chiudi
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

OBBLIGO VACCINALE: IL PUNTO DI VISTA ORDINISTICO PARTE I°

photo-1500252124339-44ed473934dd

Riceviamo da Opi Treviso e pubblichiamo.

E siamo dovuti arrivare a questo….:

all’obbligo vaccinale degli operatori sanitari….

Come Presidente dell’ordine professionale infermieristico di Treviso fin dall’arrivo del vaccino ho dichiarato concetti forti, etici e deontologici, ho sopportato insulti, minacce, ma ho continuato a non arrendermi…

Con discussioni a volte anche accese sono riuscita a far comprendere ad alcuni colleghi l’importanza di una scelta etica, deontologica e responsabile. Ne ho spesa tanta di energia pur avendo tantissime persone contro e direi, poco appoggio da chi invece forse doveva esserci.

Beh, questo decreto di obbligo vaccinale penso sia una sconfitta per la professione infermieristica, abbiamo dimostrato che non siamo in grado di assumerci la responsabilità del prendersi cura delle persone, che ancora non abbiamo interiorizzato i principi etici e deontologici, ne abbiamo ancora molta di strada da fare.

E ora in barba alle tante norme sulla privacy a cui tutti si appellavano, proprio gli ordini professionali dovranno sospendere gli infermieri no vax…

Chissà che almeno questo serva a capire che l’ordine è un ente sussidiario dello stato a tutela della salute del cittadino e non solo per pagare la quota annuale di iscrizione all’albo.