l’intramoenia per i medici in cui inserire anche gli infermieri, espressa dal Presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato, Sen. Pierpaolo Sileri, al convegno “nursing now ” tenutosi a Roma lo scorso 3 maggio.

continua
Sindacati

“REGIONE VENETO DENIGRA, FP CGIL REAGISCE”

Immagine1

RICORSO CONTRO I CONTRATTI NAZIONALI – LE RISPOSTE DELLA REGIONE CONFERMANO LA VOLONTÀ DI COLPIRE IL PERSONALE
DOMANI ASSEMBLEE UNITARIE IN TUTTE LE ULSS

“Ancora una volta assistiamo a dichiarazioni denigratorie  nei confronti del Sindacato da parte della Regione per coprire le proprie mancanze e le responsabilità delle gravi difficoltà della sanità veneta” – dichiara Daniele Giordano, Segretario Generale Fp Cgil Veneto, che sottolinea come – “Gli aumenti contrattuali sono stati sempre disposti come avvenuto nell’ultima tornata a partire dagli anni 90 e non ci pare che questa maggioranza politica abbia fatto ricorso in altri anni contro il rinnovo dei contratto.

Impugnare i rinnovi contrattuali e vendere ai lavoratori che è per il loro bene è la più grande bugia che si possa raccontare. Dopo 10 anni di blocco la Regione Veneto ha partecipato alle trattative di quel rinnovo tramite i propri rappresentanti delle Regioni e quindi ha scelto di provare a mettere in discussione quella scelta presentando ricorso il cui esito sarebbe pesato sulle tasche dei professionisti della sanità veneta”.
Da nessuna parte – prosegue- la Regione Veneto assume impegni per chiudere il rinnovo del contratto della dirigenza medica, fermo da 10 anni, e riaprire le trattative per il contratto scaduto da 6 mesi di tutti i lavoratori pubblici.
Si comprendono anche poco i continui richiami “all’autonomia”, quando la Regione ha già ampi spazi di autonomia di programmazione e gestione in ambito socio sanitario e i risultati gravi sono sotto gli occhi di tutti.

Per queste ragioni – conclude Giordano – e per chiedere rispetto per i lavoratori della sanità da parte di questa regione domani in tutte le Ulss del Veneto si terranno assemblee indette dal tavolo intersindacale della dirigenza medica e del comparto dove decideremo quali azioni mettere in campo contro una Regione che non valorizza i propri lavoratori e non sta operando scelte chiare per il rilancio e la salvaguardia del nostro sistema socio sanitario.

continua