chiudi

Istituzioni

Aziende Sanitarie

ASSL CARBONIA: SINDACATO INFERMIERISTICO LESO DA INFERMIERI?

Immagine12

Riceviamo e pubblichiamo

Dirigente Sindacale Territoriale NURSING UP

Cagliari 09/11/2019 A

Commissario Straordinario ATS Sardegna

Oggetto: Replica del Nursing Up all’articolo di “compartosanità.it” del 9 Novembre con titolo INFERMIERI LESI DAL SINDACATO INFERMIERISTICO.

Il Sindacato Nursing Up ha conquistato la massima rappresentatività a livello nazionale.

Lo scrivente Dirigente Territoriale Nursing Up Diego Murracino è un sindacalista con oltre venticinque anni di esperienza e impegno a tutela degli infermieri sardi, è componente della delegazione trattante di parte sindacale nella Ats Sardegna, nella Az.Brotzu e nella AOU di Cagliari. Chiunque interessato può ricercare sul web le iniziative Nursing Up a firma dello scrivente.

Al fine di tutelare gli infermieri del Reparto di Medicina del Sirai il Nursing Up ha scritto alla Direzione ATS, e inviato un comunicato stampa nel rispetto delle prerogative sindacali per le quali non necessita l’autorizzazione da parte di terzi compresi gli stessi infermieri.

Le relazioni sindacali avvengono tra i Dirigenti della Azienda e il sindacato, pertanto ci aspettiamo una risposta da parte della Direzione aziendale, coordinatori e infermieri non hanno titolo a relazionarsi e rispondere per conto della Direzione tanto meno inviare comunicati stampa contravvenendo peraltro alle disposizioni aziendali.

Passando alla sostanza, il Nursing Up ha denunciato a mezzo stampa il fatto che gli infermieri del reparto di Medicina del Sirai inseriscano nel sistema informatizzato le prescrizioni di esami ematochimici contravvenedo alla stessa circolare del Direttore sanitario della Ats che esplicita che si tratta di un atto medico non delegabile.

La questione è seria, la collaborazione tra medico e infermiere deve avvenire nel rispetto dei ruoli, nell’articolo pubblicato dal Compartosanità.it basato su una lettera della quale non è riportata l’identità dei firmatari, gli stessi ammettono di contravvenire alla disposizione della Direzione Sanitaria e di sostituirsi nell’utilizzo del sistema informatizzato previsto alla figura del medico.

Ci meraviglia leggere che esistano ancora gruppi di infermieri che hanno bisogno di recepire una circolare del Direttore Sanitario per venire a conoscenza dei confini delle competenze tra medici e infermieri, e l’idea che l’infermiere sia in alcune realtà ancora succube di una mentalità ancellare al servizio del medico è sconvolgente.

Si deduce che per alcuni infermieri non è ancora chiaro che l’inserimento delle prescrizioni nel sistema informatizzato è l’atto stesso di prescrizione con valore giuridico.

Per quale logica l’infermiere deve trascurare le proprie funzioni a danno della stessa assistenza per fare l’assistente personale del medico?

Il sindacato degli infermieri Nursing Up per le criticità in oggetto chiede un incontro sindacale urgente con il Commissario Straordinario della ATS Sardegna nel rispetto delle prerogative sindacali vigenti.

Diego Murracino
Lunga vita al Nursing Up Dirigente Sindacale Territoriale
NURSING UP

continua
Aziende Sanitarie

ASSL CARBONIA: INFERMIERI LESI DA SINDACATO INFERMIERISTICO?

Immagine4

Per un pugno di tessere, una associazione sindacale perde di credibilitá, fulminata sulla via di Damasco dalla “talpa” che ha reso informazioni prive di fondamento.

L’OPI di riferimento tutelerá in ogni sede l’immagine, la dignitá e il decoro della professione infermieristica lesa da simili aberrazioni comunicative e prontamente smentite dai diretti interessati e dai fatti?

Ci sono sindacalisti e presunti sindacalisti, talpe e presunte talpe. Per la tessera di una, non si può andare contro la dignitá di un intero gruppo professionale.

 

 

 

Caos all’ospedale di Carbonia: “Infermieri costretti a compilare gli esami al posto dei medici”

continua
FNOPI

TRA ART. 52 E SENTENZA VENTURI

FB_IMG_1555165528690

L’articolo 52 del Codice degli infermieri dispone che “L’Ordine Professionale non interviene nei confronti dell’Infermiere impegnato in incarichi politico istituzionali nell’esercizio delle relative funzioni”.

È arrivato prima della sentenza Venturi.

È stato buonsenso.

È stata lungimiranza.

Asserire che sia un articolo deprivato di conseguenze politiche e pratiche e che non doveva essere incluso nel Codice Deontologia Infermieristica, è rinnegare l’appartenenza e la storia.

Strumentalizzare ad ogni piè sospinto contesti ed ambiti per andare contro la rappresentanza professionale è patetico.

continua
Sicurezza sul Lavoro

NESSUNA SANZIONE SENZA VALUTAZIONE DEL GIUDICE SUL MODELLO ORGANIZZATIVO AZIENDALE

Immagine1

Le responsabilità aziendali da reati colposi di evento in violazione delle norme antinfortunistiche sono prerogative di accertamento preliminare del giudice di merito sull’esistenza di un modello organizzativo e di gestione, ai sensi dell’art. 6 d.lgs. n. 231/2001, che indica che l’ente è responsabile per i reati commessi nel suo interesse o a suo vantaggio da persone che rivestono ruoli di rappresentanza, di amministrazione o di direzione dell’ente stesso; da persone sottoposte alla direzione o alla vigilanza di uno dei soggetti di cui prima. Non risponde invece se le persone sopra indicare hanno agito nell’interesse esclusivo proprio o di terzi.

Corte di Cassazione, con sentenza n. 43656/19, deposito del 28 ottobre.

La mancata adozione e/o violazione delle norme antinfortunistiche per far conseguire un’utilità alla persona giuridica e una riduzione dei costi, è sempre inaccettabile (ndr)

 

continua
FNOPI

VENTURI: #SILENZIOPARLAFNOPI

IMG-20190404-WA0003

#silenzioparlafnopi sta diventando un cult. È il nostro rimarcare prese di posizione strategiche, politiche ed istituzionali che da sole valgono il prezzo del lettura e del biglietto. (Ndr)

Consulta sulla radiazione dell’assessore Venturi, FNOPI:
“Sentenza in piena armonia con il Codice deontologico degli infermieri”

La sentenza della Corte costituzionale che annulla la radiazione dall’ordine dei medici dell’assessore alla Salute dell’Emilia-Romagna Sergio Venturi, “colpevole” di aver “proposto e contribuito ad approvare una delibera della Giunta regionale sulla possibilità di impiegare infermieri nelle ambulanze anche in assenza dei medici.

continua
FNOPI

TRIAGE: #SILENZIOPARLAFNOPI

Immagine1

In merito agli attacchi strumentali e privi di fondamento logico, scientifico e anche normativo-giuridico, sulla competenza degli infermieri nel triage ospedaliero, questa Federazione ritiene di non dover alimentare sacche di provocazione che oltre a lasciare il tempo che trovano, abbandonate a sé stesse sono ovviamente destinate a finire nel nulla.

continua