chiudi
Sentenze

IL GARANTE DELLA PRIVACY SU TRATTAMENTO ASL ELENCHI COVID+

322.0.1020033605-kr0g-u32501952037826puh-656x492corriere-web-brescia_414x232_M

Un Comune ha ricevuto l’elenco delle persone risultate positive al virus tramite una casella di posta elettronica generica consultabile da tutti i dipendenti, e per questo motivo ha presentato una segnalazione al Garante.

L’ASL si è quindi subito messa a disposizione dell’Autorità evidenziando di aver immediatamente adottato misure più pertinenti per tutelare la riservatezza delle persone tra cui la cifratura degli elenchi, ai sensi dell’art. 32, GDPR.

Solo il personale coinvolto operativamente nelle attività istituzionali dell’ente, in qualità di personale autorizzato al trattamento dei dati, può avere accesso a queste informazioni.

Il Garante evidenzia l’illiceità del trattamento dei dati personali effettuato dall’ASL ritenendo sufficiente ammonire il titolare del trattamento.

 

Fonte Diritto e Giustizia