chiudi

ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

MORS TUA VITA MEA

Screenshot_2022-05-14-07-09-34-132_com.android.chrome~2

Dal 2016 ad oggi. Un lasso di tempo importante, che nonostante le diverse e sussistenti segnalazioni di Opi Carbonia Iglesias sul non regolamentare trasporto delle salme dal CTO di Iglesias, mai ha trovato soluzione se non proprio attenzione ed interesse. Adesso ci mette una impronta il Ministero della Salute.

Mors tua vita mea…

 

https://www.aslsulcis.it/ap/deliberazione-del-direttore-generale-n-74-del-13-05-2022/

 

 

continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

TUTELARE L’IMMAGINE E LA DIGNITÀ DELLA RAPPRESENTANZA PROFESSIONALE

photo-1594156140092-12c6e6e8695c

La misura è colma.

In tutti i possibili spazi di confronti messi nella disponibilità della comunità infermieristica da parte del massimo azionista della rappresentanza professionale, la Fnopi, per dibattere, approfondire, proporre, finanche criticare ed esprimere pareri e giudizi anche taglienti sul mondo della salute e della sanità pubblica e dei suoi attori con un particolare occhio di riguardo a ciò che succede in casa propria, la deriva comunicativa scade nel trash, nell’insulto, nella diffamazione, nella calunnia.

Gesti di autolesionismo puro che non dovrebbero essere più tollerati e permessi: ne va dell’immagine politica del nursing a 360°.

continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

NON SOLO CORSIA: 12 MAGGIO A SCUOLA

photo-1580582932707-520aed937b7b

PER IL 12 MAGGIO Opi La Spezia sará in due istituti scolastici con lo scopo di svolgere il ruolo di educatori, previsto dal nostro profilo professionale, Dm 739/90.

Grazie alla disponibilità di colleghi (con la C maiuscola) che si sono giocati un giorno di ferie, Margherita Santucci , Sonia Cerchi e Paolo Sarteschi  racconteranno come si possono riconoscere alcune situazioni patologiche, ed alcune questioni che certamente riguardano ed interessano i più giovani.

continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

OSS CON FORMAZIONE COMPLEMENTARE IN REGIONE VENETO: GIÙ LA MASCHERA

photo-1565942238081-3374f4582765

Persistono fastidiose scheggie di propaganda para bellum contro la rappresentanza professionale quale maggiore azionista dell’infermieristica nazionale, e se ne faccia una ragione un certo mondo associativo per operatori di supporto che oltre l’autoreferenzialità non riconosciuta non riesce ad andare e che non possiede nessuna esclusiva sulla categoria degli operatori di supporto stessi.

continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

IO, INFERMIERE PRIMA E PRESIDENTE POI

Screenshot_2022-05-02-19-03-02-611_com.android.chrome~2

Io sono infermiere, e continuo a riconoscere e riconoscermi nella storia, nel vissuto, nelle narrazioni e nelle suggestioni della mia comunità professionale provinciale OPI e nazionale FNOPI, perché la percepisco in perenne movimento, perché né ascolto le parole, perché né leggo gli scritti, perché ci cammino insieme in un percorso a tratti tortuoso e mai in discesa, perché il capitolo fine il nursing e la società civile e politica non possono permettersi nemmeno di ipotizzarlo.

Perché la mia comunità professionale la considero insostituibile, indispensabile, una opportunità.

continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

VENGO ANCH’IO, NO TU NOSS parte IV

photo-1603056454645-7dbd815dc4e0

Dove non arriva l’infermieristica, compensa l’arte medica.

A sostegno di un lavoro in divenire e non facile da parte di Opi del Veneto sulla famigerata formazione complementare dell’OSS, le pacche sulle spalle, un assist, un incoraggiamento, un invito a procedere, non giungono da parte della comunitá professionale ma dalla dirigenza medica.

Su Quotidiano Sanità è pubblicato un contributo che chiude definitivamente le chiacchere da cucinetta di corsia, le lamentele da bar dello sport, gli insulti da dopolavoro ferroviario.

Prestazioni di cura e assistenza sono lecitamente e da più fonti attribuite da anni a caregivers, e non si capisce il motivo per il quale non potrebbero essere supervisionate dal responsabile del processo di nursing che individua OSS per l’erogazione di quanto possibile a seconda della formazione posseduta dall’operatore di supporto e dalla capacità di assumersi responsabilità da parte dell’infermiere.

continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

VENGO ANCH’IO NO TU NOSS parte II

NO TU NOSS

Super Oss/OSS elevato enne: la Via Crucis de noiartri già caduta alla terza, alla settima, alla nona fermata è inchiodata al fossato del calvario e non al monte, non avanza, non ha prospettive, è un susseguirsi di incidenti di percorso.

 

Insistono, si dimenano, lanciano pietre nello stagno prosciugato di idee, funzioni, prerogative e diritti, scambiano il fine con lo strumento, abbaiano alla luna in un italiano sgrammaticato che nemmeno in III media ai corsi serali e di recupero.

 

Il tutto con la compiacenza di casse di risonanza che per un pugno di click tentano di avallare il concetto che il parere di una associazione autoreferenziale non riconosciuta* sia vincolante rispetto alla rappresentanza professionale infermieristica NAZIONALE, REGIONALE, PROVINCIALE, Fnopi, Fropi, Opi, istituita per legge quindi con obbligo di osservanza  da parte di chiunque, compresi i leoni da tastiera e da cucinetta di corsia.

continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

COMPLEMENTARE, WATSON…

photo-1621502822601-b84996c82b79

Si sta dipanando la matassa. Si sta delineando un indirizzo, quello tracciato dai vituperati Opi del Veneto, quelli che hanno mantenuto il cerino acceso e alto il ruolo conferito loro da leggi dello Stato.

Si stanno aggiornando percorsi formativi superati dai tempi e dai fatti . Si stanno confermando evidenze, attività e responsabilità che rispondono ai cittadini e non agli interessi di parte.

È talmente “elementare” che gli operatori socio sanitari con Formazione Complementare potranno eventualmente svolgere attività di carattere esecutivo dirette alla persona solo se attribuite e supervisionate dall’infermiere di cui al DM 739/94, che siamo di fronte ad una tempesta in un bicchiere d’acqua, ad una non notizia. Ma alla propaganda di parte avversa si deve rispondere con qualche aggiustamento.

Ecco il comunicato da Regione Veneto

Comunicato n° 923

(AVN) Venezia, 15 aprile 2022

continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

SUPER OSS: CHI DI VENETO COLPISCE, DI VENETO PERISCE

photo-1584466990376-09422a2b033a

Tutti a saltare sul carro della formazione complementare? Parrebbe. Le segreterie delle organizzazioni sindacali confederali pubblico impiego si preoccupano solo apparentemente che “diverse Regioni” (leggasi Veneto, ndr) starebbero producendo un utilizzo dell’elevato enne (super oss) “non in linea con l’attuale accordo Stato-Regioni” e con un impatto disomogeneo a livello nazionale.

Sullo sfondo si staglia nettamente la rincorsa a seguire l’iter di Zaia and Friends, perché dissimulare che “ad una nuova figura devono andare legittimamente riconosciute nuove competenze”, non può che tradursi in un riconoscimento politico e concettuale del lavoro svolto dagli Ordini Professioni Infermieristiche del Veneto e dalla Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche, che piuttosto che stare a passare il cerino acceso sino a spegnimento, tengono viva la fiamma ante litteram delle cose da fare quando.

Nel settore pubblico e privato, che l’oss e l’elevato enne siano impiegati in servizi strategici rivolti a garantire la risposta ai bisogni di salute dei cittadini, Opi Venezia, Opi Treviso, Opi Vicenza, Opi Belluno, Opi Rovigo non hanno atteso di prenderne atto il 14 Aprile 2022. E l’infermieristica, quella reale e non da tastiera, anche.

continua