chiudi

Sicilia

Regioni

REGIONE SICILIA: ORO, INCENTIVI E MIRRA

photo-1580341249054-7d2fa59bcb83
Ieri incontro sindacale con l’Assessorato regionale della salute sull’incentivo per gli operatori sanitari impegnati nella lotta al Covid-19. Ugl sanità e medici Sicilia: “Pronti a valutare la bozza di accordo che comprenda tutti i lavoratori del sistema sanitario regionale”
Si è svolto ieri in videoconferenza un incontro sindacale con l’Assessorato regionale della salute sull’incentivo per gli operatori sanitari impegnati nella lotta al Covid-19. Presente in remoto per la Ugl il segretario regionale della sigla medici Raffaele Lanteri, anche a nome della sigla sanità guidata da Carmelo Urzì, che ha ricordato come proprio la Ugl sia stata una delle prime organizzazioni a chiedere un premio per tutti coloro che, in questi mesi, hanno duramente lavorato all’interno delle strutture ospedaliere e nell’ambito dei servizi di emergenza e urgenza.
continua
Regioni

SPOIL SYSTEM IN SICILIA ALLA GUIIDA DELLE ASL E DELLE AO?

the-spoils-system

PALERMO – La norma è allo stesso chiara e “flessibile”. Perché quelle nomine sono diverse, hanno una origine propria e un proprio “riconoscimento”. Sono quelle che potrebbero essere soggette al cosiddetto “spoil system” del nuovo governo. Insomma, sarà possibile, per il governo Musumeci sostituire i commissari di Crocetta? E gli amministratori della società regionali? E le guide delle aziende sanitarie e ospedaliere?

L’ultima legge “blocca-nomine”

Già, perché la norma è chiara, ma non è chiarissimo come applicarla. La legge ha di fatto ha esteso gli effetti della legge cosiddetta “blocca-nomine” approvata durante il governo Lombardo. “Le designazioni, nomine o incarichi di natura fiduciaria, per i quali non è richiesta una selezione sulla base di specifiche competenze tecniche” si legge nella norma che riguarda appunto le nomine relative “ad organi di vertice e a componenti dei consigli di amministrazione o degli organi equiparati di enti, aziende, consorzi, agenzie, soggetti, comunque denominati, di diritto pubblico o privato sottoposti a tutela, controllo o vigilanza da parte della Regione, in società controllate o partecipate dalla Regione” ad esclusione delle aziende sanitarie siciliane, “conferiti dal Presidente della Regione, dalla Giunta regionale o dagli Assessori regionali, durante il loro mandato, possono essere confermati, revocati, modificati o rinnovati entro novanta giorni dalla data di proclamazione del Presidente della Regione neoeletto. Decorso tale termine le designazioni, nomine ed incarichi per i quali non si sia provveduto si intendono confermati fino alla loro naturale scadenza”.

continua
Regioni

CONTR’ORDINE COMPAGNI: VULLO RESTA AL PROPRIO POSTO. FORSE.

Vullo-Michele-800×445

La mancata conferma al “Papardo” di Messina del direttore generale Michele Vullo è un “caso” in parte rientrato con l’indicazione, giunta dopo minuti di alta tensione, dello stesso Vullo come commissario del Policlinico di Messina. Una nomina che diventerà effettiva, però, solo dopo un processo di verifica dei titoli dello steso manager. Nel frattempo Michele Vullo resta al suo posto dopo essere saltato per la gioia della UIL FPL

continua
Sicilia

DEFINIRE L’INDEFINITO DELLA RETE OSPEDALIERA SICULA ENTRO LA DEAD LINE DEL 26 GIUGNO

ANONIMO

Il 26 giugno sarà pubblicata la nuova rete ospedaliera definitiva. Tranquilli non è un dejavu. La rete ospedaliera siciliana è un topos. Modificata, integrata, rettificata e soprattutto “abbirsata” all’uopo per “sfriculiamenti” e abbindolamenti vari. La Sanità siciliana è un luogo dell’immaginazione più che un dato catastalmente verificabile. A fine Marzo si era data la versione definitiva che poi è diventata modificabile giacchè le esigenze del territorio erano state disattese. Ora entro il 31 maggio tutti i direttori generali dovranno trasmettere all’assessorato un quadro definitivo in modo che per il 26 giugno Gucciardi possa dare l’OK alle singole aziende ospedaliere.

continua
Regioni

SI MUOVONO I PRECARI: OBIETTIVO STABILIZZAZIONE

PRECARI

Il segretario del sindacato Csa, Giuseppe Badagliacca, annuncia la proclamazione dello stato d’agitazione dei lavoratori precari della Regione siciliana in servizio negli enti locali e nella sanità, decisione assunta «in seguito alle ripetute richieste senza risposta da parte della Regione e alla luce delle odierne notizie», dice il sindacalista.

continua
Regioni

NO ALLE AMBULANZE CON INFERMIERE A BORDO A VITTORIA? SCONFITTA!

CODICE ROSSO1

“Al di là delle discrasie che, giorno dopo giorno, stiamo scoprendo e che riguardano il riordino della rete ospedaliera regionale, stanno emergendo grandi problemi che interessano da vicino la rete siciliana dell’emergenza e che non possiamo sottacere anche perché si riferiscono, in prima battuta, alla nostra città”.

continua
Regioni

DALLA A DI ALCAMO ALLA V DI VITTORIA. MA PER IL SSR SICILIANO E’ UNA SCONFITTA?

scacco-al-re

PALERMO. Ci sono i nuovi reparti di Neurochirurgia all’ospedale di Trapani, di Chirurgia plastica a Caltanissetta e di Oncologia a Salemi, Castelvetrano, Marsala e Mazara. Ma ci sono anche le cancellazioni di Urologia a Sciacca e il «declassamento» di molti reparti da Uoc (Unità operative complesse) a Uos (Unità operative semplici) che perdono il primario – come la Terapia intensiva neonatale ad Agrigento – e che in molti casi vedono ridursi anche altro personale o posti letto come la Medicina generale a Ribera. Sono esempi di come la nuova rete ospedaliera dovrebbe cambiare il volto della sanità in Sicilia.

continua
Sindacati

CGIL FP SICILIA: PER LA SANITA’ PRIVATA CONVENZIONATA STESSE REGOLE PER IL PUBBLICO

livella

La Funzione pubblica Cgil siciliana chiede le stesse regole del settore pubblico per la sanità privata convenzionata, “a partire dalle assunzioni, che devono avvenire attraverso pubblico concorso”. Lo dice Clara Crocè, della segreteria Fp regionale, specificando che “in molti casi i lavoratori segnalano che il personale viene reclutato tramite il sistema delle cooperative o a partita Iva. Peraltro, un personale numericamente ridotto, a discapito dei pazienti e degli stessi lavoratori, nella totale mancanza di controlli sulle dotazioni organiche”.

continua
Sicilia

FSI USAE SU RETE OSPEDALIERA SICILIANA: ENNESIMO RINVIO E ASSISTENZA AL LIMITE DEL DIGNITOSO

tururi-trinacria-31

Sanità Sicilia, rete ospedaliera. Fsi-Usae: “Rinviata convocazione dei sindacati, basta giocare con la vita e la salute dei siciliani!” Segreteria Regionale Fsi-Usae Sicilia Federazione Sindacati Indipendenti aderente alla confederazione Unione Sindacati Autonomi Europei: “Rinviata nuovamente all’11 aprile la convocazione dei sindacati riguardante l’approvazione della rete ospedaliera. Era prevista per il 27 marzo presso l’assessorato regionale della salute in piazza Ottavio Ziino a Palermo.

continua