chiudi
cronache

AMBULANZE IN CODICE ROSSO, ROSSISSIMO. TRUFFA AL 118?

Immagine6

Nel mirino delle Fiamme gialle è finita una Onlus che opera nel settore del soccorso in emergenza del 118 e gli accertamenti sono partiti – sotto il coordinamento della Procura – da alcune anomalie che i finanzieri di Tempio hanno rilevato in merito alla convenzione stipulata con la Asl.

Il presidente della Onlus è stato denunciato per truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche dato che è emerso che la convenzione per le attività di soccorso per conto della Asl 2 di Olbia sarebbe stata stipulata sotto la presentazione di false dichiarazioni. I documenti contestati riguardano le caratteristiche tecniche dei mezzi in dotazione che sono risultate poi ambulanze vecchie e non idonee, oltre ad avere un chilometraggio scalato ad hoc al fine di rientrare nei requisiti previsti dalle norme vigenti.

Questi consistevano nella disposizione per cui i mezzi impiegati dovevano avere immatricolazione non superiore a sei anni e percorrenza massima di 200mila chilometri. Invece per l’ambulanza in servizio a Sant’Antonio di Gallura le Fiamme gialle hanno accertato un’età di sette anni, per quella di Vignola Mare una percorrenza di oltre 220mila chilometri a fronte degli 81mila falsamente dichiarati.

Ma non è tutto: i mezzi di soccorso operavano anche senza la copertura assicurativa Rca.

La Guardia di finanza ha quindi eseguito il decreto di sequestro preventivo per due ambulanze, una automedica e le somme indebitamente percepite dall’Azienda Tutela Salute Sardegna – ASSL Olbia, per un importo complessivo pari a 152.356,25 euro.

https://www.unionesarda.it/articolo/news-sardegna/gallura/2019/06/21/truffa-al-118-in-gallurasequestrate-due-ambulanze-136-895789.html