chiudi

Aziende Ospedaliere

Aziende Ospedaliere

PER MOTIVI STRETTAMENTE PERSONALI?

Immagine4

 Graziella Pintus , D.G. A.O. Brotzu Cagliari, ha rassegnato le sue dimissioni a far data dal 1 Aprile prossimo. 

“ Per motivi strettamente personali, ho deciso formalmente di lasciare l’incarico di Direttore Generale dell’AOB. Sono stati per me, prima come Commissario Straordinario e poi dal 2016 in qualità di Direttore Generale, degli anni particolarmente importanti sia dal punto di vista professionale che personale.

continua
Aziende Ospedaliere

FIALS POTENZA: QUALE STRATEGIA IN DIREZIONE STRATEGICA IN AO S. CARLO?

Immagine1

Perché sono stati prorogati i contratti a tempo determinato in scadenza al San Carlo il 31 gennaio 2019 solo per un mese?

Il segretario della Fials Giuseppe Costanzo è preoccupato dalla scelta della Direzione strategica dell’Azienda ospedaliera.

“E’ un un provvedimento inopportuno – commenta – e non risolve il problema alla grave carenza di personale. E’ soltanto un piccolo palliativo. I reparti di degenza scoppiano, soprattutto nei presidi di Melfi e Villa d’Agri.  Tutte le strutture sono sotto organico. Il personale è stremato e frustrato per le mansioni inferiori che spesso deve coprire per rendere vivibili i reparti. La situazione ha raggiunto alti livelli di stress e l’assistenza è a rischio”. 

continua
Aziende Ospedaliere

CITTADINANZATTIVA VAL D’AOSTA SULLA CARTA EUROPEA DEI DIRITTI DEL MALATO

Immagine11

È da alcuni mesi che pervengono al Tribunale per i diritti del Malato segnalazioni, più o meno circostanziate, in merito alle cure ricevute dalla SSD di Neurochirurgia dell’Azienda USL Valle d’Aosta; non ultima quella di un paziente che, dopo quasi un anno dall’intervento, non ha risolto i propri problemi di salute e tutt’oggi non riesce ad essere preso adeguatamente in carico dal Sistema Sanitario Regionale.

Egli ci ha riferito che, dopo l’intervento chirurgico, la sua vita è diventata un inferno in cui deve convivere con un dolore la cui causa non è ben chiara e di conseguenza la cura indefinita. Per diversi mesi gli specialisti di Aosta hanno consigliato al paziente di far riferimento ai medici di Alessandria che a loro volta suggerivano di rivolgersi a quelli della Valle d’Aosta.

continua
Aziende Ospedaliere

DIFFAMAZIONE A MEZZO VIDEO IN AO CASERTA. NON CI SONO PIU’ LE DENUNCE DI UNA VOLTA…

Immagine20

Napoli, 29 ago. (Adnkronos) – Un video “artatamente diffamatorio”. Così la Direzione dell’Azienda ospedaliera Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta definisce il video diffuso dal consigliere regionale campano dei Verdi Francesco Emilio Borrelli, che lo ha ricevuto da un cittadino, nel quale si vedono larve vive nel lavabo di un bagno dell’ospedale.

“Si è rilevato – si legge in una nota dell’ospedale – che da ieri pomeriggio circola sui social network e su alcuni siti web giornalistici un video che è diventato virale e che mostra un lavabo allocato nel bagno prospiciente il Pronto soccorso ostetrico e ginecologico. Tale lavabo presenta un foglio di carta che ostruisce lo scarico e presenza di acqua limpida con larve e vermi vivi.

continua
Aziende Ospedaliere

SUPPORTO LEGALE AZIENDA CARDARELLI PER I LAVORATORI AGGREDITI IN NEFROLOGIA

Immagine2
“Non riusciva neanche a parlare”. Sono le parole del direttore generale dell’ospedale Cardarelli, Ciro Verdoliva, in merito alla brutale aggressione subita dall’infermiere Antonio Ferrara intervenuto in difesa di una donna addetta alle pulizie del reparto.
Entrambi sono stati aggrediti sabato mattina da un uomo di 33 anni, ricoverato nell’Unità Operativa Complessa di Nefrologia, e denunciato successivamente dagli agenti del commissariato Arenella. Addetta alle pulizie e infermiere sono stati medicati al pronto soccorso riportando una prognosi di 7 e 10 giorni.
continua
Aziende Ospedaliere

I VANTAGGI DEL DIGITALE PER IL TRATTAMENTO DEI PAZIENTI ONCOLOGICI

Immagine1

IRCCS DI CANDIOLO: Day hospital oncologico, i vantaggi del digitale: avviene in Piemonte

Il trattamento dei pazienti oncologici presenta complessità che sono una sfida organizzativa per il Day Hospital Oncologico. Ecco in che modo, attraverso l’informatizzazione delle attività cliniche e la profonda riorganizzazione, l’istituto di Candiolo, primo IRCCS del Piemonte ha migliorato l’efficienza del servizio

L’informatizzazione delle attività cliniche può aiutare il Day Hospital oncologico ad affrontare sfide organizzative complesse, legate al fatto che una buona parte di pazienti con malattia oncologica possono essere considerati cronici. Lo dimostra l’esperienza dell’istituto di Candiolo, che analizziamo qui nel dettaglio.

continua
Aziende Ospedaliere

RELIGIOSITA’ E PSICHIATRIA IN AMBITO CLINICO

Immagine4
E’ risaputo anche in ambito clinico che la malattia mentale comporta una grande sofferenza non solo a livello psico emotivo ma anche spirituale: in un momento culturale, come quello che stiamo vivendo, nel quale la sofferenza sembra aver perso ogni significato e la preparazione professionale sembra avere una valenza quasi esclusivamente tecnica, l’operatore sanitario, oltre all’impegno etico della preparazione scientifica, necessita di una formazione umana, che risponda alle diverse dimensioni dell’uomo, compresa quella spirituale.
Da anni i Fatebenefratelli approfondiscono questo tema con un corso sull’accompagnamento spirituale del malato come obiettivo terapeutico e il 30 ottobre promuoveranno un corso per le professioni sanitarie su “Neuroscienze, psichiatria e spiritualità” che condividerà numerose esperienze del rapporto tra religiosità e psichiatria. Il corso si terrà presso l’Irccs Fatebenefratelli a Brescia. Iscrizioni aperte, info: cverzeletti@fatebenefratelli.eu
continua
Aziende Ospedaliere

LE BARELLE? A VOLTE RITORNANO

Immagine3

«nell’azienda ospedaliera Cardarelli continua la sosta di decine di barelle fuori dal reparto OBI (Osservazione breve e intensiva), aggravata dal passaggio continuo di decine persone che accedono al Pronto Soccorso, il che si traduce in gravi mancanze di rispetto per la privacy dei pazienti, costretti ad essere controllati o curati di fronte ad altre persone. Sono settimane che denuncio le condizioni dei suddetti pazienti, nel totale disinteresse della direzione generale, per cui chiedo nuovamente al presidente De Luca un suo intervento, per normalizzare finalmente una situazione a dir poco scandalosa. Spero che quest’ultima denuncia trovi finalmente risposta ma, se ciò non dovesse accadere, dovrò presentare un’interrogazione in consiglio regionale».

continua