chiudi

Istituzioni

FNOPI

STRINGIAMOCI A COORTE, L’ITALIA CHIAMÒ

Screenshot_20210121-165629494 (1)

Li troviamo negli scaffali dei supermercati.

Ci associamo alla Fnopi per ringraziare pubblicamente tutti quanti stanno rinnovando, anche attraverso questa campagna con Mulino Bianco, la propria stima e vicinanza al progetto #NoiConGliInfermieri, un fondo di solidarietà decisivo per tutti i colleghi colpiti da #Covid19 e per le loro famiglie.

E a proposito di famiglie dei colleghi infermieri deceduti, i nostri “Abbracci” sono per loro, da nord a sud, da est ad ovest, dal Friuli alla Sicilia, dalla Valle d’Aosta alla Puglia, dalla Sardegna al Trentino.

Chiamasi: Italia.

continua
ARAN

ARAN SULLE RETRIBUZIONI DEI PUBBLICI DIPENDENTI

photo-1509228627152-72ae9ae6848d

Rapporto semestrale Aran sulle retribuzioni dei pubblici dipendenti

Il nuovo numero del “Rapporto semestrale Aran sulle retribuzioni dei pubblici dipendenti” fornisce, a conclusione della stagione contrattuale 2016-2018, la sintesi sulla tempistica dei rinnovi con la specifica delle singole fasi e tappe procedurali (sia per le aree dirigenziali che per il personale dei comparti). Con la firma del contratto dell’Area dirigenziale delle Funzioni locali, avvenuta nel mese di dicembre del 2020, si è infatti sostanzialmente completato il percorso dei rinnovi 2016-2018, avviato nel luglio del 2017.

Sulla base dei dati di Contabilità Nazionale Istat, il Rapporto prosegue mostrando gli effetti di tali rinnovi contrattuali sulle retribuzioni di fatto, sia in una prospettiva temporale che di confronto con i settori privati. I dati evidenziano un tasso medio di crescita nel periodo 2015-2019 dell’1,5% a fronte dello 0,9% del settore privato. Nel quinquennio precedente, 2015-2010, le retribuzioni nel pubblico hanno avuto un arretramento dello 0,5%, a causa del blocco dei contratti, contro una crescita dell’1,4% nel privato. Guardando invece al ventennio 2000-2019, la crescita media nella PA è stata del 2% che si confronta con un 2,1% per il privato.

continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

INFERMIERISTICA BERGAMO: VALORE INESTIMABILE

16995133245585513236

La comunità professionale infermieristica della provincia di Bergamo con i suoi 7000 iscritti e rappresentata dal Consiglio Direttivo  Opi BG e presieduta da Gianluca Solitro, avrà il privilegio di avere conferita la medaglia d’oro della Città di Begamo.

Sarà donata dal sindaco Gori a nome della giunta e del consiglio comunale e per volere dei cittadini.

Era sin dal principio chiaro a tutti che gli infermieri della bergamasca fossero stati artefici di un gesto assistenziale esemplare nella congiuntura emergenziale nella quale era confinati quale “coraggiosa opera di cura e straordinaria dedizione espressa dagli infermieri durante la fase più tragica dell’emergenza pandemica“.

OPI Bergamo riceverà  questa onoreficenza condividendola con ogni singolo/a infermiere/a che in prima linea o dietro le quinte ha permesso di far reggere il sistema e l’organizzazione sanitaria e di salvare numerose vite messe a rischio dalla pandemia di Covid-19, ma non solo.

Di straordinario in questo evento è la continuità professionale nel tempo: l’infermieristica bergamasca si è mossa nel solco dell’agire di tutti i giorni e anni precedenti, che non erano sotto i riflettori ma non meno importanti e aderenti al mandato professionale e istituzionale di sempre di cui al profilo e al codice deontologico: assistere senza lasciare solo e indietro nessuno.

Riconoscimento, quindi, meritato più che doveroso, e dal valore inestimabile.

Per tutto il resto c’è Mastercard.

 

continua
Aziende Sanitarie

CHI DORME NON SALVA I VACCINI

photo-1503596476-1c12a8ba09a9

Sopralluogo dei carabinieri del Nas di Bologna all’ospedale Morgagni Pierantoni di Forlì dopo il caso, segnalato ieri sera dalla stessa Ausl Romagna, di 800 dosi di vaccino Moderna che sono andate perse per un guasto al congelatore dove erano stoccati.

continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

INTIMIDAZIONI VERSO UN ORDINE PROFESSIONI INFERMIERISTICHE?

Screenshot_20210116-072512511_1_1

Un tale Marco A., in piena fase agitatoria, verga questo editto:

“Chi minaccia i propri iscritti viene denunciato e punito penalmente.

Si ricorda alla Presidente Opi Treviso che questo non è un vaccino ma una terapia genica tossica mai sperimentata prima sull’essere umano.

Pertanto ogni minaccia in tal senso viene perseguita penalmente con denuncia al tpi.

Continui così, poi non si lamenti.

A. Marco”

continua
Aziende Sanitarie

77 INFERMIERI DI FAMIGLIA IN ASST RHODENSE

Bundesstraße_77_number.svg

Pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia n. 52 del 23 dicembre 2020, è indetto dall’Azienda Socio Sanitaria Territoriale Rhodense un Concorso Infermieri volto a  coprire 77 posti da Infermiere di famiglia o comunità.

Il bando, che prevede l’assunzione a tempo pieno e indeterminato, si inserisce nell’ambito del piano di potenziamento e riorganizzazione della rete assistenziale territoriale.

continua
Aziende Sanitarie

154 CPSI IN ASSP TRENTO A TEMPO INDETERMINATO

photo-1496024840928-4c417adf211d
Apss, assunti 154 infermieri a tempo indeterminato
Il direttore generale dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari Pier Paolo Benetollo ha disposto l’assunzione a tempo indeterminato per 154 infermieri che lavoreranno in diverse strutture di Apss, sia ospedaliere, sia territoriali. Le assunzioni sono frutto in gran parte di un concorso pubblico indetto a dicembre 2019 e la cui graduatoria è stata approvata lo scorso novembre, dopo alcuni rallentamenti nelle procedure di selezione dovute alle normative anti Covid previste anche per i concorsi pubblici. Apss ha voluto fortemente investire sulla stabilità delle professioni sanitarie nonostante le difficoltà di questo periodo storico.
continua
Aziende Sanitarie

ASL5 SARZANA: 12 + 3, IO PENSO POSITIVO

3883a48de48d84c11dd70635370f8205

(ANSA) – SARZANA, 15 GEN – Quindici tra medici e infermieri sono risultati positivi al covid all’ospedale San Bartolomeo di Sarzana (La Spezia), struttura interamente dedicata ad accogliere pazienti con covid. Sono 12 infermieri e 3 medici che lavorano in cardiologia, dialisi, geriatria, medicina, medicina multispecialistica, urologia e rianimazione. A molti di questi era già stata somministrata la prima dose di vaccino Pfizer. Lo rende noto la Asl5. Il servizio delle cure è garantito. Positivi anche 3 operatori di una coop in servizio all’ospedale. Asl5 ripete settimanalmente il tampone a tutto il personale (ANSA).

https://www.google.com/amp/s/www.ansa.it/amp/liguria/notizie/2021/01/15/15-medici-e-infermieri-positivi-in-ospedale-covid_2fa5f95b-800c-42f1-b2b3-ac61a3549ec5.html

 

 

continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

UNIVANVITELLI: CHI DI INCARICO COLPISCE, DI DIFFIDA/ESPOSTO PERISCE

photo-1522244196964-68003e683e15

L’Opi Napoli diffida l’Università “Vanvitelli”

L’Ordine delle professioni infermieristiche di Napoli ha diffidato formalmente l’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”.
Inoltre, ha avvertito l’Ateneo, nella persona del Rettore Gianfranco Nicoletti, che all’atto di diffida seguirà entro sette giorni il ricorso alle vie legali nel caso di inottemperanza.
continua
ORDINI PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

ASL SULCIS: PARI OPPORTUNITA’ E DI TRATTAMENTO NELL’ASSEGNAZIONE DI PERSONALE INFERMIERISTICO

photo-1583782385538-c55baa9420ff

E’ interesse dei Cittadini e di ASL Carbonia  adeguare tutte le dotazioni organiche carenti e consentire ai Servizi e alle SC e SS anche del Sulcis Iglesiente di poter garantire continuità assistenziale e qualità delle prestazioni.

opi su dotazione organica assl carbonia opi su dotazione organica assl carbonia

 

Carbonia Iglesias 15 Gennaio 2021 prot. 46/21

All’Assessore alla Sanità dr. Mario Nieddu

Al Commissario Straordinario ARES Sardegna dr. Massimo Temussi

Al Commissario Straordinario ASL Sulcis dr. Gianfranco Casu

Oggetto: ASSEGNAZIONE INFERMIERI IN SELEZIONE-MOBILITA’ AD ASSL CARBONIA

Gentile Assessore alla Sanità, Illustri Commissari Straordinari,

apprendiamo che in data 14 gennaio us, durante la video conferenza socio sanitaria territoriale del Sulcis, relativamente alla gravissima carenza di CPS Infermieri in ASSL Carbonia, si sarebbero comunicate ai Sindaci di asserite difficoltà nel reperire risorse professionali infermieristiche in quanto “nessun infermiere vorrebbe essere destinato ai PPOO e ai servizi in ASSL Carbonia”.

continua