chiudi

Camera dei deputati

Camera dei deputati

IL CASO VULLO APPRODA IN PARLAMENTO, QUESTIONE NAZIONALE…

AIUTO

Il caso Vullo approda in Parlamento, all’attenzione del Presidente del Consiglio Gentiloni e dei ministri Lorenzin e Madia.

A presentare l’interrogazione parlamentare è Giulia Di Vita,deputata ex 5stelle attualmente al Gruppo Misto. Nel dicembre 2016 sono stati i grillini siciliani a presentare interrogazione a Crocetta e Gucciardi, rimasta senza risposta.

La Di Vita evidenzia come a chiedere chiarimenti sulla vicenda relativa ai requisiti dell’ex direttore generale del Papardo Michele Vullo (attualmente commissario straordinario del Policlinico) con una serie di note al ministro Lorenzin, all’Anac, alla Corte dei Conti ed alle procure di Messina e di Palermo, siano stati i sindacati Uil Fpl e Anaao-Assomed

continua
Camera dei deputati

IL DDL LORENZIN COMPLETO COME VOTATO ALLA CAMERA DEI DEPUTATI

champagne

Era vetusto, indomito, ha resistito al ‘68, agli anni di piombo, a Tangentopoli, alla disaffezione per la politica partecipata, ha visto generazioni di infermiere religiose, poi laiche, poi diplomate regionali, poi diplomate universitarie, poi laureate. Ha vissuto il mansionario e non ancora superato il demansionamento, ha visto il profilo professionale e la dirigenza infermieristica, l’autonomia e le funzioni di coordinamento, ma lui, il decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato n. 233 del 13 settembre 1946, ai Capi I, II e III, concernenti gli ordini delle professioni sanitarie, gli albi nazionali e le federazioni nazionali, solo ora esce quasi di scena, pensionato dall’approvato l’articolo 4 del DDL Lorenzin, e non è esagerato azzardare che possa revisione in forma complessa e complessiva la disciplina delle professioni sanitarie per come l’abbiamo conosciuta.

Principali previsioni:

  • svecchiamento degli ordini delle professioni sanitarie e del loro funzionamento interno;
  • nuove procedure elettorali;
  • ricambio generazionale;
  • adeguamento della normativa di riferimento;
  • trasformazione della denominazione di Collegio in Ordine delle professioni infermieristiche costituiti a livello territoriali e corrispondenti alle province esistenti alla data del 31 dicembre 2012.
continua
Camera dei deputati

ADELANTE, ADELANTE: DDL LORENZIN CAPO II PROFESSIONI SANITARIE DOPO COMMISSIONE AFFARI SOCIALI 28/9

5896b_SKYVivo_PasoAdelante_b

Commissione Affari Sociali aggiornata al 28 settembre 2017
Deleghe al Governo in materia di sperimentazione clinica di medicinali, nonché disposizioni per l’aggiornamento dei livelli essenziali di assistenza, per il riordino delle professioni sanitarie e per la dirigenza sanitaria del Ministero della salute (C. 3868 Governo, approvato dal Senato)
Capo II PROFESSIONI SANITARIE Art. 3.  (Riordino della disciplina degli Ordini delle professioni sanitarie).
Al decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 13 settembre 1946, n. 233, ratificato dalla legge 17 aprile 1956, n. 561, i capi I, II e III sono sostituiti dai seguenti: «Capo I DEGLI ORDINI DELLE PROFESSIONI SANITARIE

Art. 1. – (Ordini delle professioni sanitarie). – 1. Nelle circoscrizioni geografiche corrispondenti alle province esistenti alla data del 31 dicembre 2012 sono costituiti gli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri, dei veterinari, dei farmacisti, dei biologi, dei fisici, dei chimici, delle professioni infermieristiche, della professione di ostetrica e dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione. Qualora il numero dei professionisti residenti nella circoscrizione geografica sia esiguo, in relazione al numero degli iscritti a livello nazionale, ovvero sussistano altre ragioni di carattere storico, topografico, sociale o demografico, il Ministero della salute, sentite le rispettive Federazioni nazionali e d’intesa con gli Ordini interessati, può disporre che un Ordine abbia per competenza territoriale due o più circoscrizioni geografiche confinanti ovvero una o più regioni. 1-bis. Per l’esercizio di funzioni di particolare rilevanza, il Ministero della salute, sentite le rispettive Federazioni nazionali e d’intesa con gli Ordini interessati, può disporre il ricorso a forme di avvalimento o di associazione tra i medesimi.

continua
Camera dei deputati

LA PERLA DEL GIORNO: I BIMBI VACCINATI? COME POLLI DA BATTERIA

arton31856-2d1b6

Discutibile (professionalmente parlando per quel poco di professionale che ci accomuna) presa di posizione dell’infermiere On. Andrea Cecconi (M5S), sul tema delle vaccinazioni obbligatorie per i bambini in età scolare previste dal DL Lorenzin. Del paragone dei bambini vaccinati come a dei “polli in batteria” non ci si può che vergognarsene.

continua
Camera dei deputati

DEPUTATI SARDI AI MINISTRI DEL LAVORO E DELL’INTERNO: SI PUO’ COMMISSARIARE IL RE NUDO?

renudo

Con una interrogazione urgente al ministro dell’Interno Marco Minniti e del Lavoro Giuliano Poletti, i deputati sardi del Pd Francesco Sanna, Caterina Pes, Paola Pinna, Giovanna Sanna e Gianpiero Scanu chiedono un intervento del Governo che “scongiuri conseguenze negative sui pazienti e la qualità del servizio della Fondazione Stefania Randazzo e dell’Aias Sardegna“.

continua