chiudi
Contratti Collettivi

CIMO A GAMBA TESA SUL COMPARTO SANITA’, MA QUANDO LA SPEREQUAZIONE ERA NEI FATTI DOV’ERA?

Immagine1

L’organizzazione sindacale CIMO piange al telefono. Quando le sperequazioni tra comparto e dirigenza erano cristallizzate e di fatto, era forse distratta e non pervenuta. (ndr)

CIMO PRONTA AD ABBANDONARE TAVOLO TECNICO IN ARAN E CHIEDE RIAPERTURA ACCORDO SU INTERO COMPARTO SANITÀ – 20.09.2018

giovedì 20 settembre 2018

E CHIEDE RIAPERTURA ACCORDO SU INTERO COMPARTO SANITÀ

Quici: “Vogliamo un contratto di qualità, basta con il gioco al ribasso sul lavoro dei medici”
Roma, 20 settembre 2018 – Il sindacato dei medici CIMO comunica che è pronto ad abbandonare la prossima settimana il tavolo ARAN sul rinnovo del contratto dei medici, in quanto la discussione è sostanzialmente bloccata dagli accordi peggiorativi mutuati dal comparto sanità, che a questo punto devono essere rivisti.

“Riteniamo che l’obiettivo prioritario, oltre al livello economico, sia un contratto di qualità, di tutela del personale, di miglioramento delle condizioni di lavoro quotidiane, di aggiornamento e crescita professionale, di sicurezza delle cure – afferma il Presidente Nazionale Guido Quici – per cui, se il contratto del comparto sanità costituisce ora un vero e proprio “tappo” a quello della dirigenza medica, allora è giusto riaprire anche il primo per rendere qualitativamente dignitoso il lavoro di tutti i dipendenti del SSN. Non possiamo continuare con questo gioco al ribasso, in cui rischiano di perdere tutti.”