chiudi
Lombardia

LOMBARDIA: LISTE D’ATTESA INTERMINABILI? STOP ALL’INTRAMOENIA

doppio-gioco

Interventi, esami e visite: un dossier della Ats metropolitana segnala i ritardi nelle cure. Se in un ospedale i tempi di attesa dovessero allungarsi troppo, d’ora in poi saranno bloccate le prestazioni a pagamento finché la coda non verrà smaltita.

C’è l’operazione per rimuovere le tonsille, in ritardo il 41,5 per cento delle volte. Quattro volte su dieci. Gli interventi per ernia, che in tre casi su dieci vengono fatti oltre la soglia di attesa massima fissata dalla Regione Lombardia. Le operazioni per rimuovere tumori all’utero eseguite, senza far attendere oltre il consentito, solo il 44,65 per cento dei pazienti. E l’asportazione radicale della prostata, fatta nel 35,71 per cento dei casi senza far attendere troppo il paziente. Ma nel 64,29 per cento dei casi, no. Sono i dati che emergono dal “Piano per il contenimento delle attese” della Ats metropolitana.

Nel documento, corso Italia fotografa la situazione. Che, per la Ats, in generale non è negativa: se si guarda al dato totale (che comprende anche i territori dell’hinterland, di Lodi, Melegnano e Legnano), il 95 per cento delle prestazioni nel 2016 è avvenuto entro i tempi massimi fissati dal Pirellone. Eppure.

È lo stesso corso Italia ad ammettere che ci sono state “criticità per specifiche prestazioni”: ovvero, per alcuni tipi di procedure i malati hanno atteso più del dovuto. Di qui, la decisione di stilare un elenco delle prestazioni che d’ora in poi dovranno essere monitorate.

I “controllati speciali”? Le prime visite di chirurgia vascolare, gastroenterologia, neurologia, pneumologia e urologia. Le ecografie cardiache, le risonanze magnetiche, le ecografie addominali e ginecologiche, le tac dei bacini e le colonscopie. Ma non solo: l’Ats elenca anche le azioni da intraprendere quest’anno, per evitare il ripetersi dei problemi. Si va, così, dalla maggiore appropriatezza nella compilazione delle ricette (perché siano prescritti solo esami davvero necessari) all’eventuale blocco delle visite in “intramoenia”. Ovvero quelle a pagamento fatte da medici all’interno dell’ospedale stesso: se in un ospedale i tempi di attesa dovessero allungarsi troppo, d’ora in poi saranno bloccate, finché la coda non viene smaltita.

Quello delle attese troppo lunghe negli ospedali milanesi e lombardi, è un tema che da sempre affligge la Regione. Che ogni mese monitora la situazione attraverso rilevazioni fisse (dodici nel corso dell’anno). I controlli non sono a sorpresa: il calendario di tutte le verifiche che saranno fatte nel 2017 è stato comunicato alle strutture già lo scorso dicembre. Gli ospedali, quindi, già sanno che saranno mercoledì 15 febbraio, e poi l’8 marzo, il 5 aprile, il 3 maggio. E così via. “Ma si tratta – spiega Giovanni Daverio, direttore dell’assessorato al Welfare – di rilevazioni che vengono fatte soprattutto per conto del ministero, a cui vengono inviati i dati. Che vengono usati per fini statistici e per verificare il rispetto dei Lea, i livelli essenziali di assistenza. Non sono funzionali alla riduzione delle attese: su quello, stiamo studiando azioni ad hoc”.

Come la “chiamata differita”, “che oggi è in sperimentazione a Bergamo e Monza, e nei prossimi mesi sarà estesa in tutta la Lombardia”, spiega l’assessore al Welfare Giulio Gallera. Con il nuovo metodo, chiamando il call center regionale per fissare una visita o un esame il paziente potrà prenotare nell’ospedale pubblico. O chiedere di essere contattato da una struttura privata, che entro le 24 ore successive dovrà richiamarlo per fissare l’appuntamento. “In più – spiega Gallera – metteremo nelle strutture dei cartelli. E gli operatori dei Cup, entro febbraio, avranno la possibilità di dare al paziente i tempi di attesa non solo in quella struttura, ma in tutti gli ospedali che si trovano nel territorio dell’Ats, per permettere al cittadino di scegliere l’ospedale dove le code sono minori”.

http://milano.repubblica.it/cronaca/2017/02/03/news/interventi_esami_e_visite_ecco_quali_cure_sono_troppo_lente-157459408/