chiudi
Camera dei deputati

ON. MAMMI’ SU COMMISSARIAMENTO CASSA DI PREVIDENZA ENPAPI

Immagine10

Comunicato stampa COMMISSARIAMENTO ENPAPI 21.03.2019

Roma lì 21/03/2019 – “Oggi è intervenuta una grande vittoria per la categoria degli infermieri e infermieri pediatrici, che esercitano l’attività in forma libero professionale: è stato disposto il Commissariamento Straordinario dell’ENPAPI. “Lo aspettavo da giorni e, finalmente, posso affermare con orgoglio il conseguimento di un importante obiettivo”.

La deputata lombarda del M5S, Stefania Mammì, componente della Commissione Affari Sociali della Camera, commenta così la decisione del Commissariamento dell’Ente di Previdenza da parte del Consiglio dei Ministri; un provvedimento che la stessa deputata aveva caldamente auspicato e suggerito ai Ministri vigilanti.

La Deputata del M5S ha affermato di essere “fiera del risultato raggiunto” e della sensibilità dimostrata dalla competenti Istituzioni, che hanno ben compreso le ragioni della sua presa di posizione volta a “tutelare una categoria di professionisti indispensabile per la salute della Nazione.”“Con il Commissariamento straordinario riusciremo ad assicurare la trasparenza dell’ENPAPI, tema che si lega strettamente a quello della legalità. Si tratta di valori chiave, imprescindibili per contrastare le gravi piaghe causate dalla dispersione dei soldi dei cittadini, specialmente in un comparto, quale quello della riscossione dei contributi, già fortemente sotto pressione.”

“Si stava lavorando da tempo – prosegue la Deputata – in sinergia con la categoria degli Infermieri per dare una risposta concreta alle tantissime problematiche relative alla cattiva gestione dell’Ente di Previdenza. Al netto delle vicende giudiziarie, sulle quali ovviamente non ci si può ancora esprimere compiutamente, resta il fatto che, stante l’evidente opacità della gestione, tutt’altro che lineare e trasparente, gli Infermieri liberi professionisti fossero stanchi di ENPAPI: sussidi mai ottenuti, errori nei calcoli della contribuzione dovuta e, soprattutto, tanta, anzi, troppa mancanza di informazione”.

“Da Infermiera confido che questa attenzione così alta da parte del Governo possa restituire, una volta per tutte, alla categoria degli infermieri, assistenti sanitari e infermieri pediatrici, la garanzia di un futuro migliore, capace di predisporre un ambiente lavorativo e un sistema previdenziale in cui possano sentirsi tutelati e respirare, finalmente, aria di legalità”.

“Ho fiducia nel fatto che la scelta di questo strumento – il Commissariamento, ndr – porterà alla risoluzione dei gravi problemi di trasparenza, legalità e, lasciatemi dire, di onestà intellettuale dell’Ente Previdenziale”.

“L’aver contribuito a evitare – conclude la Mammì –, grazie a una forte opposizione manifestata nel confronto dialettico con le Istituzioni competenti, le elezioni anticipate del CDA dell’ENPAPI, ottenendo piuttosto il Commissariamento dell’Ente, è davvero una rivoluzione: ciò che abbiamo detto agli Infermieri Liberi Professionisti, già vessati da paghe da fame e mancati riconoscimenti
dei diritti minimi dei lavoratori, abbiamo fatto!

Ciò per cui abbiamo lottato, adesso è realtà”.

Avanti così: nessuno deve rimanere indietro”.