chiudi

ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

OPI BRESCIA E PROCESSI MEDIATICI

Immagine5

L’Ordine delle Professioni Infermieristiche (OPI) di Brescia esprime rammarico e amarezza per l’attacco mediatico occorso al personale infermieristico e medico della Terapia Intensiva Neonatale (TIN) dell’ASST Spedali Civili di Brescia.

La vicenda trae origine dalla dolorosa morte di tre neonati prematuri, per le quali la Procura ha avviato una indagine.

Tuttavia questo ordine, che rappresenta 8400 infermieri bresciani, denuncia una ingiustificabile e inaccettabile violenta campagna denigratoria della professione a mezzo dei social network, con particolare riferimento a facebook.

Oggi gli infermieri della TIN dell’ASST Spedali Civili garantiscono assistenza infermieristica qualificata e specialistica a bambini nati con bassa età gestazionale, ovvero neonati di 23, 24 settimane, anziché delle fisiologiche quaranta.

Si ritiene inaccettabile e ingiustificabile il tono e il contenuto di quanto intercorre nella comunicazione social e nelle pagine web.

L’Opi di Brescia partecipa al dolore e al lutto delle famiglie, al tempo stesso richiama i media a una informazione sobria e rigorosa, invita i cittadini utenti dei social al rispetto e alla convivenza, affida all’indagine della Procura l’accertamento di eventuali responsabilità.

continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

VALORISATION DES SOINS INFIERMIERS, L’ITALIE ET LA FRANCE SONT PRETES A COLLABORER

sardegna corsica

Valorisation des soins infirmiers, l’Italie et la France sont prêtes à collaborer

Le président de l’Ordre national des Infirmiers, Patrick Chamboredon a posé les fondations d’une collaboration avec la Fnopi (Ordre national des infirmiers italiens) et a accepté l’invitation de sa présidente Barbara Mangiacavalli qui souhaite qu’ils se réunissent sur les questions de santé, les services aux citoyens et la valorisation de la profession.

Valorisation des soins infirmiers, l’Italie et la France sont prêtes à collaborer

L’Italie appelle et la France répond. Le président de l’Ordre national des infirmiers français (ONI) , Patrick Chamboredon, a répondu avec enthousiasme à l’invitation de Barbara Mangiacavalli, la présidente de la Fnopi (Ordre national des infirmiers italiens). Le but : parvenir à une collaboration internationale visant à renforcer l’image de la profession.

continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

FAKE NEWS, FAKE DOCUMENT: OPI FIRENZE PISTOIA REPLICA

Immagine7

Il volantino fake? «Una sconfitta. Per l’infermiere il cittadino è il centro di tutto»

Opi Firenze-Pistoia risponde al falso messaggio contro gli accessi in pronto soccorso

Firenze, 8 gennaio 2019 – Non tarda ad arrivare la risposta dell’Ordine delle professioni infermieristiche Firenze-Pistoia al volantino fake che gira in rete e sui social intimando ai cittadini della Toscana di non recarsi in pronto soccorso. Il volantino usa in parte materiale esistente, con tanto di loghi istituzionali e sta quindi inducendo molti utenti a ritenerlo reale, con inevitabili polemiche.

continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

LOUIS BRAILLE: PRESENTE E FUTURO DELLE DISABILITÀ SENSORIALI

giulia 6 anni
Louis Braille ideò il sistema di scrittura e lettura per le persone non vedenti. Oggi ricorre l’anniversario della morte, il 6 gennaio 1852.
E Venerdī 11 Gennaio 2019 sarà presentata al Presidente della Camera dei Deputati on. Roberto Fico, l’iniziativa infermieristica ordinistica (16 Opi aderenti) dedicata ai disabili sensoriali e denominata progetto Braille-Lis, che nella giornata dell’infermiere 2018 venne presentata in anteprima alla Presidenza della Repubblica.
http://www.fnopi.it/attualita/opi-carbonia-iglesias-e-altri-13-opi-alla-presidenza-delle-repubblica-sul-progetto-disabili-sensoriali-id2380.htm
continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

COSENZA: IO INFERMIERE LAVORO, TU ASSISTITO RISPETTAMI

Immagine12

Sono 4mila gli infermieri in più che servirebbero in Calabria per tutelare la salute pubblica. Il rapporto migliore è di un infermiere ogni 6 pazienti oggi i calabresi ne dispongono di uno ogni 18

COSENZA – “Carenza di personale, presenza costante insieme ai colleghi degli ospedali pubblici e privati ed un nuovo slancio per il 2019. Questi i propositi di Fausto Sposato e di tutto il direttivo Opi, l’Ordine professionale degli infermieri cosentini. 

Il brindisi di auguri per Natale, nella nuova e bella sede, ha consentito agli operatori del settore di tracciare un bilancio di quel che è stato. Gli infermieri sono troppo pochi per garantire sicurezza ed efficienza dei servizi: ne mancano – si è detto nel corso dell’incontro tra sanitati – più di 4 mila in Calabria per raggiungere livelli accettabili. E chi lavora lo fa con mille difficoltà, che rischiano di coinvolgere anche i cittadini.

continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

OPI FIRENZE SU ECM, CREDITI, AUTOFORMAZIONE, FAD, AGENAS, COGEAPS

Immagine11

Formazione Ecm, le novità dalla delibera Agenas. Più tempo per mettersi in pari e più crediti con l’autoformazione.

Firenze, 19 dicembre 2018 – C’è tempo fino al 31 dicembre 2019 per mettersi in regola con i crediti Ecm relativi al triennio 2014/2016 e per il triennio in corso si potrà contare di più sull’autoformazione. Lo sancisce la delibera, già in vigore, dell’Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali) che introduce alcune novità in tema di formazione Ecm, ovvero la formazione continua richiesta al professionista sanitario per rispondere ai bisogni dei pazienti, alle esigenze organizzative e operative del Servizio sanitario e del proprio sviluppo professionale.

continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

OPI EMILIA ROMAGNA: IL SISTEMA EMERGENZA URGENZA FUNZIONA CON GLI INFERMIERI

Immagine3

Gli OPI respingono l’attacco politico all’Assessore Venturi
Il sistema di emergenza-urgenza con gli infermieri funziona

Il Coordinamento degli Ordini delle professioni infermieristiche dell’Emilia Romagna respinge con forza l’atteggiamento assunto nei confronti dell’assessore regionale alla Sanità Sergio Venturi, dall’Ordine dei medici di Bologna, che ha come unica motivazione l’aver svolto il suo compito di programmazione e gestione della Sanità approvando con il resto della Giunta una delibera con cui si prevede la presenza dei soli infermieri a bordo dei mezzi avanzati di primo soccorso. Cosa tra l’altro già prevista a livello nazionale dallo stesso ministero della Salute.

continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

NAPOLI TRA SERVIZI PUBBLICI/PRIVATI, CONVENZIONATI, ESTERNALIZZATI

Immagine4

Strutture e Servizi pubblici, privati, convenzionati ed esternalizzati”

A 40 anni dalla nascita del Servizio Sanitario Nazionale, una riflessione sulla sostenibilità, l’equità, e l’universalità della sanità pubblica e sulla convivenza con le strutture sanitarie private, impegnate ad integrare un’offerta sanitaria che al Sud appare sempre più in affanno.

Moderati dalla senatrice Annalisa Silvestro, interverranno: Ciro Carbone, Presidente OPI Napoli; Mario Forlenza, Direttore Generale Asl Napoli 1 Centro; Antonino Cartabellotta, Presidente Fondazione GIMBE; Carla Collicelli, Cnr-Itb; Vincenzo Schiavone, Responsabile Sanità Unione Industriali Napoli; Sergio Crispino, Presidente AIOP; Giovanni Leonardi, Presidente Coop. sociale “Mondo in Cammino”.

continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

BELLUNO SUL CASO “…NON SARA’ UN’AVVENTURI…”

Immagine5

Purtroppo le ingerenze partitiche (la politica, per fortuna, è cosa altra) hanno partorito nuovamente un abominio.

L’Assessore Regionale dell’Emilia Romagna Venturi (medico) è stato radiato dal suo Ordine di appartenenza (Bologna) reo di aver agevolato la presenza degli Infermieri sulle ambulanze INDIA (senza medico).

Questo strumento di risposta alle emergenze-urgenze territoriali è assolutamente normale in un Paese con Professionisti Sanitari di assoluta competenza e livello, come è in Italia, e dove l’agire è normato a livello nazionale e regionale ed ulteriormente regolamentato da rigorosi protocolli e linee guida con valenza internazionale.

La questione è di una gravità assoluta, visto che un sistema di emergenza urgenza è costruito appositamente per identificare e rispondere alle esigenze dei Cittadini e che il livello di preparazione degli Infermieri non è mai messo in discussione, risultati alla mano (= vite umane salvate, numeri di interventi, capillarità ed efficacia degli stessi).

L’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Belluno difende l’operato degli Infermieri operanti nel sistema SUEM 118 e con cognizione di causa supporta la formazione e la sperimentazione di modelli avanzati di assistenza infermieristica in emergenza – urgenza, esattamente come sta avvenendo in Provincia di Belluno.

Esprimiamo massima stima in tutti i Professionisti operanti nell’emergenza – urgenza, che ben conoscono e riconoscono, medici in primis, il valore della professionalità infermieristica.

Esterniamo piena solidarietà al Dr. Venturi e a tutti i medici attaccati e strumentalizzati da tali bassezze, ben inquadrabili in una visione medievalista della cura, che ha ben altre evidenti finalità e che tradiscono, di fatto, il mandato istituzionale di tutela del Cittadino.

Rifiutiamo ogni forma di strumentalizzazione della professionalità infermieristica e di tossiche ingerenze partitiche, in linea con la posizione della Federazione Nazionale degli Ordini delle Professioni Infermieristiche.

IL PRESIDENTE LUIGI PAIS DEI MORI

continua