chiudi
CGIL

DOPO RSA CAPOSOPRANO? CASA PROTETTA I GIRASOLI

photo-1587935849212-67aefe6258a1

Dopo i contagi alla Rsa Caposoprano e le richieste di rispetto dei protocolli arrivati dal sindacato, la Fp-Cgil chiede di fare chiarezza anche su un’altra struttura del territorio “I Girasoli”, che rientra nella stessa gestione della residenza sanitaria assistita.

“La situazione emergenziale che si sta verificando in modo sempre più dirompente nel territorio di Gela ci impone un ulteriore intervento e richiesta di confronto sindacale a tutela dei lavoratori coinvolti e dell’utenza.

 

Interveniamo ancora una volta nell’ambito della sanità privata e nello specifico chiediamo tutele per i lavoratori e i degenti della Casa protetta per anziani “I Girasoli Residence” – dicono i sindacalisti Rosanna Moncada e Nicola Cannizzo – la vicenda rappresentata agli inizi di gennaio da questa organizzazione sindacale per la salvaguardia dei lavoratori della Rsa di Caposoprano sembrerebbe avere un grave prosieguo a danno dei lavoratori dipendenti della Casa protetta per anziani “I Girasoli residence”.

Sembrerebbe che i lavoratori abbiano ricevuto disposizioni per prestare servizio presso la Rsa di Caposoprano, attualmente carente di personale a causa dei contagi verificatosi”. Una decisione sulla quale il sindacato pone tante riserve, anzitutto per la sicurezza dei lavoratori.

La Fp-Cgil provinciale e territoriale solleva una possibile illegittimità della scelta assunta dalla direzione. “La questione riguarda la legittimità di questi provvedimenti e sicuramente l’opportunità, considerato che, si tampona da una parte e si sguarnisce dall’altra. Considerato, inoltre, che questo personale, al di là del fatto che ci siano dei provvedimenti legittimi al trasferimento, non può sicuramente rischiare di di non essere salvaguardato in termini di sicurezza come deve essere assolutamente salvaguardata l’utenza, con soggetti particolarmente fragili in questa terribile emergenza sanitaria. Affermiamo questo nella considerazione che nonostante le rassicurazioni espresse da parte della struttura di Caposoprano – aggiungono – di fatto gli eventi in termini di contagi del personale hanno dimostrato il contrario. La tutela della sicurezza nei posti di lavoro resta condizione fondamentale ed imprescindibile per garantire un servizio essenziale quale è quello della salute”.

 

https://www.quotidianodigela.it/a-rischio-sicurezza-lavoratori-i-girasoli-fp-cgil-perche-trasferiti-alla-rsa/