chiudi

Collegi IPASVI Provinciali

Collegi IPASVI Provinciali

ORDINE PROFESSIONI INFERMIERISTICHE PESCARA SU AMBULATORI E DOTAZIONE ORGANICA

mobilità-933×445

Incremento di personale in quasi tutte le unità operative degli ospedali di Pescara, Penne e Popoli, una risposta al demansionamento della figura professionale dell’infermiere e attivazione degli ambulatori a gestione infermieristica per rispondere meglio alle esigenze dei cittadini. Sono questi gli obiettivi per il nuovo anno che sono stati fatti presenti da Irene Rosini e Alessio Sichetti, presidente e vicepresidente del collegio IPASVI di Pescara, ora Ordine delle Professioni Infermieristiche, al Direttore Generale Armando Mancini e al Direttore Sanitario della Asl Valterio Fortunato.

continua
Collegi IPASVI Provinciali

IPASVI TRENTO: NO QUORUM? NO PROCLAM!

proclam1

In autotutela, dichiarate nulle le operazioni elettorali per il rinnovo del direttivo Ipasvi Trento. Ma la stampa locale approndisce e si interroga: “”La stessa presidente Mangiacavalli infatti smentisce Luisa Zappini. Ma ora la domanda è: mente la presidente nazionale di IPASVI oppure Luisa Zappini?””

“Come Federazione stigmatizziamo i diversi episodi incresciosi accaduti durante il rinnovo di alcuni Consigli direttivi provinciali: l’immagine della professione in questo modo è lesa prima di tutto dagli infermieri che, spesso, dimenticano le regole dettate dallo stesso Codice deontologico, quando afferma che l’infermiere collabora con i colleghi e gli altri operatori di cui riconosce e valorizza lo specifico apporto all’interno dell’équipe e che l’infermiere tutela la dignità propria e dei colleghi, attraverso comportamenti ispirati al rispetto e alla solidarietà”. Queste le dichiarazioni rilasciate al quotidianosanità.it da Barbara Mangiacavalli, presidente della Federazione nazionale dei Collegi Ipasvi, dopo le polemiche roventi di cui si è occupato anche il nostro giornale, relativa alle nomine a Trento.  

continua
Collegi IPASVI Provinciali

O MIA BELA MADUNINA…

AHHHH

De Martino – Conta esserci, per Essere Sabato scorso

+++ ELEZIONI IPASVI MILANO +++Muttillo dopo 20 anni perde l'elezioni e annulla tutto per il mancato quorum. Esattamente tre anni fa era un falso problema per lo stesso Presidente: https://www.nurse24.it/infermiere/elezioni-ipasvi-milano-il-quorum-e-un-falso-problema.htmlLa lista Conta esserci, per Essere chiede alla Federazione Nazionale l'immediato commissariamento del collegio di Milano

Pubblicato da Nurse24.it su Giovedì 7 dicembre 2017

https://www.nurse24.it/infermiere/professione/a-milano-muore-la-deontologia-professionale-degli-infermieri.html

continua
Collegi IPASVI Provinciali

27 APRILE SU APPRENDISTATO NEO LAUREATI

images (18)

29 novembre 2017

Prot. nr. 1647/2017/IV.06

Alla Presidente FNC Ipasvi

Ai Componenti il Comitato centrale della FNC Ipasvi

Ai Presidenti Ipasvi

Agli Iscritti Ipasvi

Loro sedi

Abbiamo letto sulla “home page” del nostro sito istituzionale che il Collegio Ipasvi di
Torino ha chiesto formalmente alla regione Piemonte di fermare l’utilizzo dei tirocini
extracurricolari stante la convocazione che un Centro per l’impiego ha inviato pochi giorni
fa per l’inserimento in azienda di infermieri per un periodo di tirocinio di sei mesi con
inquadramento a tempo pieno a 600 euro al mese.

continua
Collegi IPASVI Provinciali

PARMA: UN INFERMIERE, UN PROGRAMMA

Screenshot_2017-11-25-07-56-57_1

Siamo rimasti fuori da tutte le contese elettorali per il rinnovo dei direttivi provinciali Collegi IPASVI, commentandone solo gli esiti in alcuni casi eclatanti.

Oggi ci prendiamo la licenza di dare risalto ed evidenza all’impegno, alla scelta, al programma elettorale per il governo della rappresentanza professionale a Parma ad un infermiere che non si è scomposto di fronte alla decadenza culturale del giornalaio di turno, che ha manifestato vicinanza, presenza e sostegno al suo presidente in carica infamato dagli avventori dello stesso Pub Añi, e da questi insultato e  segnalato “sotto copertura” a vertici aziendali per violazione di improbabili doveri di comportamento.

E’ magistralmente uscito dalla querelle come meritava.

Sappiamo tutto del vigliacco che aveva inteso procurargli un danno importante: all’ombra di un trullo, è salito al vertice di un ente di diritto pubblico non economico.

Oggi Peppe De Nunzio e i suoi colleghi si presentano al cospetto della comunità professionale infermieristica parmense e non solo, e hanno tutte le carte in regola per riequilibrare lo scompenso politico formale e sostanziale dei mesi precedenti.

Sosteniamoli.

https://www.facebook.com/infermieriParmaUnPassoAvantiPerCambiare/

continua
Collegi IPASVI Provinciali

DA CATANZARO CONFERMA DI UN CLIMA ELETTORALE GENERALE TENDENTE ALL’AGITATO

Nave-in-acque-agitatE

“I consiglieri di maggioranza Manuela Costanzo (Obiettivo Comune) e Demetrio Battaglia, (Catanzaro con Sergio Abramo), a seguito di diverse segnalazioni pervenute da parte di alcuni cittadini iscritti al Collegio Ipasvi di Catanzaro – che hanno nuovamente chiesto l’interessamento della parte politica – sollecitano l’intervento della magistratura e della Federazione Nazionale Ipasvi, affinché si possa fare chiarezza sul metodo di conduzione dello spoglio delle schede di votazione per il rinnovo delle cariche del collegio provinciale, le cui operazioni di voto si sono tenute nei giorni 17, 18 e 19 novembre.

continua
Collegi IPASVI Provinciali

IPASVI SICILIA SULLA DISCRIMINAZIONE DI GENERE IN ARNAS GARIBALDI CATANIA

discriminazione di genere

COORDINAMENTO REGIONALE COLLEGI IPASVI SICILIA

21 NOVEMBRE 2017

destinatari Presidente Camera Dei Deputati – Ministro Della Salute – Presidente Regione Sicilia – Assessore Regionale Alla Salute – Dg Arnas Garibaldi – Ds Arnas Garibaldi e per conoscenza Presidente FNC Ipasvi

Oggetto: Arnas Garibaldi Catania – disposizioni di servizio di trasferimento di personale infermieristico di sesso maschile dall’uoc di ginecologia ed ostetricia

Lo scrivente coordinamento regionale ipasvi sicilia con il presente documento si trova a doversi esprimere su ciò che non avrebbe mai lontanamente immaginato di dovere commentare, ovvero la più macroscopica delle discriminazioni di genere perpetrate da un istituto di sanità pubblico: l’allontanamento forzato di due scrupolosi integerrimi e capacissimi infermieri da una unità operativa ospedaliera solo perché di sesso maschile

Stupisce davvero l’ipocrisia di chi intende mascherare tale riprovevole atto sotto le mentite spoglie di uno zelo amministrativo volto a “fornire adeguata risposta assistenziale alle degenti”: saremmo al punto di assecondare – sempre che esista, ma lo escludiamo categoricamente, una reale volontà in tal senso – le preferenze di alcune presunte degenti violando apertamente, anzi davvero calpestandolo, ogni diritto connesso alla posizione lavorativa (diritto alla posizione lavorativa, alla crescita professionale, alla mansione, solo per citarne alcuni) di un lavoratore.

Senza poi dire della natura perversa del precedente così creato: di fatto significa incrinare il rapporto professionale alla luce della semplice differenza di sesso tra paziente ed operatore sanitario, con esiti devastanti (che accadrebbe se, ad una prossima richiesta in tal senso, l’Azienda non si attivasse nello stesso modo?)

Vi sono poi tutta un’altra lunghissima serie di elementi che, non potendosi specificare in questa sede, ci si riserva di far valere nelle sedi opportune, ove l’azienda non provveda all’immediata revoca di tali oltraggiosi, inspiegabili, discriminatori provvedimenti.

Ci permettiamo dunque di sollecitare il Vostro autorevole intervento al fine di esprimere nelle proprie, rispettive, sedi lo sdegno e la disapprovazione per i provvedimenti in discussione, facendo si che essi siano immediatamente revocati tutelando un’intera categoria professionale da ogni discriminazione di genere

IL PRESIDENTE DEL COORDINAMENTO REGIONALE S. ZAPPULLA

continua
Collegi IPASVI Provinciali

TITOLO E INCARICO FARLOCCO IN REGIONE MARCHE? COLLEGIO IPASVI E PRESIDENTE COERENTI AD ANCONA!

coerenza

La fantasia a volte supera la realtà già caricaturale della gestione della sanità pubblica e privata. Succede che in regione Marche si inventano un corso che darebbe titolarità agli OSS di attività di coordinamento:

“”La finalità del corso è formare gli allievi sulle competenze professionali del Responsabile delle Attività Assistenziali e di Coordinamento di nuclei e strutture assistenziali. Il RAA coordina dal punto di vista organizzativo OSS, OSA e ADB che operano all’interno di nuclei e servizi assistenziali, centri diurni, case di riposo e residenze per anziani. Il RAA opera per Gestire efficacemente e correttamente l’equipe della struttura, Supervisionare le attività svolte dai nuclei assistenziali, Garantire la qualità dei servizi e la loro rispondenza ai bisogni di salute e assistenza del paziente e dei familiari, Favorire rapporti di collaborazione e intervento interprofessionali fra i differenti operatori del sistema di cura.””

continua