chiudi

ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

INFERMIERI ALLA GUIDA DELLE AMBULANZE E AUTISTI ADDETTI ALLA SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI?

Immagine1

«Infermieri alla guida delle ambulanze? È il momento di dire basta»

Opi Firenze-Pistoia chiede che si apra il confronto con le istituzioni

 Un tavolo di confronto sul tema della guida dei mezzi di soccorso da parte degli infermieri. È quanto chiede l’Ordine delle professioni infermieristiche interprovinciale Firenze-Pistoia in una lettera inviata all’assessore regionale alla salute Stefania Saccardi, al direttore regionale della Direzione diritti di cittadinanza e coesione sociale Monica Calamai e a varie figure dell’Azienda Usl Toscana Centro: il direttore generale Paolo Marchese Morello, il direttore del dipartimento di emergenza urgenza Simone Magazzini, il direttore del dipartimento infermieristico Paolo Zoppi, il direttore dell’area 118 Piero Paolini e il direttore dell’Uos rischio clinico Francesco Venneri.

continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

SALERNO INTRASINGENTE COMUNQUE VADA: C’É POSTA PER VOI

Immagine3

Riceviamo e pubblichiamo la prudente, corretta e determinata comunicazione di Opi Salerno sui fatti.

Sulla vicenda avvenuta a Mercato San Severino, questo Ordine sta accertando eventuali responsabilità di una propria iscritta nell’accaduto, come riportano alcuni media, che avrebbe pronunciato la frase “devi morire” nei confronti di un paziente. 

Perché lo stesso autore del video non fa riferimento a un’infermiera ma, sulla sua pagina social parla genericamente di un “dottore”.

continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

VIOLENZA AL S. M. NUOVA? SOLIDARIETÀ SENZA DISTINZIONI

Immagine4

Nuovo episodio di aggressione all’Ospedale di Santa Maria Nuova

Opi Firenze Pistoia: «solidali con gli infermieri e la guardia giurata aggrediti»

  L’Ordine delle professioni infermieristiche interprovinciale Firenze-Pistoia esprime il proprio sostegno alle persone, alcuni infermieri e una guardia giurata, aggredite qualche sera fa all’Ospedale di Santa Maria Nuova a Firenze da un paziente arrivato in Pronto Soccorso per etilismo acuto.

L’uomo si è poi alterato iniziando a prendersela prima con un’infermiera e con la guardia giurata, colpendoli con una sedia, pugni e calci, poi con altri infermieri intervenuti e con i carabinieri. È stato arrestato per i reati di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni aggravate.

«Esprimiamo tutta la nostra solidarietà agli infermieri e alla guardia giurata che sono stati aggrediti all’Ospedale di Santa Maria Nuova di Firenze – commentano da Opi Firenze-Pistoia -. Purtroppo l’ospedale non è nuovo a episodi del genere; è assurdo che il personale sanitario debba trovarsi in situazioni di pericolo mentre svolge il proprio lavoro. Visto che ormai casi del genere sono quasi all’ordine del giorno crediamo sia necessario individuare al più presto soluzioni operative efficaci per invertire la tendenza e ridurre al minimo gli episodi di violenza, garantendo la sicurezza di professionisti sanitari e cittadini».

continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

BRAVO OPI FI-PT: INFERMIERI DEMANSIONATI E RUOLI CONFUSI A DISCAPITO DEI PAZIENTI

Immagine9

Opi Firenze Pistoia: «Infermieri demansionati e ruoli confusi a discapito dei pazienti”

La gara d’appalto per i servizi di assistenza dell’Opera Pia Leopoldo e Giovanni Vanni è da rifare»

Firenze, 20 febbraio 2019 – «Infermieri demansionati, competenze e responsabilità fra OSS e infermieri scambiate, ruoli e mansioni assegnate a figure non deputate a quei ruoli». È per queste motivazioni che l’Ordine delle professioni Infermieristiche interprovinciale Firenze–Pistoia ha richiesto di annullare o sospendere a tempo indeterminato la gara di appalto (prevista per il 22 febbraio) per la fornitura di servizi di assistenza integrati per l’“Opera Pia Leopoldo e Giovanni Vanni”, azienda pubblica di servizi alla persona di Impruneta (Firenze)

continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

INFERMIERE DI FAMIGLIA ANCHE IN REGIONE LAZIO

Immagine4

Audizioni in commissione sanità su proposta di legge assistenza infermieristica familiare

Interventi degli ordini provinciali degli infermieri.

19/02/2019 – La commissione Sanità, politiche sociali, integrazione sociosanitaria, welfare, presieduta da Giuseppe Simeone (FI), ha avviato oggi il ciclo di audizioni sulla proposta di legge n. 106 “Disposizioni per la promozione dell’assistenza infermieristica familiare”, presentata dai consiglieri Ciani e Forte. Nella prima audizione sono stati incontrati i vertici degli ordini provinciali degli infermieri (Opi), assenti Frosinone e Viterbo.

continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

PROGETTO DISABILI SENSORIALI E MASSIME AUTORITA’ DELLO STATO: EN PLEIN

12febbraio2019

Roma, MARTEDI’ 12 FEBBRAIO 2019

COMUNICATO STAMPA

Con l’audizione odierna alla Presidenza del Senato della Repubblica al cospetto del dr. Galoppi, consulente giuridico della Presidente on. Casellati, e della segreteria particolare D.ssa Carbonetti, abbiamo avuto l’ennesima opportunità rappresentare un impegno ordinistico di carattere tutt’altro che referenziale, dedicato ai disabili sensoriali, alle persone fragili, di respiro nazionale, nell’interesse dei cittadini.

 

Il progetto ha meritato l’attenzione delle istituzioni della Repubblica, e con l’appuntamento odierno chiude e completa il contatto diretto con le massime autorità delle Stato.

 

Sottolineiamo ancora una volta che per la prima volta in Italia è stata concepita e conclusa una iniziativa volta al recepimento della Legge Stanca del 9 gennaio 2004, n. 4 (G.U. n. 13 del 17 gennaio 2004) recante «Disposizioni per favorire l’accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici».

continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

AL MINISTRO DELLA SALUTE SULLA SANITA’ DEL SULCIS IGLESIENTE

Immagine1

9 febbraio 2019, Intervento del Presidente OPI al cospetto del Ministro della Salute

Gentile Ministro della Salute on Giulia Grillo,

coglieremo l’opportunità odierna di confrontarci con Lei stando bene attenti a non commettere l’errore di un intervento autoreferenziale, fermamente convinti che prima degli interessi dell’infermieristica in senso stretto, in questa occasione prospettica sia più opportuno mettere sul tavolo i diritti dei cittadini e delle cittadine, pur cercando di contestualizzarli in una comunità civica vivace ma da sempre considerata geograficamente marginale, limitrofa della provincia di Cagliari, satellite della sanità dell’area metropolitana.

E nemmeno dedicheremo un secondo a presentarLe una lista di richieste e di desiderata fini a se stesse, considerando una offesa alla sua intelligenza e al suo staff che da una assemblea pubblica il Ministro della Salute possa avere contezza di cosa fare come anche in questo territorio. Lo diamo per acquisito.

Abbiamo, inoltre, già recepito ed apprezzato il suo saluto al Consiglio Nazionale FNOPI a Dicembre 2018 dove ha avuto modo di sottolineare che “gli infermieri stanno facendo un grande lavoro per valorizzarsi e attualizzarsi sempre di più tra tutti gli attori della salute”.

continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

OPI SIRACUSA SUGLI SCUDI

Immagine2

“Quanto accaduto ieri al Pronto Soccorso di Siracusa lascia sgomenti e non ha alcun tipo di attenuante. Ancora violenza nei confronti di infermieri e medici impegnati duramente in prima linea al Pronto Soccorso dell’”Umberto I” per garantire l’assistenza ai cittadini che si riversano in massa per esaudire i loro bisogni sanitari. Forse è inutile ritornare sul perché si è creata una situazione impari fra numero di operatori sanitari e numero di accessi giornalieri. Il problema della sostenibilità economica del sistema sanitario lo conosciamo da tempo e non lo risolviamo domani ma sicuramente un intervento su tutti, come incrementare l’organico, attenuerebbe la calca e limiterebbe le intemperanze.

continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

BOLOGNA, MONDO SEPOLTO E CARO ESTINTO: PROFESSIONE INFERMIERISTICA NON COINVOLTA

Immagine6

MONDO SEPOLTO, NESSUN INFERMIERE COIVOLTO

ORDINE: “BUON NOME PROFESSIONE VA TUTELATO”

Nessun infermiere è coinvolto nell’operazione “Mondo sepolto” che ha fatto emergere comportamenti criminali all’interno della gestione dei servizi funerari nel capoluogo emiliano-romagnolo.

Ancora una volta la professione è stata coinvolta erroneamente in notizie inerenti fatti inaccettabili, che violano prima ancora delle leggi il codice etico che guida il lavoro quotidiano degli infermieri.

Si tratta, infatti, di comportamenti disgustosi, messi in atto verso i familiari nel momento di maggior sofferenza che fa seguito alla scomparsa di un proprio congiunto.

continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

OPI BRESCIA E PROCESSI MEDIATICI

Immagine5

L’Ordine delle Professioni Infermieristiche (OPI) di Brescia esprime rammarico e amarezza per l’attacco mediatico occorso al personale infermieristico e medico della Terapia Intensiva Neonatale (TIN) dell’ASST Spedali Civili di Brescia.

La vicenda trae origine dalla dolorosa morte di tre neonati prematuri, per le quali la Procura ha avviato una indagine.

Tuttavia questo ordine, che rappresenta 8400 infermieri bresciani, denuncia una ingiustificabile e inaccettabile violenta campagna denigratoria della professione a mezzo dei social network, con particolare riferimento a facebook.

Oggi gli infermieri della TIN dell’ASST Spedali Civili garantiscono assistenza infermieristica qualificata e specialistica a bambini nati con bassa età gestazionale, ovvero neonati di 23, 24 settimane, anziché delle fisiologiche quaranta.

Si ritiene inaccettabile e ingiustificabile il tono e il contenuto di quanto intercorre nella comunicazione social e nelle pagine web.

L’Opi di Brescia partecipa al dolore e al lutto delle famiglie, al tempo stesso richiama i media a una informazione sobria e rigorosa, invita i cittadini utenti dei social al rispetto e alla convivenza, affida all’indagine della Procura l’accertamento di eventuali responsabilità.

continua