chiudi

Ministero del Lavoro

Ministero del Lavoro

PAUSA PRANZO LAVORATRICE MADRE: NESSUNA DECURTAZIONE

Immagine6

DOMANDA: I 30 minuti della pausa pranzo di una lavoratrice (che fruisce del riposo giornaliero per allattamento), presente nella sede di lavoro per 5 ore e 12 minuti, debbano essere decurtati come se fosse effettivamente completato l’intero orario giornaliero?

RISPOSTA: Il Ministero, con la risposta all’Interpello 16 aprile 2019, n. 2, richiama l’art. 8, D.lgs. n. 66/2003 che stabilisce il regime delle pause lavorative.

La ratio delle disposizioni sulla pausa lavorativa e sul riposo giornaliero per allattamento hanno due scopi diversi:
– l’art. 39, d.lgs. n. 151/2001, vuole favorire la conciliazione tra vita professionale e vita familiare della lavoratrice madre;
– l’art. 8, d.lgs. n. 66/2003 definisce il diritto generale ad una pausa per permettere il recupero delle energie del lavoratore.

L’analisi coordinata delle due disposizioni, considerata la specifica funzione della pausa pranzo, esclude che una presenza effettiva della lavoratrice nella sede di lavoro per 5 ore e 12 minuti dia diritto alla pausa.

Pertanto il Ministero del Lavoro sostiene che non si dovrà procedere alla decurtazione dei 30 minuti di pausa pranzo dal totale delle ore effettivamente lavorate dalla lavoratrice.

 

continua
Ministero del Lavoro

MINISTERO DEL LAVORO SU APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE: SUPERFLUO PER CHI E’ FORMATO IN BASE AL TITOLO POSSEDUTO

mi-manda-picone

Il Ministero del Lavoro ha risposto all’Interpello avanzato dal Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro sulla corretta interpretazione dell’Art. 47 comma 4 del D. Lgs 81/2015. La norma disciplina l’erogazione della formazione di base e trasversale nell’apprendistato professionalizzante over 29 o senza limiti di età.

In sintesi:

– in caso di assunzione con Apprendistato Professionalizzante di soggetti che abbiano già acquisito le nozioni necessarie, anche in base a pregresse esperienze lavorative, l’erogazione della formazione di base e trasversale risulta superflua.

continua