chiudi
Approfondimenti

PER NON DIMENTICARE L’INFERMIERA DI CUNEO E RICORDARE IL MEDICO DI CATANIA: ENTRAMBE VITTIME. FORSE.

Immagine40
Arrestato l’assassino affetto da disordini psichici

Manuela Schellino, 27 anni, era al suo primo impiego

Cuneo, malato uccide infermiera
“E’ stato un raptus sessuale”


TORINO – Non ha mai avuto paura di aiutarlo: eppure Simone Giorgeri, 33 anni, quando ancora non era maggiorenne, aveva dato fuoco a un coetaneo mentre dormiva e, qualche anno dopo, aveva accoltellato due ragazze in un bar. Ma non lo temeva Manuela Schellino, 27 anni, infermiera diplomata al suo primo impiego, da un mese al lavoro nella comunità per malati psichici Casa Margherita, a Belvedere Langhe, nel cuneese. 

In una delle loro passeggiate nel bosco che circonda l’istituto, Giorgeri l’ha uccisa. L’ha colpita con un bastone, una pietra o il palo di ferro di un cartello stradale. L’indagine è appena iniziata ma il movente si conosce già: il rifiuto a un’avance. “Un raptus sessuale”, come ha detto il magistrato.

Il corpo dell’infermiera è stato recuperato in una vasca di cemento usata dagli agricoltori lungo una stradina di campagna non distante dalla casa Margherita. Gli esami clinici mostrano che prima di uccidere, Giorgeri ha tentato di violentare la vittima.

L’uomo ha già confessato: ieri sera ha suonato al campanello della caserma dei carabinieri di Dogliani raccontando di avere ucciso una donna mentre facevano una passeggiata non lontano dalla Comunità.


Sembra che Simone Giorgeri non avesse più dato segni di pericolosità evidente dopo l’ultimo episodio di sangue: lo confermano le testimonianze della direzione sanitaria, del sindaco e di alcuni abitanti di Belvedere che conoscevano l’ospite della casa di salute.

Domani il procuratore Riccardo Bausone interrogherà l’uomo, mentre l’autopsia sul corpo di Manuela Schellino è stata fissata per lunedì prossimo. Il magistrato cercherà indizi per confermare il movente del delitto. Scontata la perizia psichiatrica sull’imputato.

(18 maggio 2006)

http://www.repubblica.it/2006/05/sezioni/cronaca/torino-uccisa-badante/torino-uccisa-badante/torino-uccisa-badante.html