chiudi

Senza categoria

Sindacati

NURSING UP + ALTRI ALL’ARAN: ALLE VS OTTUSITA’ SI RISPONDE FINO ALLO SCIOPERO

old-photo-nurses

Comunicato Nursing Up ed altri

Roma 16/01/2018

Alla Cortese attenzione del

Presidente Conferenza Stato Regioni

Comitato di Settore Regioni-Sanità

statoregioni@mailbox.governo.it

Ministro della Funzione Pubblica

protocollo_dfp@mailbox.governo.it

Presidente Aran

E pc. Collegi IPASVI

Associazioni infermieristiche

Oggetto: mobilitazione della categoria infermieristica sul rinnovo del CCNL 2016-2018.

Gentile Presidente, Onorevole Ministro,

le scriventi OO.SS. di categoria entrambe rappresentative e presenti al tavolo di contrattazione nazionale, si trovano costrette a preannunciare lo stato di mobilitazione del personale infermieristico a livello nazionale stante le attuali prospettive d’esito del tavolo negoziale sul comparto sanità.

Il 2017 è stato l’anno che ha visto l’emanazione di due provvedimenti importanti per l’ambito sanitario: la legge n. 24 dell’8 marzo 2017 sulla responsabilità professionale (e relativo obbligo a proprie spese di copertura assicurativa per gli esercenti le professioni sanitarie) e la legge di riordino delle professioni sanitarie cd. DDL Lorenzin (trasformazione dei collegi in ordine degli infermieri). Per contro la legge di bilancio 2018 non ha provveduto a finanziare la RIA (retribuzione individuale di anzianità) come invece avvenuto per la dirigenza medica. Eppure si trattava veramente di pochi euro. Accanto a ciò rimane irrisolta anche per questa tornata contrattuale la destinazione, con conseguente de-finanziamento del fondo delle fasce, dell’ex indennità infermieristica.

continua
Sindacati

FIALS E.R./BONACCINI: CONDOTTA ANTISINDACALE

download (35)

FIALS trascina in tribunale BONACCINI“: condotta antisindacale messa in atto dal nostro Assessorato Regionale alla Sanità volto a non far emergere le tante criticità che sono presenti nelle Aziende Sanitarie, a partire dalla gestione dei Pronti Soccorso, dal fenomeno del precariato solo parzialmente affrontato dal recente protocollo regionale sottoscritto dalle Regione con CGIL CISL UIL, dalla strutturale carenza di dotazioni organiche sia nel comparto che nella dirigenza celando tutta una serie di dati e situazione di grande sofferenza delle aziende sanitarie regionali che, come dimostreremo, sono utilizzate solo per esigenze meramente elettorali non andando a risolvere i nodi cruciali accumulatesi negli anni che stanno creando sempre più le condizioni di una crescente privatizzazione della sanità, da una parte, ed una situazione in cui sempre più cittadini non riescono ad accedere ai servizi sanitarie, anche della nostra regione.

continua
Senza categoria

FNC IPASVI TRA RINNOVO CONTRATTUALE E COMPARTO AUTONOMO PER LA PROFESSIONI INFERMIERISTICA

download (35)

Sul sito  www.ipasvi.it  la presidente della Federazione nazionale Ipasvi Barbara Mangiacavalli, pubblica un suo intervento, rivolto soprattutto agli infermieri, in cui analizza la situazione attuale del nuovo contratto e propone alcuni punti e modifiche a costo zero che tuttavia sarebbero necessarie a ridare dignità alla professione dopo dieci anni di assenza di adeguamenti sia economici che normativi.

Tra i punti analizzati e proposti da Mangiacavalli – di cui si allega il testo integrale dell’intervento sia in formato Word che Pdf comprese le tabelle di riferimento –  le risorse economiche che per gli infermieri sono scese dal 2011 (anno di entrata a regime dell’ultimo contratto 2009) a oggi di 114 euro l’anno e che gli aumenti previsti e promessi di 85 euro mensili non riusciranno a riequilibrare.

continua
Sindacati

PROTOCOLLO D’INTESA PER IL SUPERAMENTO DELLA QUESTIONE PRECARI NELLA SANITA’ CALABRESE

marca-da-bollo-imposta-16-euro-contrassegno-telematico

Dopo una lunga ed articolata trattativa fra le Organizzazioni Sindacali Confederali FP CGIL, CISL FP e UIL FPL ed il Commissario per il Piano di rientro della Sanità calabrese, Massimo Scura, si firma il Protocollo d’intesa che chiude definitivamente l’annosa vicenda dei precari della Sanità Calabrese. Un Protocollo fortemente voluto dai Segretari Generali regionali della FP CGIL , CISL FP e UIL FPL, Alessandra Baldari, Luciana Giordano ed Elio Bartoletti, che hanno proposto ed elaborato assieme alla Struttura Commissariale ed al Dipartimento Salute della Regione Calabria, in un serrato confronto, l’articolato normativo che detta regole uniformi in tutta la Calabria in materia di assunzioni, stabilizzazione dei precari, mobilità, riqualificazione professionale e quant’altro.

continua
Sindacati

CISL FP UMBRIA: STABILIZZARE LO STABILIZZABILE

photo7

Una stabilizzazione urgente del precariato (Dirigenza Medica, Sanitaria e Comparto), quale elemento fondamentale per garantire professionalità e continuità nei servizi sanitari della Regione. A richiederlo alle Aziende sanitarie e alla Regione Umbria è il Coordinamento per le politiche socio-sanitarie della Cisl dell’Umbria d’intesa con la Cisl Medici e la FP Cisl. Il D. Lgs. 75/2017 e relativa Circolare Ministeriale, sottolinea la Cisl, infatti fanno sì che ci siano tutte le condizioni giuridiche ed amministrative per sanare tutte le posizioni di precariato esistenti.

continua
Senza categoria

UIL FPL SU ELIAMBULANZA DAMECUTA PO CAPILUPI ASL NA 1 CENTRO

images (25)

SEGRETERIA REGIONALE UIL – COORDINAMENTO AZIENDALE A.S.L. Na 1 Centro – SEGRETERIA AZIENDALE P.O.CAPILUPI -CAPRI

Al Sindaco di Capri – Al Sindaco di Anacapri – Al Direttore Generale Asl Na 1 – Al Direttore Amministrativo Asl  Na 1 Dott. S. Guetta

La scrivente Organizzazione Sindacale visto l’evento accaduto ultimamente , considerato che la disposizione dell’ENAC vieta la pista di atterraggio dell’area di Damecuta ai voli civili ,considerato , che per le località isolate si intendono quelle località dove per popolazione residente e per i turisti , l’elicottero rappresenta il mezzo principale per raggiungere presidi Ospedalieri dotati di attrezzature e personale medico adeguati a risolvere l’emergenza sanitaria .

E il caso delle isole minori non compatibili con lo stato di salute del paziente/i . Peraltro la prevedibilità degli interventi , la circostanza che l’elicottero rappresenti una scelta obbligata sia di giorno che di notte , inducono a richiedere un più alto livello di sicurezza rispetto alle norme HEMS , limitando il sistematico ricorso alle procedure di emergenza , in particolare nelle stagioni turistiche quando a causa dell’aumento della popolazione le missioni possono assumere punte di alta frequenza .

continua
Collegi IPASVI Provinciali

TITOLO E INCARICO FARLOCCO IN REGIONE MARCHE? COLLEGIO IPASVI E PRESIDENTE COERENTI AD ANCONA!

coerenza

La fantasia a volte supera la realtà già caricaturale della gestione della sanità pubblica e privata. Succede che in regione Marche si inventano un corso che darebbe titolarità agli OSS di attività di coordinamento:

“”La finalità del corso è formare gli allievi sulle competenze professionali del Responsabile delle Attività Assistenziali e di Coordinamento di nuclei e strutture assistenziali. Il RAA coordina dal punto di vista organizzativo OSS, OSA e ADB che operano all’interno di nuclei e servizi assistenziali, centri diurni, case di riposo e residenze per anziani. Il RAA opera per Gestire efficacemente e correttamente l’equipe della struttura, Supervisionare le attività svolte dai nuclei assistenziali, Garantire la qualità dei servizi e la loro rispondenza ai bisogni di salute e assistenza del paziente e dei familiari, Favorire rapporti di collaborazione e intervento interprofessionali fra i differenti operatori del sistema di cura.””

continua
Senza categoria

CISL FPS, OSPEDALI ASP REGGIO CALABRIA IN AFFANNO?

respiro-senza-affanno-233bbb49-09ef-40eb-8849-db95d838f1b4

La CISL FP è seriamente preoccupata per la continua emergenza che sta mettendo in crisi il mantenimento in vita degli Ospedali dell’ASP di Reggio Calabria, prima dell’estate e per più volte, questa Organizzazione Sindacale ha preannunciato che senza iniziative mirate alla riorganizzazione e all’integrazione del Personale si sarebbe rischiato il punto di non ritorno, aggiungendo che l’emergenza non era da considerarsi tipica del periodo estivo, ma destinata a prolungarsi ad oltranza anche per i numerosi pensionamenti di Infermieri e Medici.

Nessuna risposta è giunta in soccorso al sempre più esiguo e malconcio Personale che cercava in tutti i modi di sopperire all’inefficienza organizzativa dell’Azienda che per tutta risposta spogliava gli ospedali più deboli per tentare di vestire quelli apparentemente recuperabili.

continua
Sindacati

CIMO E ANAAO-ASSOMED A PROPOSITO DEL RINNOVO CONTRATTUALE DIRIGENZA E COMPARTO

vergogna_a

A proposito del rinnovo del Ccnl di dirigenza (e comparto)

… ma è pur vero che i risparmi regionali, derivanti dall’esodo dei sanitari e dei medici della dipendenza e della convenzionata, sono rimasti nei “forzieri” delle regioni.  E questi soldi si sarebbero dovuti trasformare in risparmi strutturali, ma concedeteci il ragionevole dubbio che non ci siano  stati sufficienti accantonamenti per i rinnovi contrattuali o per le assunzioni di personale sanitario … le regioni intendono forse continuare a fare cassa sui cittadini e sugli operatori sanitari per ripianare i propri bilanci divenuti, oramai, un pozzo senza fine?  Non riusciamo a credere che vorranno continuare a sopravvivere esclusivamente grazie al finanziamento del servizio sanitario nazionale. Guido Quinci pres naz Cimo

Il gioco del cerino tra istituzioni va avanti …. e il menefreghismo del Governo e dei partiti  della sua maggioranza, troppo impegnati ad autolodarsi per il milione di operatori sanitari inquadrati in “ordini” per accorgersi del disagio ….. La verità è che le politiche della salute non sono presidiate da interessi collettivi, quanto da familismi, lobbies e interessi elettorali, come dimostra il recente proliferare di professioni sanitarie con i relativi ordini. Anaao Assomed

continua