chiudi
Editoriali

E’ TEMPO DI COSTRUTTORI DI POLITICA E SINDACATO E DI NUOVE NOTE CIVICHE

photo-1522249210728-7cd95094022a

Proponiamo uno stralcio dell’editoriale del Direttore de La Stampa, certamente applicabile alle prospettive di chi deve costruire un nuovo impianto anche nelle relazioni sindacali e strutturare una contrattazione collettiva adeguata ai tempi e ai lavoratori professionisti. (ndr)

È tempo di «costruttori».

Sergio Mattarella non poteva trovare immagine più iconica, per riassumere in una parola le qualità richieste alla classe dirigente di un Paese chiamato all’appuntamento con la Storia.

Mi sono chiesto: chi sono i «costruttori» di politica (e sindacato, ndr), oggi, nel mondo (del lavoro, ndr) in macerie devastato da una pandemia inafferrabile e una recessione implacabile?

Sono quelli capaci di ridare missione e visione alle nazioni. (e alle aziende, alle oo.ss, ai lavoratori, ndr)

Di alzare la testa dalle piccole miserie quotidiane e gettare lo sguardo agli orizzonti più vasti e più lontani.

Di sacrificare l’interesse proprio al bene comune.

Di togliere qualcosa ai padri per lasciare qualcosa ai figli.

Di rimettere insieme con passione e dedizione ogni piccola pietra dispersa.

Di cementare la casa comune con pochi principi condivisi.

Modernità ed equità, meriti e diritti, innovazione ed inclusione.

Rovistando negli armadi del passato qualcosa l’ho trovata.

Poi ho aperto i cassetti del presente, e non ho trovato niente.

Massimo Giannini

Segue su:

https://www.lastampa.it/topnews/firme/l-editoriale-massimo-giannini/2021/01/03/news/i-costruttori-che-mancano-a-questo-paese-1.39725137