chiudi

Aziende Sanitarie

Aziende Sanitarie

ASL FOGGIA A TUTELA ORTOPEDIA E CHIRURGIA H. DE LELLIS, MANFREDONIA

bear-medicale-foto-prod10

DIREZIONE GENERALE ASL FOGGIA COMUNICATO STAMPA n. 02/2018

 Ospedale di Manfredonia: solo notizie false e strumentalizzazioni da campagna elettorale

In riferimento alle notizie diffuse a mezzo stampa sulla presunta chiusura dei reparti di Ortopedia e Chirurgia dell’Ospedale “De Lellis” di Manfredonia interviene il Direttore Generale della ASL Foggia Vito Piazzolla.

Niente è cambiato nella programmazione regionale e aziendale – chiarisce Piazzolla – relativamente all’Ospedale di Manfredonia. Ci stupisce che si possa dare spazio a notizie assolutamente prive di fondamento  come queste e ci sconcerta il fatto che si possa dare spazio a persone che, senza alcun ruolo istituzionale, si avventurano in ipotesi fantasiose e in giudizi sprezzanti e forse offensivi, dell’Azienda e dell’Assessorato. Infatti, qualora dovessero ricorrere le condizioni, perseguiremo – aggiunge il Direttore Generale – tali dichiarazioni lesive e inopportune attraverso il nostro ufficio legale che sta valutando questa ipotesi, a tutela dell’Azienda e delle comunità coinvolte”.

L’unica difficoltà oggettiva, peraltro nota e mai sottaciuta, è legata ali’arruolamento di alcune figure professionali introvabili. Tuttavia continuano le attività concorsuali e le procedure relative alle assunzioni, sia per le figure dirigenziali mediche che per i direttori di struttura complessa.

continua
Aziende Sanitarie

MOBILITA’ VERSO ASL CHIETI? UN MIRAGGIO. ASPETTATIVA NEGATA

miraggio
ABRUZZO. Gli infermieri regolarmente iscritti al collegio di appartenenza e assunti presso una qualsiasi Asl hanno diritto a partecipare a bandi di concorso indetti da altre Asl sia per contratti a tempo indeterminato o determinato.

Ma c’è qualcosa che non va e la strada non è sempre così semplice: lo sanno bene 17 infermieri della Asl di Teramo che, con un contratto a tempo indeterminato in tasca, da diversi anni affrontano quotidianamente 200km (tra andata e ritorno) per recarsi sul posto di lavoro in quanto residenti nella provincia di Chieti.

E loro ci hanno provato a riavvicinarsi a casa: dopo un bando di concorso indetto dalla Asl di Chieti Lanciano Vasto, sono riusciti a superare un colloquio orale e pertanto ad essere ammessi in una graduatoria e successivamente chiamati a prestare servizio.

Ma c’è un inghippo: si vedono negare l’aspettativa non retribuita dalla Asl di Teramo e così non riescono a prendere servizio per l’incarico a termine.

continua
Aziende Sanitarie

INTERRUZIONE DI PUBBLICO SERVIZIO, LESIONI, MINACCE AI DANNI DI UNA INFERMIERA

cancelli sbarrati

Denunciato dalla polizia per interruzione di pubblico servizio, lesioni personali e minacce per aver aggredito un’infermiera in servizio all’hospice delle Oblate nel complesso di Careggi. Il 45enne, che era agli arresti domiciliari, si era recato nel nosocomio fiorentino per una visita specialistica ma, improvvisamente, sarebbe andato in escandescenza aggredendo la donna. Secondo una prima ricostruzione l’uomo avrebbe prima aggredito verbalmente l’infermiera e poi le avrebbe tirato i capelli. Nella colluttazione la donna avrebbe graffiato al viso l’aggressore.

continua
Aziende Sanitarie

CA’ FONCELLO, TREVISO: GLI INFERMIERI DICONO NO A MANSIONI MEDICHE

foto 6

Gli infermieri del Ca’ Foncello dicono no al disegno della direzione generale che li vorrebbe impegnare in nuove mansioni, fino ad oggi di pertinenza del medico. L’ipotesi era stata avanzata pochi giorni fa, dopo le code natalizie registrate in Pediatria, con 35 bambini in attesa per ore e un solo pediatra operativo. Di fronte alle comprensibili lamentele dei genitori l’Usl aveva avanzato l’idea di affidare al personale infermieristico la gestione dei baby pazienti. «Per un’otite o una congiuntivite basta mettere una goccia, lo possono fare anche gli infermieri», aveva spiegato il direttore generale Francesco Benazzi. 

continua
Aziende Sanitarie

GERIATRIA RIPRISTINATA IN VERSILIA AUSL TOSCANA NORD OVEST

foto 30

L’UNITA’ di Geriatria del Versilia non chiuderà. Lo ha stabilito una recente delibera Asl,  la 1221 . Integra una precedente (la 1021) che ridefiniva gli assetti organizzativi dell’Asl sopprimendo alcune Uos, fra cui appunto Geriatria diretta dal dottor Stefano Fascetti, che invece viene ripristinata dal nuovo provvedimento.

Esulta il sindacato autonomo Fials che aveva sollevato il problema attraverso il nostro giornale. «Ebbene sì – afferma Daniele Soddu, segretario della Versila – : le battaglie sindacali condotte senza tregua giorno dopo giorno danno i loro frutti. La retromarcia su Geriatria ha il sapore della vittoria per il sindacato Fials che si è speso in tutte le sedi per far capire quanto era importante una unità del genere all’interno dell’Area Medica che vede sempre più anziani passare dal nostro Presidio.

continua
Aziende Sanitarie

TAR PUGLIA SU PEDIATRIA DA RAGIONE AD ASL LECCE E TORTO A COMUNE CASARANO

images (33)

COMUNICATO STAMPA ASL Lecce, mercoledì 20 dicembre 2017

Chirurgia Pediatrica, il Tar Puglia dà ragione all’ASL:

il programma di trasferimento può andare avanti

Il Tar Puglia dà ragione all’ASL: il trasferimento della Chirurgia Pediatrica da Casarano a Lecce si può fare e si sarebbe potuto portare a termine già in precedenza. L’ordinanza dei giudici amministrativi, resa pubblica quest’oggi, riconosce la legittimità del provvedimento adottato dalla Direzione Generale, tra gli altri, in attuazione di quanto previsto dal Piano di Riordino della Regione Puglia.

Le ragioni della ASL hanno avuto la meglio sulle tesi contrarie dell’Amministrazione comunale di Casarano, che si era opposta al trasferimento del reparto richiedendo al Tar di sospendere l’efficacia del provvedimento.

continua
Aziende Sanitarie

BUONA SANITA’ AL PO SAN PAOLO NA 1: NON SOLO FACCIATE FATISCENTI MA ASSISTENZA DI QUALITA’

grazie_001

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO sul Presidio Ospedaliero San Paolo – Asl Na1 –

Sebbene  la struttura esternamente lasci a desiderare, voglio  raccontare la mia personale esperienza in questo ospedale, voglio parlare del reparto di ginecologia/ostetricia e nido.

Un reparto,sito al secondo piano, che si presenta in uno stato pulito, ma la cosa più importante è la disponibilità dei sanitari, degli operatori,  degli infermieri e dei medici.

Si offre risposta ad ogni informazione richiesta dai pazienti o dai parenti e le informazioni vengono fornite in modo dettagliato, senza agitazione, con serenità, nel personale non traspare alcun fastidio.

Allora, mi chiedo perché gettare tanto fango su un ospedale dove alcuni reparti funzionano davvero bene, perché fare di tutta l’erba un fascio?

continua
Aziende Sanitarie

ISPEZIONE SULLA GESTIONE DELLA RIANIMAZIONE DELL’OSPEDALE DI PIACENZA?

foto 10

Foti chiede un’ispezione sulla gestione del reparto anestesia e rianimazione di Piacenza. Interpellanza rivolta alla Giunta, sulla gestione dell’Unità operativa anestesia e rianimazione dell’ospedale Guglielmo da Saliceto di Piacenza, chiedendo, “con effetto immediato, un’ispezione”. Diversi dirigenti medici in servizio nella struttura lamentano da oltre un anno problemi relativi alla “distribuzione dei carichi di lavoro (guardie notturne e festive, guardie presso il presidio di Fiorenzuola d’Arda, attività di sala operatoria presso il presidio di Castel San Giovanni) gravemente iniqua, oltre che inficiata da errori organizzativi, tanto che ci sono medici ai quali, a differenza dei colleghi, vengono sistematicamente assegnati turni a Fiorenzuola e Castel San Giovanni”.

A febbraio l’assessore regionale Venturi riferiva del coinvolgimento dei vertici sanitari aziendali piacentini per “risolvere i problemi prospettati dal punto di vista sia della definizione delle competenze professionali sia dell’organizzazione del lavoro”.

continua
Aziende Sanitarie

ASL BRINDISI AL FORUM RISK MANAGEMENTE DI FIRENZE

download (33)

 COMUNICATO STAMPA: PARTECIPAZIONE DELLA ASL BR AL FORUM RISK MANAGEMENT IN SANITÀ DI FIRENZE

La ASL di Brindisi partecipa alla 12° edizione del Forum Risk Management in Sanità attualmente in corso a Firenze (28 novembre – 1 dicembre 2017), evento di portata nazionale sulle tecnologie applicate alla sicurezza del paziente.

La partecipazione delle Aziende Sanitarie pugliesi è stata richiesta dall’ARES Puglia – presente all’evento con uno spazio espositivo – e condivisa dal Dipartimento di Promozione della Salute, del Benessere Sociale e dello Sport per Tutti della Regione Puglia.

continua